Dogo Canario

dogo canario
Dogo canario, meno famoso di quello argentino, è un cane nato nelle isole spagnole, di tipo molossoide. Taglia media, fisico potente, nato per combattere, dedicandosi poi ai greggi, il Dogo canario è un animale agile e slanciato, dal carattere forte e dal pelo tigrato o fulvo.

Dichiarati illegali i combattimenti tra cani ha rischiati di estinguersi, poi è rinato e ha trovato ricollocazione nell’universo canino e nel cuore di vari appassionati di Dogo. Questa sua caparbia determinazione va premiata, conoscendolo bene senza dare per scontato che sia il solito cane aggressivo.



 

Dogo canario: origini

Nato nelle Isole di Tenerife e Gran Canaria, e nelle Isole Canarie, il Dogo canario ha come avi l’English Mastiff, arrivato nell’arcipelago verso il 1800, e il bardino majorero, una razza attualmente estinta o quasi. Da questi due cani con gli anni nella quiete delle Canarie è stato selezionato lui, per il preciso scopo di vincere nei combattimenti tra simili. Come vedremo dalle sue caratteristiche fisiche, gli allevatori del tempo hanno fatto un ottimo lavoro: fisicamente il Dogo canario è “tosto”.

Tutto è proseguito bene per questa razza che nel XVIesimo e XVIIesimo secolo ha avuto un boom di presenze, andando ad occuparsi anche dei greggi e dei bovini, accompagnando e proteggendo questi animali. Con lo stop ai combattimenti ha ovviamente avvertito uno stop la sua diffusione, ha rischiato molto, ma oggi, in verità da qualche decennio, è tornato in auge. Ancora di più dal 2009 quando la legge che lo vedeva in una Lista di razze pericolose è stata eliminata. L’attuale Dogo canario che oggi conosciamo fa riferimento alo standard ufficiale aggiornato nel 2001.

dogo canario

Dogo canario: aspetto

Taglia media, struttura grande, però, e anche robusta, energica. Andatura agile ed elastica, corporatura longilinea soprattutto nella femmina: il maschio al garrese misura 60 – 65 cm e pesa 50 Kg, come minimo,la femmina minimo 40 ed è alta 56 – 61 cm. La testa del Dogo canario è quel che si dice “un testone”, larga e pesante, il muso ha la forma squadrato e ben ampio, le labbra viste di fronte formano una V capovolta mentre il tartufo, piuttosto ampio, può essere nero o pigmentato ma quasi nero.

Scuri devono essere anche gli occhi del Dogo canario, leggermente ovali, piuttosto grandi e allineati ma distanziato: non possono essere chiari. Le orecchie di media misura sono cadenti ai fianchi del muso mentre la coda parte spessa e va restringendosi sulla punta, e non è lunghissima.

dogo canario

Dogo Canario nero

Il Dogo canario nero si vede ogni tanto in giro, non si può negare, ma in verità non è ammesso dallo standard. Se si ha un allevamento o si pensa alla riproduzione, è un colore da evitare. Per quanto possa piacere a chi non è esperto e non sa che è “fuori dai canoni”. Come tutti gli altri cani appartenenti alla razza del Dogo canario, comunque, anche i neri hanno pelo corto e duro, rustico e direi anche ruvido, al tatto.

Non ci sono creste, e neanche sottopelo, la lunghezza non è inoltre perfettamente omogenea: il pelo si fa corto e fine agli orecchi, leggermente più lungo al garrese e sulle natiche. Venendo ai colori, escluso il neroche è stato “bocciato”, per il Dogo canario abbiamo il fulvo, in tutta la sua gamma fino al sabbia, e il tigrato che può spaziare dallo scuro molto caldo al grigio molto chiaro o al biondo.

Macchie bianche sono ammesse sul petto, alla base del collo, sulle zampe anteriori o sulle dita posteriori, ma diciamo che non è gradito e se non compare è meglio. Se non può essere tutto nero, il Dogo canario di nero deve avere la sua maschera, ma non sopra l’altezza degli occhi.

dogo canario

Dogo Canario: carattere

E se vi dicessi che il Dogo canario, a vederlo senza sapere del suo passato, ha proprio un aspetto sereno? Ebbene sì, è così. Non sereno spensierato,ma attento e vivace. Nulla però fa sospettare che sia nato per scopi che conosciamo. E’ un cane equilibrato e che sa gestirsi, sa anche gestire molto bene il gregge o condurre il bestiame bovino. Non abbaia per nulla ma ha una voce riconoscibile e piuttosto grave e profonda che lo rende unico e…un buon allarme per la casa.

Come cane da compagnia il Dogo canario va benissimo, si affeziona molto al padrone e alla famiglia, solo con gli estranei mostra diffidenza e non va certo a fare amicizia con il primo che passa chiedendo coccole,come fanno cani di altre razze, spudoratamente.

E io con un pastore Bernese in casa ne so qualcosa. Questa diffidenza, la sua espressione di distacco, possono spaventare, ma è solo sicuro di sé, senza alcuna intenzione, è deciso, fermo e con lo sguardo vigile. Da pecore o mucche gli si obbedisce, da ladri, lo si teme, da padroni, lo si accarezza fieri.

dogo canario

Dogo canario vs Dogo argentino

Una lotta tra dogo e dogo, non reale, ma a suon di smentite sui loro lati aggressivi che entrambi non hanno. Certo per essere i loro padroni è necessario avere un po’ di fermezza, ed educarli fin da piccoli a stare con gli umani e ad ascoltare il capo della casa. Questo vale sopratutto per il Dogo argentino, il dogo canario è anche leggermente più minuto.

Evidente è la differenza dei colori, il sudamericano è bianco mentre di questo colore nel dogo canario se ne vede ben poco. E’ indesiderato anche se ammesso: tollerato per qualche macchia localizzata. Il carattere dei due cani è piuttosto simile e viene da suggerire che si tratta di scegliere veramente per la tinta se non per l’aspetto fisico generale. Anche come prezzo, siamo nell’intorno dei 1000 euro in entrambi i casi e in entrambi i casi tra il serio e il faceto io mi attrezzerei con un cartello di “attenti al cane” dedicato. Quasi vintage.

dogo canario

Spesso si trova il dogo canario paragonato al cane corso. Ma quella è un’altra storia. Vi invito però a conoscere questa razza, tra l’altro di origine deliziosamente italiana.

Dogo Canario: prezzo

Un cucciolo di Dogo canario può costare circa 800 – 1000 euro, dipende molto dalla zona dove lo si prende. Non è molto diffuso e questo non è molto a favore della convenienza. La sua vita media è piuttosto lunga per la taglia grande che porta: attorno ai 14 anni. Inoltre non soffre di particolari patologie, questo non vuol dire che non si debba stare attenti alla sua salute e alla sua alimentazione. Anche il pelo, però, essendo corto, non richiede toilettature frequenti.

Dogo canario: video

“la pazienza del dogo canario” intitolerei questo video di uno di questi cani vittima dell’entusiasmo e dell’affetto di una bimba. Con i numerosi video che girano per mostrare che è un cattivone, eccone uno che fa comprendere come un cane, anche un dogo canario, ben educato, è dolcissimo.

La prudenza non è mai troppa, anche i cani come noi esseri umani d’altronde, non si sa mai cosa hanno in testa. Come si suol dire…ma godiamoci questo video.

Se vi è piaciuto questo articolo animalesco continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi!

Altri nostri articoli correlati che possono interessarti:

Pubblicato da Marta Abbà il 28 febbraio 2016