Dogue De Bordeaux: carattere e prezzo

 

Dogue de Bordeaux

Dogue de Bordeaux, cane grande, pesante, affettuoso, dolce e che sbava per diventare il vostro cane. Sì, gli schizzinosi si scordino di adottare un Dogue de Bordeaux, ma tutti gli altri si preparino a conoscere una razza meravigliosa di molossoide. Arriva dalla Francia.



Riconosciuto dalla FCI si tratta di un cane docile ma non invadente anche se adorerebbe stare tutto il giorno con il proprio padrone. Nonostante la mole, anche sui piedi o sul divano affianco. Il Dogue de Bordeaux non è solo un coccolone, è anche robusto e intelligente, agile e molto atletico. Deve molto della sua fama e delle sue presenze nei paesi diversi dalla Patria ad alcune comparse in Tv e al cinema. E’ protagonista nel film Turner e il casinaro (1989) con Tom Hanks ed è co-protagonista nella serie tv americana Tequila e Bonetti, doppiato nella versione italiana da Ferruccio Amendola.

Dogue de Bordeaux: origini

Ufficialmente appartiene alla sezione dei cani di tipo pinscher, schnauzer, molossoidi e bovari svizzeri e come accade spesso per i molossi il Dogue de Bordeaux ha origini risalenti a molti anni, secoli, fa. Prima di arrivare in Francia, i suoi antenati bazzicavano in area asiatica, una delle ipotesi più accreditate racconta che il suo progenitore fosse cane che accompagnò, dalle regioni indoeuropee all’Europa, le popolazioni celtiche. E’ nato certamente come cane da combattimento e ci sono documenti e testi che narrano le sue gesta pugnesche nel periodo medioevale.

Il primo standard del Dogue de Bordeaux è stato elaborato dalla Société des Amateurs de Dogues nel 1896, uno standard che ha rischiato di diventare inutile quando con la seconda guerra mondiale questo cane sembrava doversi estinguere. Invece, grazie ai soliti appassionati allevatori suoi fan è rinato ed è anche arrivato a riscuotere un non indifferente successo. Anche fuori dalla Francia. Anche sui set di Hollywood.

Dogue de Bordeaux

Dogue de Bordeaux: aspetto

Cane di taglia medio grande, con una struttura muscolosa ma equilibrata. Il Dogue de Bordeaux ha un fisico da atleta, ma non da”palestrato”. E’ potente, tarchiato, imponente e fiero, ma anche agile. Si nota subito che è basso sugli arti e piuttosto largo di torace, anche la testa è voluminosa e dalla forma trapezoidale con un tartufo largo, narici ben aperte e ben pigmentate di nero o bruno a seconda della maschera. Il collo è cilindrico tanto è muscoloso mentre le orecchie si notano poco, se non fossero di colore più scuro rispetto al resto del mantello. Gli occhi sono scuri e ovali, la coda parte spessa ma poi si affina e a riposo sta abbassata, pendente.

Dogue De Bordeaux: maschera nera

La maschera del Dogue de Bordeaux ne determina la varietà, ne esistono due, quello a maschera nera e quello a maschera rossa. Non hanno molte altre differenze a parte questo tratto fisico che poi si riflette anche nella colorazione del tartufo, come abbiamo già precisato. In generale il pelo del Dogue de Bordeaux, fine, corto e morbido al tatto, può essere color mogano oppure di una delle tinte della gamma del fulvo. E’ uniforme di solito anche se possono comparire, tollerate, sul petto e sui piedi, macchie bianche, ma che siano poco estese!

Dogue de Bordeaux

Dogue De Bordeaux: peso

A detta dello standard dettato dai francesi che stabiliscono anche il peso della razza del Dogue de Bordeaux si ha un limite inferiore sia per il maschio sia per la femmina. Il primo deve pesare almento 50 Kg, la femmina almeno 45. Altro numero dettato dallo standard è l’altezza al garrese: tra i 60 ed i 68 cm per i maschi e tra i 58 ed i 66 cm per le femmine.

Dogue de Bordeaux: carattere

Finalmente parliamo del carattere di questo cane che è veramente adorabile. La sua mole diventa un po’ un inconveniente con tutto l’affetto che dimostra. Ma non è solo un appiccicoso animale: il Dogue de Bordeaux è vigile e coraggioso, senza mai essere aggressivo.

Dolce e paziente con il padrone e anche con i bambini, con i suoi simili si mostra più combattivo: riemergono le sue origini di cane da combattimento. Lo conserva anche quando si tratta di difendere la propria famiglia e la casa: è un ottimo cane da difesa e da guardia, vigila con gran coraggio, ma essere pericolosamente aggressivo.

Dogue de Bordeaux

Dogue De Bordeaux: prezzo

Un cucciolo di Dogue de Bordeaux ha un prezzo che varia dai 700 ai 1000 euro, solitamente. E’ sempre consigliato affidarsi ad esperti e visitare gli allevamenti, chiedendo consiglio anche ad un veterinario di fiducia se non ci si sente sicuri.

Una volta adottato un Dogue de Bordeaux bisogna nutrirlo ed essendo un molossoide di taglia medio-grande, mangia 600-700 grammi di crocchette di qualità al giorno. Per farsi una idea della quantità: naturamente mangia anche cibo umido o quel che volete preparargli, ma attenzione a mantere una dieta sana. Anche per non provocargli problemi di salute, ossa fragili comprese.

Dogue de Bordeaux

Dogue de Bordeaux sbava ?

Eccome. E ho avvisato subito, è una caratteristica che va accettata se si vuole convivere con un Dogue de Bordeaux perché è intrinseca e inevitabile. Inoltre essendo un cane che ama molto il contatto umano, non è possibile sfuggire al suo affetto umidiccio. Ci si convive? Sì, è possibile.

Non sto facendo del terrorismo, ma è importante essere consapevoli che con un Dogue de Bordeaux in casa è molto probabile avere tracce della sua bava su vestiti e divani, uscire di casa per andare al lavoro con sospette macchie sul tailleur o il completo appena ritirato in tintoria. E se qualcuno viene a casa a bere un thé, dovrà fare i conti con il nostro Dogue de Bordeaux.

E’ amabile, è un compromesso accettabile a mio parere, ma ciascuno può decidere se lasciarsi sbavare o ammirarlo da lontano optando per un’altra razza. Mi domando sul set di Hollywood cosa ha combinato: avrà avuto il bavaglino?

Se vi è piaciuto questo articolo animalesco continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi!

Articoli correlati che potrebbero interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 21 febbraio 2016