Cani pigri: caratteristiche e razze

Cani pigri

Cani pigri, a rischio obesità, ma anche più gestibili se devono essere inseriti in un appartamento che non ha il giardino. Ci sono Cani pigri di ogni taglia e ogni colore, sono dolci e simpatici, ma possono irritare quando prendono possesso del divano e non si smuovono. E’ importante forzarli a fare un po’ di moto, il minimo indispensabile per la loro salute, per il resto, lasciamoli rilassare  e rilassiamoci con loro.



Cani pigri: caratteristiche

Non sono per forza ingenui, i Cani pigri, anzi, si inventano ogni tipo di furberia, alcuni, pur di non fare sforzi fisici. Non è il caso del Border Collie, ad esempio, che pur essendo di taglia medio-piccola, è ha una spropositata energia. Ha infatti un continuo bisogno di muoversi, giocare, interagire, alla soglia dell’iperattività.

Un altro cane che non ha tra le sue caratteristiche la pigrizia è il Boxer e l’ho sperimentato di persona con l’ex cucciolo di un caro parente. Anche oggi, ormai in teoria adulto, ha l’animo di un ragazzino e anche l’irrequietezza di chi ha ancora un mondo intero da scoprire. Immagino che non smetterà di pensarlo finché campa, agendo di conseguenza.

Cani pigri

Cani pigri: razze

Ci sono razze di Cani pigri per definizione e la prima della lista è quella del Bulldog: non ama correre o camminare per oltre 5 minuti, anche giocare è un po’ faticoso per questi animale che preferisce scaldare la cuccia. Se gli concediamo il divano, può fare lo sforzo di raggiungerlo ma poi resta lì per almeno mezza giornata se non ha fame prima.

Il Bouledogue Francese non è al livello dell’inglese ma certo non si può dire un tipo iperattivo. Ama dormire e ricopre bene il ruolo di cane buffo e rilassato. Un tempo era segugio, ma oggi se ne è dimenticato o fa finta di non conoscere le proprie origini il Basset Hound, preferendo dedicarsi a una serie di pennichelle per tutta la giornata.

A volte sfodera la scusa delle gambe corte o delle grandi orecchie che non sono comode per correre, in verità non ha voglia e basta. E’ molto affezionato alla famiglia, soprattutto se lo ospita in casa al caldo e lo lascia poltrire.

Cani pigri

Cani pigri: grandi

I cani pigri di taglia grande sono da ospitare in una casa altrettanto grande in modo che, anche se decidono di riposare in corridoio, non blocchino la circolazione della famiglia. Il Bullmastiff è uno dei Cani pigri grandi più buono che esista, ama gli spazi aperti ma li guarda dalla finestra del salotto, mentre sonnecchia su un cuscino.

Pur essendo un cane da caccia, anche il Clumber Spaniel è nella lista dei Cani pigri: resta spaniel ma non assomiglia agli altri spaniel. Loro scorrazzano felici, lui russa sereno.

Anche il Cane Terranova e il Cane San Bernardo sono ottimi esempi di cani pigri XXL, oltre a non sopportare il movimento, soffrono molto il clima caldo, si litigano il soprannome di “giganti gentili”.

Cani pigri

Cani pigri: piccoli 

Il Carlino è il più pigro tra i cani piccoli, basta guardarlo per capire che ama terribilmente dormire e quando lo fa, russa, in un modo che può risultare parecchio fastidioso. Chi desidera un cane di piccola taglia non iperattivo, ma ama il silenzio, meglio che guardi verso razze come il Bassotto. E’ un animale sveglio, fedele, ma che si trova bene in casa, dove gioca ogni tanto senza esagerare, e si gode il relax dell’ambiente domestico.

Chi non può adottare un cane ma ne desidera un da ammirare, che  non disturbi, può acquistarlo e montarne i suoi 500 pezzi. E’ un cane puzzle, in cartone riciclato, a 15 euro su Amazon. Per terminare il puzzle non dobbiamo essere pigri noi, però!

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+, Instagram 

Ti potrebbe interessare anche

Pubblicato da Marta Abbà il 26 febbraio 2017