Cane da pastore dell’Anatolia: allevamenti e prezzo

cane da pastore dell'anatolia

Cane da pastore dell’Anatolia, dalla Turchia un cane molto bello, potente e coraggioso ma decisamente non d’appartamento. E neanche adatto a tutti. Conoscendolo capirete: da una parte la sua massa richiede un fisico bestiale, e la sua indole non è aggressiva ma lo rende un cane che va saputo prendere. Ed educare.



Cane da Pastore dell’Anatolia: origine

Detto anche Anatolian Karabash o Kangal, il Cane da pastore dell’Anatolia è una razza molto antica come lo sono quasi tutte quelle classificate tra i molossoidi. Viene dall’Oriente dove sono stati trovati molti reperti che raffigurano i suoi antenati, molto probabilmente tra questi c’era il Mastino del Tibet che ha accompagnato perfino i Giannizzeri, gli uomini scelti che operavano nel gruppo costituito da Maometto il conquistatore nel XIV secolo.

Ci vuole molto tempo perché la razza diventi nota, aspettiamo infatti fino al 1965 per vedere il primo Club, fondato in Gran Bretagna. Nell’occasione è stato anche redatto il suo primo Standard ufficiale. In Italia il Cane da pastore dell’Anatolia non è uno sconosciuto, ma non è ancora molto diffuso, anche in ragione del fatto che non è facilmente inseribile in casa e in famiglia.

cane da pastore dell'anatolia

Cane da pastore dell’Anatolia: aspetto

La taglia di questo cane è molto grande, l’aspetto è quello tipico di un molossoide. Il suo fisico è imponente, e non è un aggettivo esagerato nel suo caso. Il Cane da pastore dell’Anatolia è muscoloso e massiccio, anche la testa risulta larga e pesante, soprattutto negli esemplari di sesso maschile.

Consideriamo che l’altezza al garrese non è sotto i 74 cm e il peso si aggira attorno ai 50-64 Kg, per la femmina queste cifre si abbassano ma non di molto. Resta anche la femmina di Cane da pastore dell’Anatolia un animale “impegnativo”.

Il tronco è poderoso, muscoloso e mai grasso, il muso è quadrato e mostra delle labbra nere leggermente cascanti, il tartufo sempre nero, tranne che nei rosso bruno, e il collo massiccio. Le orecchie hanno forma triangolare e sono medie di grandezza, arrotondate sulla punta, portate piatte sul cranio. A riposo sono pendenti ma si sollevano quando il cane è all’erta.

Dorati o bruni, gli occhi sono piccoli e distanziati ma profondi e molto espressivi. Sono ammessi tutti i colori per il Cane da pastore dell’Anatolia e il suo pelo corto e folto, è più lungo e folto sul collo e sulle spalle ma ovunque c’è un caratteristico sottopelo.

cane da pastore dell'anatolia

Cane da pastore dell’Anatolia: carattere

Se le dimensioni non permettono di definire il Cane da pastore dell’Anatolia un animale da appartamento, il carattere fa capire che non è adatto a tutti i tipi di padrone. Non è aggressivo, a meno di intrusi o presenze pericolose che minacciano la sua famiglia, ma è un cane con il carattere forte e testardo.

Reattivo, abituato da sempre a fare la guardia alle greggi, il Cane da pastore dell’Anatolia è un grande lavoratore e resiste a condizioni climatiche anche difficili, sia che si tratti di freddo che di caldo.  Al contrario si quello che si può pensare la razza è equilibrata, il problema che può crearsi è legato alla sua natura indipendente, oltretutto è molto intelligente, fiero e sicuro di sé.

Non è difficile insegnargli come fare il guardiano, ha un talento innato per questi ruoli e lo farà in modo “professionale”, senza disturbare ma non facendosi sfuggire nulla. Sempre all’erta ma mostrandosi calmo, docile e mai servile, neanche con proprietario e famiglia. Diciamo che è ubbidiente quanto basta. Non oltre. Con gli altri animali non da problemi se lo si abitua da piccolo a stare in compagnia: riesce ad andare d’accordo anche con i gatti, figuriamoci. E’ che deve convincersi e sentirsi libero.

Cane da pastore dell’Anatolia: allevamenti

In Italia Enci indica come solo allevamento riconosciuto quello lombardo chiamato Turk Aslan Sul loro sito raccontano che si tratta di un allevamento puramente amatoriale, in provincia di Bergamo, ad Abbazia di Albino. 的l nostro è un allevamento rustico con ampi recinti, senza i classici box. I cani sono ben socializzati, le cucciolate sono allevate in una parte della casa e abituate a persone, bambini e animali vari.

Cane da pastore dell’Anatolia: foto

Se non ci sentiamo un tipo da Cane da pastore dell’Anatolia possiamo comunque apprezzarne il fisico muscoloso con qualche immagine in cui mostra tutta la sua bellezza imponente.

cane da pastore dell'anatolia

cane da pastore dell'anatolia

cane da pastore dell'anatolia

Cane da pastore dell’Anatolia: prezzo

Il prezzo di un cucciolo di Cane da pastore dell’Anatolia non è facile da determinare essendo veramente pochi gli esemplari a disposizione. On line se ne trovano anche a 300 euro ma io consiglio sempre di contattare e visitare l’allevamento dove il nostro futuro cucciolo sta crescendo. Se però non abbiamo uno spazio dove farlo crescere felice, cambiamo razza e limitiamoci a guardarne le foto qui sopra. Il Cane da pastore dell’Anatolia ha bisogno di un giardino di medie dimensioni.

Se vi è piaciuto questo articolo animalesco continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi!

Articolo correlato che potrebbe interessarti:

Pubblicato da Marta Abbà il 2 maggio 2016