Cane da Pastore di Ciarplanina

Cane da Pastore di Ciarplanina

Cane da Pastore di Ciarplanina, detto anche Sarplaninac, il suo vero nome trattandosi di un animale originario della Serbia. Appartiene a gruppo dei cani di tipo Pinscher, Schnauzer, Molossoidi e Bovari svizzeri, ha una taglia grande e un fisico robusto e ben proporzionato. Ciò che salta agli occhi, però, è il suo pelo lungo, fitto e non sempre ordinato che gli da un’aria molto rustica e allo stesso tempo più compatto.



Cane da Pastore di Ciarplanina: caratteristiche

Un Cane da Pastore di Ciarplanina maschio ha un’altezza al garrese che può raggiungere e superare i 60 cm, le femmine della stessa razza non sono molto più basse, il peso varia dai 35 ai 45 kg. Al di là del sesso, il corpo è robusto, con un tronco largo e solido, il collo forte e un dorso diritto e non troppo lungo. Anche i fianchi sono abbastanza corti e gli arti devono essere in appiombo, proporzionati, con piedi di forma ovale che danno il passo ad una andatura elastica e decisa.

La testa del Cane da Pastore di Ciarplanina ha una forma leggermente convesso, mostra arcate sopracciliari poco pronunciate come anche lo stop, mentre il tartufo è largo e sempre nero. Le orecchie pendenti hanno una forma a “V” e ricadono contro le guance, gli occhi sono a mandorla e di colore castano, sia scuro sia chiaro, non sono infossati e hanno una espressione calma.

Per quanto riguarda il mantello del Cane da Pastore di Ciarplanina, tutte le sfumature sono ammesse, tranne il bianco, fino al bruno scuro pressoché nero anche se quelle più cercate sono il grigio ferro o il grigio scuro. Le macchie non sono tollerate come neanche lo è una lunghezza minore di 7 cm, per il resto il pelo è più corto su testa, orecchie e parti anteriori delle membra mentre più lungo e folto su tutto il resto del corpo, dove è presente anche il sottopelo corto e più fine.

Cane da Pastore di Ciarplanina

Cane da Pastore di Ciarplanina: carattere

Intelligente e ubbidiente quanto basta, questo cane ha un carattere molto adatto per difendere sia i terreni, che le greggi, che le persone. E’ un quattro zampe calmo e molto devoto al padrone, incorruttibile e sveglio anche se non troppo vivace.

Abituato ad un ambiente un po’ ostile e ad un clima spesso difficile da sopportare, il Cane da Pastore di Ciarplanina si dimostra resistente ai disagi, instancabile nello svolgere il lavoro di cui è stato incaricato e molto protettivo sia con il padrone sia con le pecore.

Con gli estranei non è aggressivo a priori ma non fa subito amicizia, resta diffidente e ha bisogno dei suoi tempi per dare fiducia ed entrare in confidenza: è riservato e leale. Quando decide che gli piacciamo, diventa affettuoso.

Cane da Pastore di Ciarplanina

Cane da Pastore di Ciarplanina: allevamenti

Oggi ENCI non riporta alcun riferimento ad allevamenti che si occupano del Cane da Pastore di Ciarplanina, se ne trovano alcuni on line come quello dei Boschi di Cesate a cui si può pensare di rivolgersi se interessati. I primi allevamenti di questa razza sono iniziati molti anno fa, la selezione per ottenere lo “Yugoslavenski Ovcarski pas Sarplaninac è iniziata nei territori montagnosi al confine con l’Albania.

Si dice che questo cane da pastore sia frutto di incorci tra cani del Tibet e cani autoctoni. Il primo riconoscimento ufficiale per il Cane da Pastore di Ciarplanina è arrivato dalla F.C.I. Nel 1939, con il nome di “Iliriski Ovcar” (“Cane da Pastore dell’Illiria”), poi modificato nell’attuale nel 1957.

Cane da Pastore di Ciarplanina

Cane da Pastore di Ciarplanina: prezzo

Per conoscere il prezzo di un cucciolo è meglio rivolgersi direttamente agli allevamenti che se ne occupano, non è serio sparare cifre su un cane così raro nel nostro paese e anche difficilmente reperibile. Più concretamente possiamo conoscerne i difetti, più ricorrenti, indicati dallo standard dell’ENCI, ad esempio la mancanza di premolari, le macchie bianche, i piedi di lepre e la già citata lunghezza del pelo inferiore ai 7 cm.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 19 ottobre 2016