Cane da pastore della Russia meridionale

Cane da pastore della Russia meridionale

Cane da pastore della Russia meridionale, un cane pastore di nome e di fatto, russo di nome e di fatto. Onesto e massiccio, questo animale ha una taglia XXL che lascia a bocca aperta. In parte questa sensazione di robustezza e di potenza è legata al pelo abbondante, ma anche la muscolatura è presente e se ne hanno le prove quando si vede un Cane da pastore della Russia meridionale in azione. E’ infatti agile e di grande eleganza, proporzionato e buono come spesso lo sono i cani pastori.



Cane da pastore della Russia meridionale: caratteristiche

Un esemplare maschio adulto può raggiungere i 65 cm di altezza al garrese, ci sono alcuni Cani da pastore della Russia meridionale che superano anche i 70 cm, tutti possiedono un tronco massiccio, femmine comprese, senza guastare l’armonia dell’insieme.

Gli arti di questa razza sono ben in appiombo e diritti, soprattutto quelli posteriori danno la sensazione di potenza, la coda è grossa alla radice e si fa più sottile verso la punta senza esagerare. La testa è una testona, grande e largo anche il muso che ha uno stop poco accentuato e un tartufo scuro. Gli occhi del Cane da pastore della Russia meridionale sono a mandorla ma non in modo troppo pronunciato, il loro colore deve essere scuro, le orecchie rispetto al corpo sono piccole e triangolari, pendenti e aderenti al cranio.

Come ho accennato, il mantello del Cane da pastore della Russia meridionale contribuisce all’enormità della sua figura, il pelo è lungo una decina di cm, è folto e un po’ ondulato, ruvido al tatto e munito di ricco sottopelo. Il bianco uniforme è uno dei colori ammessi più frequente da vedere ma ci sono anche il bianco-grigiastro (cenere), il bianco con tracce grigie e il grigio maculato. In teoria esistono ma sono quasi introvabili, esemplari con pelo bianco-fulvo, paglia o completamente grigio.

Cane da pastore della Russia meridionale

Cane da pastore della Russia meridionale: carattere

Forte di fisico ma anche di carattere, questo cane ha un’indole molto reattiva ma allo stesso tempo è equilibrato e buono anche se tende a dominare. Quando ha una proprietà o una persona da difendere, si dimostra sempre molto attivo e coraggioso, anche quando si rilassa ha uno sguardo intelligente e recettivo, in famiglia è adorabile e adorato, se si ha lo spazio per ospitarlo, è un perfetto compagno di giochi e di vita, utile anche come cane da guardia.

Cane da pastore della Russia meridionale

Cane da pastore della Russia meridionale: allevamento

Come forse già sospettavate, di allevamenti che in Italia tengono questa razza non ce ne sono, per lo meno non tra quelli riconosciuti da ENCI ufficialmente. Il Cane da Pastore della Russia Meridionale è detto in patria Ioujonrousskaïa Ovtcharka, ma se lo cerchiamo in giro per l’Europa possiamo anche chiamarlo Berger de russie méridionale, Südrussischer Ovtcharka, South Russian Sheperd Dog, Perro de Pastor de Rusia Meridional.

Dei tre cani da pastori russi, questo è stato il primo ad aver ricevuto il riconoscimento ufficiale da parte della Federazione Cinologica Internazionale, nel 1983. Nonostante abbia giocato d’anticipo, resta il meno diffuso in Europa ed è un vero peccato, anche le sue reali origini sono un mistero, sembra abbiano a che vedere con il Mastino Tibetano oppure con il lupo siberiano. Se vogliamo andare sul sicuro e trovare chi lo alleva, possiamo andare in Crimea e Ucraina.

Cane da pastore della Russia meridionale

Cane da pastore della Russia meridionale: prezzo

Il prezzo in euro è difficile da indicare, anche perché oltre al denaro sonante, per avere un esemplare di Cane da pastore della Russia meridionale dovete spendere anche tempo ed energie per capire dove trovarne uno e come portarlo in Italia. Possiamo cominciare a conoscerne i difetti più ricorrenti, tra cui l’andatura scorretta, le orecchie portate male, il posteriore poco muscoloso e un carattere aggressivo.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest

Ti potrebbero interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 16 novembre 2016