Cani da tartufo: razze

 

Cani da tartufo

Cani da tartufo, da addestrare in modo adeguato per ottenere risultati soddisfacenti. Sono tutti animali con un olfatto estremamente sviluppato: se già i cani lo hanno molto fine, quelli esperti nel settore tartufi, devono eccellere. Che siano di razza o meno, i cani da tartufo sono di medie o piccole dimensioni e molto diligenti e attenti.



Cani da tartufo: caratteristiche

Una razza ad hoc che si possa mettere in cima ad una ideale lista di cani da tartufo non esiste, o meglio, non che faccia solo questo. Tutti i cani hanno un olfatto molto sviluppato per cui teoricamente tutti i cani possono diventare esperti nel trovare tartufi.

Non è solo questione di sentirne l’odore, ma anche di scavare e di saper accompagnare i tartufai trovando con loro un’intesa mai scontata. Ci sono cani da tartufo per tartufai dal passo veloce e per coloro che se la prendono più con comodo, cani da tartufo che hanno polso oppure che non sanno farsi rispettare.

Per scegliere quindi il proprio cane da tartufo, è necessario capire che tipi siamo noi, e poi tenere conto di fattori esterni che influiscono nella valutazione come per esempio il tipo di territorio in cui si va a caccia di tartufi, l’habitat, la resistenza al freddo e all’umido dell’animale.

Cani da tartufo

Cani da tartufo razze

Ci sono razze più adatte a delle altre, anche se ognuno deve cercare la propria. Per non pescare da un bacino troppo ampio, ecco quelle che più probabilmente possono rispondere in modo adeguato alle necessità dei tartufai.

Se desideriamo cani da tartufo robusti e resistenti, meglio puntare su braccoidi come il bracco tedesco o su quello ungherese, oppure su quello italiano. Anche il Pointer è ottimo, meglio ancora gli incroci bracco/pointer. Altre razze di Cani da tartufo sono indicate per quei padroni che preferiscono caratteri più docili. Il Lagotto romagnolo è il migliore e avremo modo di conoscerlo meglio più avanti.

Passando ad altre razze, vediamone altre consigliate: lo Springer Spaniel, piccolo e veloce, il Epagneul Breton, oppure il Jack Russel, sempre di piccola taglia ma con un carattere estremamente determinato.

Cani da tartufo

Cani da tartufo: Lagotto

Il Cane da tartufo più gettonato negli ultimi tempi, e in continuo crescendo, è il Lagotto Romagnolo. Tutta italiana, questa razza è considerata la più adatta al mondo per la ricerca de tartufo, è originaria delle zone paludose del sud del delta del Po e sfoggia un eccezionale olfatto.

Cani da tartufo: addestramento

Prima di addestrare Cani da tartufo è necessario insegnare loro l’ABC, i comandi tipo “fermo”, “seduto”, “cerca” e proseguire sempre stando attenti che non deve diventare un rigido momento di indottrinamento ma un divertimento e una occasione per legarsi maggiormente al proprio amico a quattro zampe.

Il “master” di addestramento per specializzarsi in tartufi inizia quando il cane ha due o tre mesi di vita ed è bene abituarlo fin da piccolo a giocare con dei piccoli pezzi di tartufo. Costruiamo una pallina con uno straccio farcito di tartufo in pezzi e proponiamola al cane, tiriamola in un luogo che possa vedere e volta dopo volta cominciamo a fargli capire che deve riportargliela. Se lo fa, quando lo fa, va premiato.

Il secondo step consiste nel gettare la pallina in mezzo all’erba alta, il terzo nel nasconderla in una fessura del terreno, incastrandola. Finito il “corso”, si prosegue l’addestramento sul campo perfezionandolo e mai perdendo l’abitudine di stare assieme e di cercare.

Cani da tartufo

Cani da tartufo: prezzi

Se si prende cucciolo e non ancora ben addestrato, un cane può costare solo 200-250 euro ma se ha già iniziato il percorso di addestramento, allora il prezzo sale fino a 600 euro. Se invece stiamo valutando l’acquisto di un esemplare con un pedigree esemplare, allora il costo raddoppia. Quando un cane da tartufo ha già un anno e sa il fatto suo, arriva a costare anche più di 2500 euro.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+, Instagram

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 10 marzo 2017