Bayerischer gebirgsschweißhund

Bayerischer gebirgsschweißhund

Bayerischer gebirgsschweißhund, con un nome così, questo cane non può che arrivare dalla Germania. Meno intuibile ma altrettanto vero, il fatto che appartenga al Gruppo 6, secondo la RCI, quello dei segugi e dei cani per pista di sangue. In Italia, data la difficoltà nel pronunciare questo nome per chi non conosce la lingua, possiamo riferirci a questa razza definendola “Segugio da montagna bavarese” ma è bene sapere che il suo nome tedesco Bayerischer gebirgsschweißhund significa gebirgs = montagna e schwisshund = sangue.



Bayerischer gebirgsschweißhund: carattere

Resistente e di carattere, questo segugio è stato selezionato appositamente per aiutare l’uomo a cercare la preda da cacciare e tuttora è una delle razze più in gamba da questo punto di vista.

E’ fedele e intelligente, ubbidiente e indipendente: una volta che gli si affida un incarico lo svolge alla perfezione. Con il proprio padrone sviluppa un rapporto molto stretto e anche in famiglia si sa comportare. Non siamo davanti a una di quelle razze che fuori dall’ambito venatorio non sono impiegabili, anzi!

Chi abitua uno Bayerischer gebirgsschweißhund a vivere in casa si troverà ad avere a che fare con un animale educato, pulito e molto affettuoso. E’ sempre però importante tenerlo attivo e fargli fare molte passeggiate all’aria aperta.

Bayerischer gebirgsschweißhund: cane da traccia

Come la traduzione del suo nome tedesco ci fa immaginare, questo segugio è nato per cacciare e per affiancare i più abili cacciatori. Già verso la fine dell’Ottocento, chi si dedicava alla caccia di cervi, camosci e selvaggina nella Germania settentrionale, andava in cerca di un cane che avesse delle performance come quelle del Bayerischer gebirgsschweißhund.

Il “Segugio di Hannover” negli anni si era mostrato troppo pesante e nelle zone di montagna non era molto efficace e prestante. Ecco quindi la necessità di selezionare un cane da caccia adatto, con le caratteristiche che oggi troviamo nel Bayerischer gebirgsschweißhund. Gli esemplari di questa razza sono più leggeri e agili, resistono anche in lunghe camminate o in condizioni climatiche avverse.

Incrociando “Segugi di Hannover” con “Bracken” e con “Segugi tirolesi”, effettuando una accurata selezione negli anni, si è ottenuto il Segugio Bavarese da montagna odierno.

Bayerischer gebirgsschweißhund

Bayerischer gebirgsschweißhund: prezzi

Oggi un cucciolo di Bayerischer gebirgsschweißhund può costare dai 700 euro in su, meno è difficile anche perché siamo di fronte ad un cane non troppo diffuso in Italia e molto ricercato dai cacciatori, non solo da chi desidera un cane da compagnia.

E’ un animale di taglia media, di tipo braccoide, piuttosto leggero e molto muscoloso. Gli arti non troppo lunghi e il corpo allungato, fanno del Bayerischer gebirgsschweißhund un animale stabile e resistente, proporzionato ed elegante. Da adulti i maschi arrivano ad una altezza al garrese di circa 50 cm, le femmine al massimo ai 45 cm, il peso può variare da 25 a 35 kg.

Bayerischer gebirgsschweißhund

Bayerischer gebirgsschweißhund: allevamenti

In Italia gli allevamenti che si occupano di questa razza sono davvero pochi, ma in aumento. E’ importante quando si cercano cuccioli di Bayerischer gebirgsschweißhund badare al loro pelo e agli eventuali difetti che possono avere rispetto allo standard di razza.

Il pelo deve essere aderente, folto e coro, più fine sulla testa e alle orecchie. Per quanto riguarda i colori, cono ammesse tutte le sfumature del rosso e del fulvo, giallo, ocra grigio-rosso come il pelo invernale del capriolo, tigrato o una tinta di fondo mescolata di peli neri.

I difetti più ricorrenti di questa razza risultano inoltre essere la struttura raccolta, il garrese pronunciato, arti troppo alti, occhio troppo aperto, collo troppo corto, coda troppo spigata, il carattere timido o aggressivo ma anche il pelo troppo fine o con colori non ammessi. “Proibiti” anche i segni bianchi sul mantello.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Ti potrebbe interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 27 ottobre 2017