Mini giardini: come farli

Mini giardini

Mini giardini da creare sul balcone o in un maxi giardino, per abbellire alcuni angoli che rischiano di restare trascurati, magari perché fuori mano. Mini giardini anche in casa o per le strade di una città che vuole essere più bella per chi ci vive e per chi la visita da turista. Ci sono piccoli giardini per tutti i gusti, sono giardini in miniatura ma non per questo meno interessanti e importanti per il contributo “green” che danno.



Mini giardini: come farli

Non è affatto difficile creare un mini giardino con le proprie mani e secondo i propri gusti, anzi, è un passatempo rilassante e anche creativo, ottimo anche per passare un po’ di tempo con figli e nipoti, se capita. Quello che può servirci è un vaso di fiori, non troppo grande, una piantina rampicante, compresa di bastoncino per sostenerla, qualche tronchetto di sostegno, carta, anche spessa, forbici e taglierino, colla a caldo e tante piccole piante.

Mescolando questi ingredienti e aggiungendo accessori che ci piace avere nel nostro mini giardino, otterremo un piccolo magico angolo verde, muniti degli strumenti da giardinaggio adatti e con idee per realizzare giardini moderni di design in scala.

Mini giardini

Mini giardini zen

Li chiamano anche Fairy Garden, i mini giardini, se verdi, ma possono essere zen e di solito, in questo caso, sono più che altro composti da sabbia, rocce, conchiglie, acqua.

Sono comunque di una bellezza impareggiabile. I mini giardini zen sono adatti ad esempio in quelle case dove on c’è un microclima favorevole per altre piante, o in angoli di giardino in cui non batte mai il sole. Oppure, sulla scrivania di un ufficio, visto che al solo vederli, rilassano.

Mini giardini

Mini giardino da interni

Come accennato, si può benissimo creare e ospitare mini giardini tra le mura domestiche e senza alcun inconveniente. Basta capire che piante inserire e come far sì che questi angoli verdi non creino disordine o sporcizia. Se non sappiamo da che parte cominciare, allora possiamo contare sul set per mini giardino per interni disponibile a 31 euro su Amazon.

Mini giardini

Mini giardini giapponese 

Il mini giardino giapponese è uno dei più difficili da comporre e da mantenere ma è effettivamente uno dei più affascinanti. E arreda ogni ambiente, anche se sofisticato. Possiamo utilizzare vasi, piccole piantine, sabbia e sassi e poi sbizzarrirci con altri elementi prendendo spunto dalle regole che vigono nei giardini giapponesi non mini. Che ho raccontato nell’articolo dedicato al giardino giapponese. Così ne otterremo di simili, ma adatti anche a chi ha solo un terrazzo.

Mini giardini piante grasse

I mini giardini con le piante grasse sono i più diffusi perché semplici da tenere e da pensare. E poi, le piante grasse hanno fascino, molte fioriscono in modo colorato, si adattano agli interni come ai giardini e perdonano i distratti che non le curano in modo ossessivo.

Mini giardini

Mini giardino da tavolo

Perché invece dei soliti centro tavola non si mettono dei mini giardini? Se ben confezionati, in modo che non sporchino, possono essere sì sistemati come oggetti di arredo sul tavolo come anche in un mobile. In questo caso meglio puntare su piante grasse o muschio invece che su edera e alberi nani, oppure optare per le soluzioni zen con pietre e sabbia.

Mini giardini bonsai

Quelli con i bonsai sono mini giardini per esperti, sono stupendi ma non è affatto banale crearli e mantenerli vigorosi. Se però siamo in grado di prendercene cura, possiamo pensare di realizzarli a forma di villaggio incantato con tanto di casetta, oppure dentro ad un vaso semi rotto, oppure fingendo si tratti di un villaggio di gnomi.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+, Instagram

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 21 maggio 2017