Finocchio selvatico, coltivazione e proprietà

finocchio selvatico coltivazione

Finocchio selvatico, coltivazione e proprietà della pianta. Caratteristiche, esigenza e tutte le informazioni su dove trovare questa pianta e i suoi semi.

Finocchio selvatico, pianta

Parliamo di una pianta che cresce spontaneamente in tutta Italia, il suo nome botanico è Foeniculum vulgare, spesso anche chiamato Foeniculum officinale. Sul nostro territorio esistono due sottospecie di finocchio selvatico, entrambe dalle stesse proprietà salutistiche.

  • Foeniculum vulgare sottospecie piperitum
    E’ perenne e di sapore piccante
  • Foeniculum vulgare vulgare
    Ha un ciclo vegetativo diversificato e un aroma dolce.

Di quest’ultima sottospecie si conoscono diverse varietà. La varietà azoricum, cioè il finocchio “addomesticato” e coltivato come ortaggio. Poi abbiamo due varietà spontanee:

  • Foeniculum vulgare var. vulgare
    Parliamo del finocchio selvatico propriamente detto. Il nome comune finocchio amaro identifica questa varietà ed è la più usata in ambito erboristico.
  • Foeniculum vulgare var. dulce
    Produce frutti molto aromatici che ricordano il sapore dell’anice.

Il finocchio amaro è quello più usato in erboristeria perché più concentrato e ricco di principi attivi.

Finocchio selvatico, proprietà

Grazie alle sue proprietà, il finocchio selvatico è molto usato in erboristeria, fitoterapia e aromaterapia. E’ molto usato anche in ambito gastronomico. In cucina si usano i giovani germogli freschi. In cucina si può usare anche la parte aerea per preparare una buona marmellata di finocchietto selvatico.

Il finocchio selvatico aiuta a digerire i grassi e per questo il liquore di finocchio (il finocchietto) è ritenuto un ottimo digestivo. Ecco l’elenco delle proprietà e dei benefici del finocchietto selvatico.

  • Digestive
  • Carminative
  • Antiacide
  • Antifermentative
  • Antispasmodiche
  • Espettoranti
  • Antiemetiche
  • Tonificanti

Gli infusi di finocchio selvatico sono usati per sgonfiare la pancia nei casi di gonfiore addominale legati a un eccesso di gas e aerofagia.

Finocchio selvatico, dove trovarlo

Il finocchio selvatico si trova facilmente nelle zone in cui si coltiva l’olivo e la vite. Chi vuole andare a caccia di finocchio selvatico che cresce spontaneamente nei prati incolti, può leggere la pagina “finocchio selvatico, dove trovarlo” così da imparare a riconoscerlo facilmente e a capire in quale zone del territorio italiano si può raccogliere.

Finocchio selvatico, coltivazione

Grazie alle sue proprietà, il finocchio selvatico è una pianta molto coltivata anche a scopo di reddito. Dalle coltivazioni di finocchio selvatico, si ottiene la materia vegetale da mandare a:

  • Grossisti
  • Liquorerie
  • Laboratori di estrazione
  • Erboristi

Dalle piante si può estrarre l’olio essenziale e si possono ottenere:

  • Tisane
  • Condimenti per pane, pesce e carni
  • Insaporitori per minestre
  • Estratti idroalcolici
  • Estratti secchi
  • Olio essenziale

Coltivare il finocchio selvatico non è affatto facile. La coltivazione per ottenere le sole foglie può essere a ciclo annuale. Le foglie poi possono essere distillate o essiccate.

Si può iniziare a coltivare finocchi selvatici a partire dal seme. La semina si esegue a fine aprile, quando le temperature del terreno sono comprese tra i 15 – 16 °C.

Si possono coltivare dalle 5 alle 8 piante per ogni metro quadro. Basterà lasciare 25 cm di distanza tra le piante e 45 cm di spazio tra un solco e l’altro. Prima della semina, è necessario eseguire una lavorazione del terreno per eliminare le infestanti.

semi di finocchio selvatico

Le concimazioni si eseguono con azoto, fosforo e potassio. L’acqua va somministrato come elemento di soccorso perché la pianta resiste alla siccità, tuttavia, per ottenere rese migliori, si consiglia di irrigare frequentemente soprattutto se la coltivazione è finalizzata alla produzione della parte aerea.

Semi di finocchio selvatico

Se la coltivazione mira a produrre semi di finocchio selvatico, si dovrà eseguire un ciclo biennale. Calcolate che la resa in semi vede una produzione di 150 – 180 semi di finocchietto selvatico per ogni 1.000 mq di terreno coltivati.

Per l’acquisto dei semi di finocchio selvatico per la seminaquesta pagina Amazon, potete rivolgervi ai consorzi agrari per le grandi quantità, mentre per le classiche bustine vi è la compravendita online. Su Amazon sono molti i vivaisti che propongono semi di finocchietto selvatico da coltivare. Per tutte le info vi invito a visitare .

Pubblicato da Anna De Simone il 21 maggio 2017