Latte di capra, benefici e info

Latte di capra: benefici, proprietà, valori nutrizionali, colesterolo e tanti consigli all’uso per chi cerca alternative al latte vaccino.


Se sei a caccia di alternative al latte vaccino, ti sarai interrogato su quale latte vegetale bere o quale latte di origine animale (latte propriamente detto) può essere un degno sostituto del latte di mucca. Tra i tipi di latte da prendere in considerazione, di certo, non manca quello di capra.

Latte di capra, benefici

Il latte di capra è molto comune in alcune località d’Italia ma non è altrettanto diffuso nel resto del mondo. Ti basterà pensare che rappresenta solo il 2% della produzione mondiale di latte.

Nel nostro paese, alcune capre sono allevate appositamente per la produzione del latte e di formaggi. Il latte di capra è ricco di beta-carotene e vitamina A.

E’ ricco di potassio e di micronutrienti indispensabili per la salute. Per tutte le informazioni ti invito a leggere il paragrafo successivo dedicato alle proprietà nutrizionali.

Latte di capra, valori nutrizionali

Il latte di capra fresco apporta 69 kcal per ogni 100 grammi di prodotto.

Diamo un’occhiata al colesterolo. Se parliamo di latte fresco vaccino, vediamo che il classico latte di mucca contiene 14 mg di colesterolo mentre quello di capra ne apporta 10 mg. L’apporto di colesterolo varia in base al tipo di latte (in polvere, fresco, parzialmente scremato, scremato, con l’1% di grassi…). Per questo motivo, ti invito a leggere sempre i valori nutrizionali riportati sull’etichetta alimentare così da avere un’indicazione più precisa.

Attenzione, il latte di capra è un prodotto diverso dal latte di pecora! Pecore e capre sono animali diversi e quindi danno vita a prodotti diversi, un po’ come accade con il latte di dromedaria assimilato al latte di cammello.

Valori nutrizionali latte di capra, apporto nutrizionale stimato per 100 grammi di prodotto.

  • Grassi: 4,1
  • Calorie: 69 kcal
  • Colesterolo: 10 mg
  • Sodio: 50 mg
  • Potassio: 204 mg
  • Carboidrati: 4,5 g
  • Fibra alimentare: 0 g
  • Zuccheri: 4,5 g
  • Proteine: 3,6 g
  • Vitamina A: 198 IU
  • Vitamina C: 1,3 mg
  • Ferro: 0,1 mg
  • Magnesio: 14 mg
  • Vitamina D 51 IU
  • Calcio: 134 mg

L’apporto di calcio è leggermente superiore a quello stimato per il latte vaccino.

Latte di capra e lattosio

Proprio come il latte vaccino, anche il latte di capra contiene lattosio quindi può causare problemi gastrointestinali in chi soffre di intolleranza a tale zucchero. In effetti i livelli di lattosio nel latte di capra sono simili a quelli del latte di mucca.

Latte di capra per neonato, fa male?

E’ pratica comune somministrare latte di capra al neonato soprattutto durante lo svezzamento. In realtà, l’American Academy of Pediatrics (l’autorità massima americana in ambito di Pediatria) sconsiglia di somministrare ai neonati latte di capra.

L’American Academy of Pediatrics, nel 2010, ha pubblicato una relazione in cui scoraggia le mamme a somministrare ai neonati il latte di capra perché su lungo periodo potrebbe innescare problemi. Nel rapporto si parlava di diverse infezione ma anche di anemia megaloblastica, acidosi metabolica e reazioni allergiche.

Anche per l’USDA il latte di capra non è adatto al neonato. Secondo l’USDA, il latte di capra è troppo povero di ferro, di acido folico, vitamina C e D per essere somministrato a un neonato.

Anche per il Dipartimento della Salute del Regno Unito, il latte di capra non è adatto ne’ ai neonati ne’ ai bambini.

Meglio latte di capra o latte di mucca

Nell’articolo ho più volte messo a confronto questi due tipi di latte di origine animale. Per un analisi più dettagliata ti invito a leggere l’articolo specifico latte di capra o latte di mucca dove ogni valore nutrizionale è messo capillarmente a confronto.

Ti potrebbe interessare anche


Se ti è piaciuto questo articolo puoi seguirmi su Twitter, aggiungermi su Facebook, tra le cerchie di G+ o vedere i miei scatti su Instagram, le vie dei social sono infinite! :)

Pubblicato da Anna De Simone il 7 maggio 2017