Razze di capre e caratteristiche

Razze di capre

Ma che razza di capra sei? Può essere interpretata come un insulto, ma anche come una domanda seria e tecnica, se stiamo parlando di capre e vogliamo capire le caratteristiche dell’animale che ci sta davanti.  Le razze di capre derivano dalla capra selvatica del Caucaso e dell’Asia Minore, animale simile alla pecora ma che si fa riconoscere per il mantello a peli lunghi e poco ondulati. Più che per la compagnia, le razze di capre sono di solito apprezzate per il latte e la carne.



Razze caprine: caratteristiche

Ci sono delle caratteristiche che appartengono alla maggior parte delle razze di capre che poi andiamo a vedere in modo più approfondito. Sono considerate degli ovini domestici (Ovies aries) che hanno come progenitori il muflone (Ovies musimon, O. orientalis), l’ural (O. vignei) e l’argali (O. ammon). E’ da secoli che le capre sono state addomesticate e vivono affianco a noi, producendo il latte, la carne e la lana.

Una delle prime considerazioni da fare se stiamo scegliendo le razze di capre, è quella riguardante il perché ne vogliamo una. Ci può servire per produrre latte, o lana, o carne, oppure per la riproduzione. E’ importante, per valutare al meglio, tenere conto del clima e della posizione geografica.

Razze di capre

Capre da latte: razze

Le principali razze ovini-caprine si dividono in quelle di pecore e quelle d capre. Tra le razze di capre esistono altre suddivisioni tra cui quelle tra italiane ed estere.

Capra razza Saanen

Originaria della Svizzera, questa razza di capra abita soprattutto nei Paesi europei ma anche in alcuni extra europei. Di solito è usata per l’allevamento intensivo stabulato o con parziale ricorso al pascolo.  In Europa ad oggi è una delle razze maggiormente diffuse, anche in Italia la troviamo in zone molto diverse, al Sud, in Puglia, ad esempio, ma anche al Nord, in Piemonte, Lombardia, Emilia-Romagna, e poi al centro, in Toscana e Lazio. Questa capra è ufficialmente riconosciuta da 1973 e apprezzata per il latte.

Razze di capre

Capra razza maltese

Arriva dal Medio Oriente e dal bacino Mediterraneo ma è presente in Italia, soprattutto nel Sud, Sicilia in primis. Utilizzata soprattutto per la produzione di latte, può essere allevata allo stato brado, semibrado e stabulato.

Razze caprine svizzere

Ufficialmente nel Libro genealogico della Federazione svizzera d’allevamento caprino (FSAC) sono registrate 10 razze tra cui quella Saanen già citata. Le razze di capre svizzere sono piuttosto richieste, basta pensare alle Camosciata delle Alpi e quella Toggenburgo che tra i loro pregi hanno il buon latte prodotto e l’agilità. In aumento come numero di capi, tra le razze di capre svizzere, troviamo la Buren (Borea), anche la Nera Verzasca, ticinese, è nota, riconoscibile per il manto nero carbone.

Capra razza francese

Le razze di capre sono numerose, tra le più note troviamo la Poitevine, originaria della Francia centro-occidentale e chiamata anche capra del Poitou. Dal suo latte si ricavano numerosi formaggi famosi in Francia e nel resto del mondo.

Razze di capre

Razze di capre nane

Se si parla di razze di capre nane senza essere esperti, si intende di certo la Nana d’Africa, ovvero la capretta tibetana anche se tibetana non è perché questa razza è originaria della Somalia.

Razze di capre da lana

Le più famose sono certo quelle da Cashmere, di taglia medio-piccola e con un pelo che può essere lungo o corto, di colori che vanno dal crema al nero

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+, Instagram

Ti potrebbe interessare anche

Pubblicato da Marta Abbà il 5 luglio 2017