Fitbit Charge: la nostra recensione

Fitbit Charge recensione

Fitbit Charge è il nuovo braccialetto per monitorare l’attività fisica che costituisce l’evoluzione del Fitbit Flex che avevo recensito alcuni mesi fa e che ancora oggi è uno dei prodotti più venduti tra i tanti activity tracker disponibili, soprattutto per l’ottimo rapporto qualità – prezzo e per la sua “sobrietà”.

In questa recensione vi presenterò le funzionalità del nuovo Fitbit Charge da poco disponibile anche in Italia.

Per fortuna i produttori di Fitbit Charge sono riusciti ad aggiungere nuove funzionalità senza sacrificare estetica e sobrietà che a mio parere restano elementi di fondamentale importanza quando si deve acquistare un oggetto da indossare tutti i giorni e possibilmente 24 ore su 24 visto che tra le funzioni offerte rientra anche quella di misurazione della qualità del sonno.

Ma andiamo con ordine. Fitbit Charge comprende naturalmente tutte le funzionalità del suo predecessore Fitbit Flex, ovvero:

1) Passi percorsi

2) Distanza percorsa

3) Calorie bruciate

4) Minuti attivi

5) Numero di ore dormite

6) Qualità del sonno

La grande e importante novità di Fitbit Charge è il display OLED che assolve la funzione di orologio, mostrando l’ora e permettendo a chi lo desideri di abbandonare il proprio orologio. Fitbit Charge include anche una funzione sveglia con vibrazione.

Il display OLED permette inoltre di accedere a tutti i dati sulla vostra attività fisica rilevati in tempo reale come la distanza e la velocità, così da tenerci sempre aggiornati su quanto siamo vicini a raggiungere i nostri obiettivi quotidiani e sulle nostre performance durante una corsa.

Il primo obiettivo, per i più sedentari, al fine di migliorare la qualità della propria vita, è solitamente quello consigliato dall’OMS (Organizzazione mondiale della Sanità) per mantenere il proprio fisico in forma: 10.000 passi giornalieri che equivalgono a circa 8 Km.

Il vostro Fitbit Charge saprà anche indicarvi il livello di intensità dell’attività fisica portata a termine, distinguendo una camminata da una corsa.

La maggior parte degli activity tracker sul mercato, tra cui anche i prodotti della linea Fitbit, eseguono la misurazione della vostra attività fisica grazie a un giroscopio incorporato basato su tre assi, garantendo una buona affidabilità nei dati rilevati.

Fitbit Charge, in aggiunta, incorpora anche un chip che assolve la funzione di altimetro e in questo modo è in grado di fornirci le indicazioni sul numero di gradini superati, nel caso in cui decidiamo di salire una rampa di scale, un buon modo di avvicinarci al nostro obiettivo quotidiano quando la nostra giornata è stata troppo sedentaria e ce ne rendiamo conto solo quando siamo arrivati a casa dopo possiamo però ancora scegliere se prendere l’ascensore o salire con le scale.

Fitbit Charge è anche water resistant (fino a 1 atmosfera): potrete quindi indossarlo anche sotto la doccia anche se la mia opinione è che è sempre meglio toglierlo per maggior sicurezza (anche per poter lavare al meglio il polso tra l’altro! :-)

Di notte il Fitbit Charge, sempre grazie al suo giroscopio a tre assi, misurerà la qualità del vostro sonno deducendola dal numero di volte che vi siete girati, dandovene poi visibilità la mattina successiva.

Molto utile, come per il suo predecessore, è la possibilità di monitorare i dati rilevati dal Fitbit Charge mediante l’app per smartphone dedicata, disponibile sia per Iphone / IOS che per Android / Samsung. La sincronizzazione avviene in real time e wireless.

Divertente e stimolante anche la funzione del Fitbit Charge per “gareggiare” con i propri amici, sulla base dell’attività fisica realizzata ogni giorno e di 15 diverse “sfide”.

Fitbit Charge comprende anche la funzione di notifica chiamate a cui potrete poi decidere di rispondere o meno tramite il vostro smartphone.

Cercando in rete le recensioni di utenti e utilizzatori di Fitbit Charge in Italia e nel resto del mondo ho trovato pochissime lamentele e giudizi negativi: tra le critiche che ho trovato vi segnalo la rilevazione di passi anche quando si è al volante di un auto e la chiusura del braccialetto non proprio immediata (io sinceramente, da utilizzatore, non sono proprio d’accordo con questo appunto). Per il resto solo giudizi positivi.

Il Fitbit Charge è disponibile nelle colorazioni nero, prugna, blu e bordeaux che vedete qui di seguito:

Fitbit Charge colori

Anche in questo caso direi che vince la sobrietà e l’eleganza.

La durata della batteria del Fitbit Charge è di circa 7 giorni e la ricarica necessita di meno di 2 ore.

Fitbit Charge è in questo momento in offerta su Amazon a 109,99 Euro , rispetto al prezzo di listino proposto nei negozi di 129,99 Euro, con spedizione gratuita inclusa e consueta garanzia “soddisfatti o rimborsati”.

A mio parere è attualmente l’activity tracker con il miglior rapporto qualità prezzo e, a meno che si desideri risparmiare circa 30 Euro, è più conveniente, in relazione alle nuove funzioni disponibili, del suo predecessore Fitbit Flex.

Di seguito il video promozionale ufficiale del Fitbit Charge (in inglese):

Se volete leggere le altre recensioni che ho pubblicato in passato su activity tracker simili potete leggere:

– Polar Loop

– Fitbit Flex

– Sony SmartBand

– Samsung Gear Fit

– Garmin Vivofit

– Jawbone UP e Jawbone UP24



 

Pubblicato da Matteo Di Felice il 9 gennaio 2015