Manchester Terrier: carattere e prezzo

manchester terrier

Manchester Terrier, uno dei Terrier inglesi più antichi, ma soprattutto uno di quelli più adatti a convivere con noi in appartamento o in una casa con giardino. Tanto, come cane, è piuttosto pigro tranne quando gioca, per cui basta dargli un divano o un tappeto perché si possa trovare bene. Eppure è stato un grande cacciatore di topi.



Manchester Terrier: origini

Ufficialmente possiamo dire che il Manchester Terrier esiste dall’Ottocento, ma sembrerebbe che gironzoli in patria, in Gran Bretagna, già da almeno 4 secoli. Inizialmente c’era un cane detto “Old black and tan terrier”, molto diffuso nella zona nord-occidentale dell’isola, e i cani che noi oggi vediamo sarebbero la versione moderna di quelli.

Vediamo per modo di dire perché quella del Manchester Terrier è una razza proprio poco diffusa in Italia. Meglio va negli Stati Uniti ma oltreoceano le orecchie le vengono amputate. Una pratica da condannare ma che era in voga anche in Inghilterra.

Era, fortunatamente non lo è più ma il Manchester Terrier ha dovuto pagare il prezzo di questa emancipazione civile. Infatti quando nel 1898 il principe di Galles ha deciso di proibire le amputazioni, pubblicato il decreto i numeri di diffusione della razza sono subito crollati. Una reazione a caldo esagerata ma che ha fatto quasi estinguere questo Terrier. E’ rinato ma quasi totalmente diverso, non tanto dal punto di vista morfologico, quanto come ruolo e mansione, e carattere, conseguentemente.

Qualche anno dopo il decreto del principe, infatti, un gruppo di appassionati allevatori ha ripreso la razza trasformandola in cane da compagnia. Se prima era un noto e apprezzato cacciatore di topi e di piccoli animali, molto aggressivo e determinato, una volta incrociato con il Whippet, il Manchester Terrier è diventato più mansueto. Questo tocco di bontà gli ha giovato anche fisicamente e, a detta di molti, la nuova versione della razza risulta esteticamente più attraente, meno rustica e “grezza”, più raffinata ed elegante.

manchester terrier origini

Manchester Terrier: cuccioli

I cuccioli di Manchester Terrier sono piuttosto piccoli e parecchio neri, poi restano neri con focature, e arrivano dimensioni da media taglia: per i maschi 40-41 cm al garrese, per le femmine 38. L’aspetto di questo cane, al di là del sesso, è compatto, elegante e solido, si muove in modo affascinante, ha eleganza e risulta robusto e molto longevo.

Il Manchester Terrier ha un tronco compatto e ben proporzionato, il cranio lungo, piatto e stretto: sembra un cuneo che finisce con il tartufo, sempre di colore nero. Gli occhi, piccoli, scuri e lucenti, hanno una forma tendente all’ovale, le orecchie sono a “V” e non grandi, ricadono sulla fronte, sopra gli occhi. Andando alla coda, lungo un corpo sempre muscoloso e solido, è corta e affusolata sempre di più fino alla punta.

manchester terrier cucciolo

Il pelo del Manchester Terrier è corto, liscio e molto lucido. E’ un bel pelo, quello di questa razza, e il suo aspetto è valorizzato anche dal fatto che è nero, nero intenso, con focature color mogano carico. Queste macchie di forma precisa e di colore ben distinto dallo sfondo corvino, hanno delle fisse posizioni che non devono variare, sono dettate dallo standard.

Devono comparire sulla testa e sul muso fino al naso, in mogano, contrastando il nero del tartufo e della canna nasale. Mogano anche nella parte inferiore della coda e, un minimo, su ogni lato del petto. Altre focature compaiono sul corpo, ma la regola è che i due colori non devono mescolarsi, mai.

Manchester Terrier: carattere

In casa, in appartamento, in villetta, in una villona: il Manchester Terrier non si pone molti problemi, è un tipo rustico e si adatta. Non solo: non sporca e disturba, quindi è un cane che è un piacere avere come membro della nostra famiglia. Oltretutto, così dice anche chi lo frequenta 24 ore su 24, è simpaticissimo e allegro, vivace e intelligente, coraggioso ed energico. E, non esagero, è anche rispettoso e affezionato al padrone.

Cosa si può desiderare di più? Certo ha bisogno di fare le sue passeggiate, in cui si dedica a rincorrere piccole prede, se ne trova, o a gironzolare curioso, ma quando poi è a casa, sta tranquillo sul divano. Poche cose lo convinceranno ad alzarsi: è un pigrone. Con i bambini va d’accordo, ama le coccole e non è mai aggressivo o umorale. Con gli estranei è freddo, deve capire se è necessario difendere la sua famiglia oppure se può fidarsi.

manchester terrier allevamento

Manchester Terrier: salute

Cane tra i più adatti da tenere in appartamento, il Manchester Terrier è un cane che gode di buona salute e non richiede neanche molto impegno per la cura del pelo. Lucido, corto e nero, non da problema alcuno. Fatto un po’ di moto, sta serenamente in casa, se lo alimentiamo in modo equilibrato, non ha problemi di obesità.

Manchester Terrier: allevamenti

In Italia questa razza, pur essendo tra le più consigliate tra quelle della categoria di cani da compagnia di taglia media, non è molto diffusa. E oltretutto negli ultimi anni il numero di esemplari di Manchester Terrier, per lo meno quelli registrati dall’Enci, sembra diminuire velocemente.

Basta pensare che dai 30 esemplari del 2014 si è passati ai 16 del 2015. Anche gli allevamenti scarseggiano: ce ne sono tre ufficialmente indicati da Enci. Due sono in Emilia Romagna, uno in provincia di Bologna e l’altro di Rimini. E poi ce n’è un terzo di provincia di Lecco, nella regione Lombardia.

manchester terrier

Manchester Terrier: prezzo

Il prezzo di un cucciolo di Manchester Terrier può variare molto, soprattutto per la scarsità di esemplari a disposizione. Possiamo trovarne da 600 – 800 euro, in allevamento, mentre on line o all’estero la cifra può cambiare. Consideriamo anche che, a livello di cure mediche e di toelettatura, le spese per questo cane così rustico, simpatico e resistente, sono ridotte al minimo.

Se vi è piaciuto questo articolo animalesco continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi!

Articolo correlato che potrebbe interessarti:

Pubblicato da Marta Abbà il 25 aprile 2016