Dado vegetale granulare o congelato

dado vegetale

Dado vegetale granulare dado fatto in casa da congelare. Ricette e consigli su come prepararlo. Inchiesta: il dado alimentare fa male? Ecco tutte le informazioni.

Il dado vegetale è un alimento molto impiegato in cucina: snellisce e alleggerisce i compiti di chi è addetto ai lavori.

Se non possiamo rinunciare a questo prezioso “aiuto in cucina” almeno cerchiamo di produrlo in casa!

Il dado vegetale fa male?

Il dado vegetale che troviamo in commercio contiene ingredienti discutibili come il glutammato monosodico. Il glutammato è un esaltatore di sapidità e viene impiegato per insaporire un prodotto che non ha alcun sapore o la cui qualità è talmente bassa da richiederne l’impiego. Spesso il glutammato è l’ingrediente principale e se nelle etichette non fosse esplicitato, potete riconoscerlo dalla sigla E (dalla E620 fino alla E625).

Per conoscere l’impatto del dado vegetale sulla salute e le controindicazioni dell’uso del glutammato, vi invito a leggere la pagina intitolata Come fare il dado vegetale in casa.

Per fortuna dalla parte nostra c’è l’autoproduzione. Il dado vegetale può essere fatto in casa senza nessuna difficoltà, sia in versione standard (dado vegetale congelato) sia in versione granulare (dado vegetale in polvere). Vediamo, passo dopo passo, come procedere per fare il dado in casa. L’unica raccomandazione è quella di utilizzare solo verdure che provengono da agricoltura biologica.

Dado vegetale fatto in casa da congelare

Ecco gli ingredienti per la prima versione del nostro dado vegetale casalingo.

  • 250 grammi di sedano
  • 3 carote
  • 1 cipolla grossa
  • 1 zucchina
  • 100 grammi di prezzemolo
  • Una manciata di foglie di basilico
  • 2 rametti di rosmarino
  • Una manciata di foglie di salvia
  • 150 grammi di sale
  • 1 cucchiaio di olio extra vergine di oliva

Dado vegetale fatto in casa, la preparazione

  1. Lavate per bene tutte le verdure e le erbe aromatiche sotto l’acqua corrente poi sminuzzatele finemente
  2. Fatto ciò, trasferite il tutto dentro a una pentola di acciaio poi aggiungeteci l’olio e il sale
  3. Coprite la pentola con un coperchio ermetico
  4. Fatele cuocere per almeno 1 ora e mezza senza aggiungere acqua a fuoco basso
  5. Trascorso il tempo, trasferite il composto nel minipinner e frullate fino a quando il composto non diventi di consistenza omogenea
  6. Rimettete sul fuoco il composto appena frullato e fate cuocere finché non si sarà addensato ancora.

dado vegetale ricetta fai da te

Dado vegetale congelato

Trasferite il dado vegetale appena preparato nelle classiche formelle per il ghiaccio e riponetelo in congelatore. Scongelate all’occorrenza e aggiungetelo alle pietanze da insaporire.

Dado granulare fatto in casa

Ingredienti e procedimento sono uguali a quanto visto per la ricetta precedenza. Invece di procedere con il congelamento delle verdure, bisognerà provvedere alla disidratazione. In che modo? In forno.

  • Coprite la leccarda con un foglio di silicone.
  • Disponete il frullato di verdure sulla teglia da forno foderata.
  • Fate asciugare il forno a basse temperature, rimescolando.
  • Quando sarà completamente asciutto, trasferite nel mixer e frullate per un ultima volta.

Conservate il dado granulare fatto in casa in un vasetto di vetro sterile.

In alternativa al forno convenzionale, potete far essiccare il composto nel microonde. Impostate una potenza di 800 watt per 5 minuti.

Per quanto riguarda il dosaggio? Un cucchiaio di questo dado casalingo corrisponde a un quadratino di dado che trovate nelle confezioni.

Dado di carne fatto in casa

Non solo dado vegetale, in casa è possibile preparare anche il classico dado di carne. Per la preparazione del classico dado di carne fatto in casa vi rimandiamo alla pagina: dado di carne fatto in casa.

Insaporitore alimentare

Il dado vegetale (granulare o congelato) non è l’unico insaporitore alimentare da preparare in casa. Potete preparare anche aceti e oli aromatizzati, insaporitori fatti con vegetali essiccati o sale aromatizzato con erbe aromatiche, peperoncino, aglio e altri ortaggi.

Pubblicato da Anna De Simone il 25 maggio 2017