Come risparmiare energia elettrica in azienda

Risparmiare energia elettrica in azienda significa aumentare il margine netto di guadagno. L’unico modo per risparmiare energia elettrica in azienda è quello di tagliare gli sprechi così da garantire una filiera produttiva ottimizzata in ogni sua fase.

Come risparmiare energia elettrica in azienda. La figura professionale
Si chiama energy manager ed è la figura professionale che si occupa di gestione energetica e sprechi aziendali. Un’azienda può avvalersi di una o più consulenze con tale esperto così da stilare un piano di risparmio.

Come risparmiare energia elettrica in azienda. Le regole fondamentali
Se si tratta di un’azienda agricola o che fa un uso massiccio di acqua, aderire a un piano di approvvigionamento idrico.
Mettere in atto un piano per la gestione dei sistemi HVAC, farà risparmiare all’azienda fino al 67% sulla spesa energetica.
Utilizzare illuminazione ad alta efficienza energetica. Può sembrare una banalità ma l’illuminazione può avere un grosso impatto sul bilancio aziendale. Per esempio, a Livorno, 468 dispositivi convenzionali sono stati sostituiti con stistemi di illuminazione a risparmio energetico che portano un taglio netto annuale di 68.142 kWh. Se vogliamo fare, per assurdo, una stima che vede ogni kWh a un prezzo di 20 centesimi di euro, sarebbero 13.600 euro di risparmio economico per l’azienda.
Non bisogna dimenticare che per risparmiare energia elettrica in azienda si possono sfruttare le fonti rinnovabili.

Come risparmiare energia elettrica in azienda. I software gestionali
Quello del risparmio energetico aziendale è un “tema” molto caldo, tanto che aziende leader nello sviluppo di software hanno dedicato intere programmazioni per ottimizzare l’impiego di risorse umane e di energia anche quando si tratta di trasporti. E’ il caso di PathFinder, il software che mira a velocizzare e migliorare i servizi aziendali offerti riducendo le spese del 18% tra risorse umane, tempo e veicoli impiegati.

Photo Credits | royalcanin.it

Pubblicato da Anna De Simone il 28 maggio 2012