Cocker americano: carattere e allevamento

 

Cocker americano

Cocker americano, più piccolo degli altri Cocker ma decisamente tra i più deliziosi di carattere, e tra i più adatti a stare in famiglia, non solo per le dimensioni “comode”. Questo cane appartiene al gruppo 8 dei “Cani da riporto da terra ed in acqua”, lo stesso in cui troviamo il Cocker Spaniel Inglese, il Curly Coated Retriever, il Flat Coated Retriever, il Golden Retriever e il Labrador Retriever.



Cocker americano: caratteristiche

Nel gruppo dei cani da caccia al fucile il nostro Cocker Americano risulta essere di gran lunga il più piccolo ma non certo il meno abile. Ha un corpo robusto e compatto, la sua testa è cesellata in modo fine, affatto grezzo, e segue linee pulite come anche il torace.

L’insieme di questo cane è molto proporzionato ed equilibrato, con gli arti anteriori a piombo e la linea superiore del dorso che scende leggermente verso gli arti posteriore che è evidentemente forte e muscoloso. Le orecchie sono lunghe e ben ricoperte di pelo, gli occhi sono scuri e molto espressivi, il tartufo è generalmente nero o comunque scuro.

Cocker americano nero

Il mantello del Cocker americano può essere di vari colori, anche coesistenti su uno stesso esemplare. Il Cocker americano tutto nero esiste, come tra gli unicolore troviamo esemplari rossi, fulvi, color cioccolato, nero focato o fegato focato, Il bianco non è un colore ammesso, se non in piccola quantità sul petto. Se prendiamo gli esemplari multicolore allora le combinazioni sono numerose, tra i bicolore e i tricolore: nero e bianco, arancione e bianco, fegato e bianco, limone e bianco, con o senza moschettature. Oppure nero, bianco focato, o marrone, bianco con focature e via via sempre più variopinti.

Al tatto il pelo presenta una tessitura serica, ma non troppo dura e mai ondulata né arricciata, troviamo poi abbondanti frange sugli arti anteriori, sul tronco e sui posteriori, sopra i garretti.

Cocker americano

Cocker americano nano

Il Cocker americano è di piccole dimensioni di suo ed è una sua peculiare caratteristica, è quella che lo differenzia dal Cocker Inglese da cui deriva. L’altezza al garrese per i maschi non deve superare i 39 cm , per le femmine i 36. Per quanto riguarda il peso, può variare tra i 13 e i 14,5 kg.

Cocker americano: carattere

Vivace ma dolce, il carattere di questo piccolo Cocker è perfetto per le famiglie che vogliono un cane ma che hanno anche lo spazio per lasciarlo sfogare in tutta la sua gioia di vivere. E’ un cane tenero, coccolone, tranquillo e intelligente, facile da addestrare e ubbidiente. E’ un giocherellone oramai quasi sempre impiegato come cane da compagnia.

Cocker americano: cuccioli

I cuccioli del Cocker americano sono piccoli rispetto a quelli di altri Cocker ma in poco tempo imparano a muoversi rapidamente e sono molto resistenti e agili, nati in fondo per rincorrere la lepre, i volatili e la selvaggina anche se oggi è raro che si chieda loro di farlo.

Cocker americano: prezzo

Un esemplare sano e curato di Cocker americano con un buon pedigree può costare dai 600 euro in su, trovarne uno a meno è davvero difficile.

Cocker americano

Cocker americano: vita media

Un Cocker americano ha una vita media di circa 13 anni, non essendo nemmeno molto grande. La razza è stata riconosciuta dall’American Kennet Club nel 1945 quando sono state separate le razze di Cocker Spaniel sviluppatesi in diverse aree. Il primo Cocker Spaniel è arrivato negli Stati Uniti nel 1882 e la versione americana ha iniziato a diversificarsi nel 1941 grazie all’accurato lavoro della cinologa Geraldine Rockfeller Dodge.

Cocker americano: toelettatura

Le orecchie sono una delle parti più delicate del Cocker americano perché di notevole lunghezza: si possono sporcare facilmente e vanno spazzolate ogni giorno, coperte come sono da un pelo lungo.

Anche gli occhi sono delicati, perché lacrimevoli e cagionevoli, da pulire e controllare quotidianamente per evitare infezioni o irritazioni dolorose. Per quanto riguarda la dieta di questo cane, è bene calcolare le dosi in base all’attività del cane e controllare che faccia lunghe passeggiate per evitare che diventi obeso.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Ti potrebbero interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 29 settembre 2017