Golden Retriever: carattere e prezzo

golden retriever

Golden Retriever, letteralmente in italiano sarebbe un cane dorato da riporto, ma è inglese ed è classificato ufficialmente tra i cani da riporto, da cerca, da acqua. Taglia grande, pelo lungo e idrorepellente, il Golden Retriever non è diffusissimo in Italia, soprattutto rispetto al suo cugino Labrador Retriever, ma in Inghilterra è molto amato e ricercato, quasi analogamente lo è in paesi come gli USA e il Canada.



Golden Retriever: origini

Tra le varie ipotesi sulle origini del Golden Retriever la meno assurda lo fa discendere dal “Flat Coated Retriever” e dal “Tweed Watar Spaniel”, quest’ultimo ormai scomparso. C’è poi chi racconta di circhi e di un certo Lord, Lord Tweedmouth, che avrebbe acquistato degli esemplari di cani da caccia della razza “Russian Retrievers” proprio durante una manifestazione circense fuori dal suo Paese per poi portarceli e incrociarli con il “Bloodhound” e con i “Setter”.

Bilanciando le caratteristiche ottenne il Golden Retriever per come oggi lo conosciamo, splendido. Preservando e collezionando le doti olfattive di tutte queste razze di cui è l’incrocio felice, è poi diventato un perfetto e stimato cane da caccia. La razza del Golden Retriever è stata classificata ufficialmente nel 1903, per la prima volta in Inghilterra, poi man mano nei paesi in cui è più diffuso, sia in Europa che in Nord America.

E’ registrato e riconosciuto come razza unica anche se esistono due tipologie: britannico e americano. L’americano si divide poi in statunitense e canadese, cambiamenti soprattutto di aspetto e colore sono quelli che ad occhi attenti permettono di distinguere quelle che sono sfumature. Il Golden Retriever resta più che riconoscibile in tutto il mondo senza grande variazioni.

Tra le altre cose, è un cane adatto alla corsa. Per tutte le info è disponibile la guida Come correre con il cane.

golden retriever

Golden Retriever: aspetto

Cane di media taglia caratterizzato dal pelo lungo e ondulato, il Golden Retriever al garrese misura circa 60 cm, per le femmine qualcuno di meno, e pesa 30 Kg, le femmine 27, è ben costruito e robusto, ha una espressione mite.
Il suo portamento è molto elegante, anche grazie al lungo pelo dorato, lucente e frangiato, ma non solo: proprio il suo profilo sinuoso ma muscoloso è caratteristico, è sintesi di potenza e grazia.

Il muso ha due occhioni grossi e scuri che catalizzano l’attenzione, è largo e spicca il tartufo assolutamente nero, poi ci sono le orecchie pendenti e piuttosto grandi. Il pelo, come abbiamo subito detto, prima ancora visto, per il Golden Retriever è la caratteristica più riconoscibile e significativa, è ondulato e piatto e sulla coda aumenta. Le tinte ammesse per il mantello sono quelle che vanno dall’oro al crema, estremi compresi.

Golden Retriever: carattere

Non è più diffuso del suo amico Labrador, anzi, ma il nostro Golden Retriever non se la prende perché ha un ottimo carattere, pacifista e affatto invidioso. E poi può vantare eccellenti qualità olfattive e dinamiche apprezzate da tantissimi appassionati della caccia non solo in patria.

golden retriever carattere

L’indole del Golden Retriever è leale e fedele, molto affettuosa soprattutto con la sua famiglia di adozione a cui si lega molto. A difficilmente a meno della compagnia dell’uomo, se poi ci sono dei bambini ama giocarci e lo sa fare in perfetta sicurezza. Non disdegna neanche l’opzione passeggiata, con i più grandi, circola rapido e curioso anche in luoghi inesplorati, ma si trova bene a riposare in appartamento, al suo ritorno, senza soffrire particolarmente.

E’ un po’ pigro quindi, facendolo uscire varie vole al giorno, il Golden Retriever può stare anche in una casa senza giardino. In presenza di altri animali, il Golden Retriever ha un atteggiamento più che amichevole, gatti compresi, e la maggior parte del bestiame da fattoria anche. Hanno molte doti extra – caccia tra cui la socievolezza e la mitezza.

Golden Retriever: utilizzo

Oltre che tra i cani da ferma e da riporto, e da caccia in palude, il Golden Retriever diventa subito il paladino di chi desidera un animale da compagnia sveglio, intelligente e bello. Viene impiegato nella protezione civile, per il soccorso durante le valanghe, i crolli di edifici e soprattutto nei salvataggi nautici, data il suo grande amore per l’acqua. Anche in pet therapy il Golden Retriever emerge come razza, sa guidare bene i ciechi e sa stare quietamente accanto agli anziani.

golden retriever allevamento

Golden Retriever: allevamento

Si tratta di un cane che soffre di vari disturbi molto fastidiosi, per cui un allevamento responsabile che tratta questa razza sta attento a ridurre al minimo i fattori di rischio di una certa malattia e, nel caso, di evitare contagi. Spesso nei Golden Retriever si propagano malattie recidive o genetiche, come la displasia dell’anca molto comune, purtroppo ignorata spesso, ma che è molto facilmente ereditabile. Un altro inconveniente della razza, e spesso se ne vede prova per strada, è l’obesità.

Da cucciolo, quando ha una età tra i 2 e i 5 mesi, un Golden Retriever raddoppia il proprio peso: diamogli da mangiare, ma non esageriamo. Infatti se l’alimentazione è troppo energetica può turbare il processo di crescita favorendo le malattie ortopediche dello sviluppo (DOD). Non bisogna esagerare neanche integrando calcio e fosforo, e minerali in genere, soprattutto se si è scelto un cibo naturale per cani già ben equilibrato. Se è calcolato per essere il giusto apporto, evitiamo di applicare il fai da te creando disagio e problemi di salute.

golden retriever allevamento

Golden Retriever: prezzo

Un cucciolo di Golden Retriever costa dai 500 ai 1000-1100 euro, completo di documenti e di pedigree. Si tratta di un acquisto prezioso, che va accudito con la giusta attenzione, così da farlo campare oltre 15 anni. La vita media infatti è ufficialmente di una dozzina ma se lui sente le nostre cure e se evitiamo problemi di tumori, allora il nostro Golden Retriever resterà a lungo al nostro fianco. Nel suo caso, letteralmente al nostro fianco: è un cane fedele e affezionato e… non molla la preda del suo amore.

Se vi è piaciuto questo articolo animalesco continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi! 

Articoli correlati che potrebbe interessarti:

Pubblicato da Marta Abbà il 1 settembre 2018