Tornjak: carattere e allevamenti

tornjak

Tornjak, il pastore della Bosnia-Erzegovina e della Croazia, è un ottimo cane custode. Dalle sue parti i pastori, i suoi datori di lavoro, dicevano che, se non uno ma di certo due di questi animali fianco a fianco riuscirebbero a dare del filo da torcere a due lupi e a mettere in fuga un orso “senza alcun timore reverenziale”. Eppure con i padroni sono degli eterni cuccioli affettuosi. Grandi, pelosi, appartenenti al gruppo dei cani di tipo pinscher, schnauzer, molossoide e dei cani bovari svizzeri.



Tornjak: origini

Il Tornjak è di certo un discendente degli antichi cani da pastore, incrociandosi tra esemplari geneticamente uniformi hanno dato vita a questa razza. Si tratta di animali che vivono proprio nelle zone montagnose e non propriamente popolate della Bosnia-Erzegovina e della Croazia. Non è quindi facile tracciare con esattezza come si è sviluppata la razza, si dovrebbero scalare impervie cime: meglio affidarsi ai primi riferimenti storici che risalgono al 1067 e al 1374.

Indisturbato, il Tornjak, ha proseguito a fare il pastore per secoli, fino a quando non è scattato il pericolo di estinzione, attorno agli anni ’70. Così sono iniziati studi e le azioni di salvataggio della razza, sia in Croazia che in Bosnia-Erzegovina e nel 1978 è iniziato l’allevamento in purezza. Il riconoscimento ufficiale della razza da parte della FCI è recentissima, 2007, uno dei motivi per cui non è un cane molto noto al di fuori del suo territorio dove invece fioccano esemplari di ottima qualità e carattere.

tornjak

Tornjak: peso

Per un maschio di razza in buona salute il peso indicato dallo standard va dai 35 ai 50 kg, per la femmina si cala di non pochi Kg: il range accettato per il peso forma, è 28–40. Inutile dire quindi che siamo in presenza di un animale grande e potente ma non goffo, non “orso” bensì dal fisico proporzionato e agile. Il corpo del Tornjak è inscrivibile in un quadrato, l’altezza al garrese è di circa 70 cm, 65 per le femmine, ben portati grazie alla tipica postura decisa, sicura di sé, seria e tranquilla. Quella che un cane pastore come lui deve avere. Ma non è scontato.

La testa è a forma di cuneo allungata e può apparire troppo piccola ma è una illusione ottica dovuta all’effetto del pelo soffice che rende il corpo alla vista più grande di quello che è. Mascelle potenti e regolari, muso dritto, proporzionato e non appuntito, il Tornjak ha degli occhioni a mandorla dolci e che ispirano serenità. Le orecchie spuntano ben grandi, ricadono dolci verso il basso. Passiamo alla coda: è lunga e la troviamo a forma di sciabola, anulare o uncinata.

tornjak

Tornjak: mantello

Lungo e folto, il mantello di questo cagnone è a doppio strato e si vede, o si immagina. Si immagina anche che il sottopelo è molto spesso: serve per proteggerlo contro eventuali condizioni atmosferiche avverse.

Secondo lo standard della razza del Tornjak il pelo deve essere spesso, ruvido, dritto e lungo, ma particolarmente lungo sulla parte superiore della groppa, sulle spalle e sulla schiena dove può apparire anche un po’ ondulato. Al contrario è più corto della media sul muso e sulla fronte, sulle orecchie e sulle parti anteriori delle gambe e dei piedi. Non è finita: attorno al collo il mantello si fa criniera, sopra le cosce forma dei calzoni “da montagna”.

Per quanto riguarda i colori, tutti sono accettati, e va bene sia un mantello tinta unita sia con inserti di tinte diverse anche se di solito predomina il bianco. Tra gli esemplari che possiamo incontrare, sempre che si riesca a vederne qualcuno in giro, ci sono i Tornjak bianchi quasi completamente e via via ogni più fantasiosa varietà fino al nero quasi 100% passando per giallo, rosso, marrone e grigio, forse il meno apprezzato. Le principali tipologie sono quella dei pezzati e quella dei chiazzati.

tornjak

Tornjak: carattere

Abituato a badare ai greggi, piuttosto solo e sereno, questo cane ha un temperamento equilibrato, amichevole, coraggioso, obbediente, intelligente e fidato. Proprio perché obbediente, il Tornjak se qualcuno minaccia la proprietà che è incaricato di custodire, diventa molto feroce e soprattutto tenace, resta molto sospettoso nei confronti degli sconosciuti ma si trasforma in un enorme cucciolone soffice e affettuoso con il padrone e la famiglia.

Pur essendo un cane di carattere, non è una impresa difficile addestrarlo, impara rapidamente e ricorda a lungo ciò che gli insegniamo, è quindi un cane da guardia valido, molto vigile e molto attento ma mai nervoso né aggressivo.

tornjak

Tornjak: allevamenti

In Italia non ci sono allevamenti che si occupano di questa razza, non per lo meno tra quelli riconosciuti da ENCI. Se vi siete innamorati di questo cagnone, e vi capisco, potete vedere ciò che nella sua patria c’è oppure cercare in uno dei tanti popolati canili del nostro paese se c’è un altrettanto morbido e simpatico cane che vi aspetta.

Anche se non è un Tornjak ma ve lo ricorda, che differenza fa? Diventato il vostro cane, sarà unico. E potete sempre battezzarlo “Tornjak” di nome anche se non lo è di fatto. Difficile da pronunciare, ma certo suggestivo.

Tornjak: video

Mentre studiate il modo di procurarvi un cucciolo di Tornjak o, spero, il numero di telefono del canile più vicino, potete gustarvi qualche immagine della razza in questo video.

Se vi è piaciuto questo articolo animalesco continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi!

Articoli correlati che possono interessarti:

Pubblicato da Marta Abbà il 31 maggio 2016