Sistema solare per bambini

Sistema solare per bambini

Sistema solare per bambini, da spiegare, da raccontare, a volte anche da costruire assieme per gioco in miniatura, incuriosendosi a vicenda con i nomi dei pianeti e le caratteristiche che ciascuno di essi mostra. C’è quasi sempre un momento nell’infanzia in cui si guarda il cielo e si desidera sapere se nell’universo ci siamo solo noi sulla Terra e nessun altro su pianeti diversi. Le risposte sono varie, si possono leggere e ascoltare, facendosi la propria idea crescendo, ma è essenziale sapere come è fatto il sistema solare.



Sistema solare per bambini

Per cominciare a contestualizzare il sistema solare per bambini esso può essere definito come la “casa” di tutti, di chi abita sulla Terra e di chi eventualmente abita su altri pianeti perché questo sistema solare comprende molti corpi celesti, sole compreso, più tutti i pianeti che gli orbitano attorno e i satelliti che si portano dietro.

La Terra sappiamo che ha la Luna con sé nel suo girare intorno al Sole ma anche gli altri pianeti, per lo meno alcuni, hanno satelliti o ammassi di granelli più o meno grandi di roccia e ghiaccio che li accompagnano nel loro orbitare continuo. Nel sistema solare per bambini troviamo quindi anche asteroidi e comete

Sistema solare per bambini da colorare

Un modo utile per imparare come è strutturato il sistema solare per bambini è quello di disegnare uno schema semplice e lasciarglielo colorare come preferiscono indicando loro il Sole e la Terra e man mano gli altri pianeti. In automatico spunteranno domande e curiosità su ciò che si sta colorando, su quelle “palle” nel vuoto misteriosamente posizionate. Un altro tema con cui affascinare i bambini, con o senza disegni, è quello della Evoluzione della specie.

Sistema solare per bambini

Sistema solare per bambini: pianeti

I pianeti possono del sistema solare per bambini possono essere divisi in 2 grandi gruppi, quelli interni, più vicini al Sole, e quelli esterni, più lontani.

Nel primo gruppo troviamo pianeti piccoli, più caldi e composti in buona parte di roccia e metalli, e stiamo parlando della nostra Terra ma anche di Mercurio, Venere e Marte. Gli esterni sono grandi e freddi, e composti prevalentemente di gas come Giove, Saturno, Urano e Nettuno.

E poi c’è Plutone, che non ha le caratteristiche né del primo, né del secondo gruppo ed è definito “pianeta nano”. E’ più piccolo della Luna, effettivamente, ma molto noto grazie alla sonda spaziale americana New Horizons che lo ha raggiunto e lo ha immortalato permettendo a noi terrestri di immaginarne le sembianze.

Torniamo agli altri pianeti e approfondiamo la conoscenza di quelli interni, appartenenti allo stesso gruppo della Terra. Il più vicino al sole in assoluto è Mercurio che si mostra con una superficie piena di crateri come la Luna, la sua superficie è pari a quella del’Oceano Atlantico e se vivessimo su questo pianeta un anno durerebbe solo 88 giorni dei nostri terrestri, ma è un’utopia perché le temperature non sono affrontabili per noi, passano dai 450 °C di giorno ai -180 °C di notte.

Venere è vicino al Sole ed è anche molto luminoso, quasi quanto la Luna, peccato che non lo si possa al momento colonizzare perché lì c’è un’aria irrespirabile, colma di anidride carbonica. E’ grande circa come la Terra che ruota leggermente più esterna ad esso accompagnata dalla Luna. E poi c’è Marte, pianeta più esterno degli interni, rossastro per via dei minerali ferrosi. Oggi è arido, deserto e inospitale, un po’ caldo, con i suoi 254 °C e violente tempeste di sabbia ricorrenti.

Sistema solare per bambini

Sistema solare per bambini: giochi  

Giocare con il Sistema solare per bambini è molto meno divertente che costruirlo con le proprie mani con questo Kit da 20 euro, su Amazon, per giovani astronomi, ottimo per imparare anche l’energia solare perché i pianeti orbitano intorno al “sole” dotato di pannello solare. 

Sistema solare per bambini

Sistema solare per bambini: disegno

Da bambino si può desiderare il disegno di un Sistema solare appeso in camera per sognare di diventare astronauta come Samantha Cristoforetti e Paolo Nespoli ma anche dormire avvolti in un lenzuolo spaziale non è affatto male. Su Amazon un copripiumino singolo con il Sistema solare e i suoi pianeti costa 25 euro ed è un ottimo regalo per piccoli sognatori. Magari sognano universi paralleli, come quelli descritti dalla Teoria delle Stringhe.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 6 gennaio 2018