Shampoo per cani: come sceglierlo con gusto

Shampoo per cani

Shampoo per cani, De gustibus. Ma di chi? I vostri o i loro? Anche se si tratta di shampoo per cani, infatti, in giro si pescano prodotti che suonano umani. Shampoo per cani all’arancio, Shampoo per cani alla fragola, all’anguria, perfino, e per i più ricercati, alla menta verde ed erba limone. Sì, “De gustibus”, in questo caso, è riferito più a noi bipedi che al nostro amico a 4 zampe che deve essere lavato, insaponato e risciacquato con lena. Tanto è che la scelta è ampia. La linea Pet Head offre una vasta gamma di shampoo per cani, e non solo shampoo.




Per chi ha un cane festaiolo e socievole, il profumo d’arancio è il trend, e il prodotto è ‘White Party’ senza dubbio. Divertimento assicurato!Al contrario per i cani che, se fossero umani, sarebbero da definire “ciabattoni” l’accoppiata fragola-yogurt è ciò che ci vuole. Morbido e vellutato: casalingo. Detto “alla Pet Head”.“Feeling Flaky”, chiaro no?Lo shampoo per cani “peperini” e di cui fidarsi, ma fino ad un certo punto, è quello alla menta verde ed un pizzico di erba limone, ‘Dirty Talk’: 475 ml di schiumoso carattere, che sa il fatto suo.Sempre da Pet Head, estivo, rosso, vivace e allo stesso tempo energizzante, arriva “Life’s an Itch”. : un nome da non fraintendereVa letto in senso figurativo, e lo shampoo per cani va utilizzato con garbo, con un buon risciacquo per un amico di zampa pronto ad essere il protagonista, a tema, di grigliate estive, sulla spiaggia o nel proprio giardino. O anche di curiose merende con bambini, pic nic e quant’altro. Ma all’aria aperta, nettamente. Suona come un imperativo, ma è un prodotto delicato e gradevole, lo shampoo per cani alla fragola e lime, un sapore sempre estivo ma più ricercato, con quel contrasto di dolce e asprigno che rende un semplice bagno una esperienza che permane. Per lo meno nell’aria. E il nostro cane, sembrerà implorare : “De Shed me”.Abbandonando i nomi e i sapori più da cocktail che da shampoo per cani, la linea Pet Head propone per gli amanti del classico, un “Oatmeal” alla farina d’avena, molto nutriente e meno “vistoso”.

shampoo per cani2

Abbandonando Pet Head e i suoi originali titoli, e gli altrettanto originali “gusti” di shampoo per cani, lanciamoci sul “tutto vegetale”: un tormentone tra gli amanti degli animali, della natura, e tra amanti e basta. Lo Shampoo dry Interpet oltre che per cani, è ottimo anche per gatti e piccoli roditori, tanto è ricco di vitamina PP e di olio di lavanda.Privo di sali, 100% vegetale: lo consiglio a chi crede che lo shampoo per cani debba essere quello che sceglierebbero loro. Quindi quanto più si avvicina al loro naso. Niente gusti frizzantini o fruttati… non parlo di aroma di bistecca, ma intendo massima attenzione all’igiene e alla pulizia del pelo. Pieno rispetto del loro essere semplicemente e genuinamente animali.

Volendo andare nel merito del colore, dell’animale, ci sono anche shampoo per cani che accarezzano l’orgoglio dei 4 zampa a pelo chiaro, anche se cuccioli: il flacone per manti bianchi Ingenya Whitening sbiancante ammorbidente nutriente districante . Della stessa casa, c’è anche uno shampoo per cani effetto nutriente e volumizzante: il secondo effetto è dato dall’olio di vinacciolo, estremamente emolliente, mentre l’olio di oliva, nutre e protegge proprio come le proteine del grano del mais e della soia che ristrutturano i peli deboli e sfibrati. Stiamo parlando di Igenya Shampoo nutriente e volumizzante ideale durante la muta o per ristrutturare il pelo in cani anziani ma anche per i cuccioli “di primo pelo”.

shampoo per cani3

Se il problema non è il volume, ma sono i nodi, dopo un buon shampoo per cani si può optare per un balsamo districante e nutriente che facilita la pettinatura e dona lucentezza.

La magia sta nel mix di olio di jojoba, olio di visone e olio di avocado che vanno ad agire fin alla radice del pelo canino. Per trattarlo nel modo più agile, anche per noi padroni di cane dal pelo arruffato, si può optare anche per l’uso del balsamo sciolto in acqua calda, da applicare dopo aver lavato e parzialmente risciacquato il manto. Anche i cuccioli ne saranno soddisfatti, una volta convinti a stare fermi per una “doppia passata”. Un cane accarezzato con questo balsamo, sentirà certamente il peso e l’onore di una tradizione secolare, quella degli Atzechi che con l’olio di jojoba curavano anche le scottature ma soprattutto ne facevano maschere di bellezza.

All’olio di visone va il merito di essere meravigliosamente lenitivo: funziona per la pelle, e molto bene anche per il pelo che si mostra sfibrato, magari per la stagione, magari per l’età del cane. Fatto sta che, provare per credere, con una passata di Interpet balsamo nutriente si da una pettinata a tutti, e senza fatica..

Un altro efficace “sciogli nodi” ma spray, senza risciacquo, perfetto per cani a pelo lungo è quello ricco di siliconi che regalano addirittura un effetto seta, mentre i polimeri, nascosti nella goccioline spruzzate, proteggono silenziosamente l’integrità del pelo. Privo di OGM e innovativo questo spray.

shampoo per cani4

Quando si ama un 4 zampe peloso, si finisce per non fargli mancare nulla, quindi, come non provare il balsamo che ammorbidisce anche le zampe, ricco di burro di Karitè e olio di avocado.
Per chi non ha sempre tempo e con il cane preferisce passeggiare o giocare, se non appisolarsi in giardino, insomma “tutto fuorchè star a impazzire per insaponarlo”, la soluzione è matematica: lo shampoo per cani 2 in 1 sbrogliante e togli odori per cani con pelo lungo. Questa è senza dubbio la mia salvezza, anche se, devo ammettere, che i nomi e gusti di Pet Head sono una bella tentazione per una padrona originale come me. Con l’arrivo dell’estate potrei stuzzicare la mia cagnolina – un vanitoso bovaro bernese di 50 kg – ad una anguriata, magari in occasione della grigliata di inizio estate. Certo mai riuscire a farle dire “De shed me”, ma a strapparle una “Dirty Talk”, forse sì.

Se vi è piaciuto questo articolo animalesco continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi! 

Ti potrebbe interessare anche

Pubblicato da Marta Abbà il 15 febbraio 2015