Segugio della Transilvania

segugio della transilvania

Segugio della Transilvania, cane originario dell’Ungheria che in patria ha un nome quasi irriconoscibile per chi non conosce la lingua: Erdelyi Kopo. Appartiene al gruppo dei segugi e dei cani per pista di sangue, ha un pelo corto e ben aderente, nella maggior parte dei casi nero, ma non solo. Esiste in versione grande o piccola e si racconta derivi dall’incrocio tra cani magiari, ungheresi e polacchi.



Nato perché si dedicasse alla caccia alla volpe e alla lepre, è tuttora utilizzato primariamente con questo scopo, anche se la varietà di taglia maggiore del Segugio della Transilvania spesso viene anche sguinzagliata a rincorrere la selvaggina di grossa taglia: cinghiale, cervo, daino e lince.

Segugio della Transilvania: caratteristiche

Molto solida e ben proporzionata, il Segugio della Transilvania ha una invidiabile muscolatura che si può ben dire scolpita. Questa razza, anche per la sua vocazione da cane da caccia, risulta inevitabilmente molto energica e potente. Rientra nei segugi di media taglia sia che si tratti della varietà maggiore che della minore. Nel primo caso l’altezza al garrese è di circa 55-65 cm, per la varietà minore invece scendiamo ai 45-50 cm.

In tutte e due le misure, il Segugio della Transilvania ha un tronco ben proporzionato e il dorso diritto, la testa larga e un muso pieno con mascelle visibilmente potenti. Il tartufo mostra narici sempre ben aperte ed è nero, le orecchie, attaccate ad altezza media, cadono allargandosi per poi finire con una punta arrotondata. Infine gli occhi, molto espressivi, sono di colore bruno scuro e mediamente grandi, di solito leggermente obliqui.

segugio della transilvania

Segugio della Transilvania: allevamenti

In Italia esiste solo un allevamento riconosciuto da ENCI che si occupa di questa razza ed è situato in provincia di Cosenza. E’ l’allevamento di casa la Cava e oltre al nostro segugio ha anche altre razze: il segugio dell’Istria, il Petit Bleu de Guascogne e l‘Ariegeois. Tra i difetti più ricorrenti a cui un allevatore, e un futuro padrone di Segugio della Transilvania deve stare attento ci sono le orecchie mal portate, il tartufo depigmentato, l’occhio chiaro e un carattere aggressivo o eccessivamente timido.

Segugio della Transilvania: carattere

Visti i difetti, scopriamo il vero carattere di questo cane da caccia, sempre eccellente e molto resistente ma anche molto amabile nonostante sia dedito al lavoro più che alla vita domestica e giocherellona. Ha un’eccellente odorato ed è facile da addestrare, la sua indole fin dalla nascita si dimostra essere ardita e tenace. Quando va a caccia assieme al padrone è molto coraggioso ma nei momenti di pausa non fa mancare un gesto affettuoso. Abbaia in modo acuto, ma quasi solo quando “lavora”, non è un cane che disturba a caso.

segugio della transilvania

Segugio della Transilvania: prezzo

Per conoscere il prezzo di un cucciolo di questa razza conviene contattare direttamente l’allevamento che può fornircene uno anche per sapere se ce n’è disponibile uno. Pur essendo un cane non aggressivo, non è adatto a tutti e oltre al prezzo è bene conoscere anche le caratteristiche essenziali che dobbiamo avere per poter convivere bene con un segugio così. E’ necessario potergli assicurare lunghe passeggiate e dimostrargli affetto e lealtà perché è un animale che ha fiuto e se non siamo onesti lo sente subito.

segugio della transilvania

Segugio della Transilvania: foto

Con le dimensioni, come vediamo, può cambiare anche il tipo e il colore del mantello. Nella varietà minore di questa razza il pelo è corto, forte, dritto, il colore di fondo è il rosso bruno sempre più chiaro sul ventre e sugli arti mentre sulla fronte, sul petto, sui piedi e sulla punta della coda compare il bianco. La testa è nero-fumo. Nella versione “big” il pelo è più denso, più folto e c’è anche il sottopelo, il colore di fondo è il nero ma macchiato di bianco sulla petto, sui piedi e all’estremità della coda.

segugio della transilvania

segugio della transilvania

segugio della transilvania

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 9 settembre 2016