Kuvasz: carattere e cuccioli

kuvasz

Kuvasz, un cane da pastore che arriva dall’Ungheria ed è considerato oggi una razza dalle remote origini tanto da essere con certezza assoluta tra quelle più antiche provenienti dalle aree asiatiche. In Italia è poco presente, ma merita tutta la nostra attenzione sia per il carattere disponibile, sia per il suo aspetto molto da cane fedele e dolce, bianco e solo bianco, dall’indole candida e genuina.



Il cane Kuvasz

Il Kuvasz è un cane di taglia grande, senza nessun dubbio, visto che la misura dell’altezza al garrese indicata dallo standard ufficiale è di 71-75 cm, per il maschio. Le femmine sono leggermente più basse ma di poco. Il fisico di questo animale ha un aspetto veramente piacevole, esprime potenza e allo stesso tempo non risulta grezzo o tarchiato, ma agile e distinto.

Il corpo nella sua interezza non è allungato, possiamo immaginarlo inscritto in un quadrato, la massa è importante la tutta muscoli e pelo, i primi sono molto sviluppati non solo sugli arti ma anche sul torace e sul petto. Il tronco è squadrato e robusto, ha un’aria solida e stagna, mentre la testa esprime nobiltà e forza, è lunga e in alto anche larga mentre il muso diventa stretto fino al tartufo nero pece.

Lo stop del Kuvasz è poco accentuato, gli occhi sono a mandorla, posizionati obliqui e di varie sfumature di bruno ma soprattutto tendenti allo scuro. Le orecchie hanno una particolare forma a “V” ma non appuntita: sono inserite alte e non restano aderenti alla testa, si staccano per poi ricadere piatte. Passando alla coda, quella del cane Kuvasz è inserita bassa, arriva fino al garretto ma la punta è sempre un po’ ripiegata verso l’alto.

Per quanto riguarda il pelo, è sempre bianco, e sempre corto, diritto e molto fitto sulla testa e sulla parte anteriore degli arti. Sul tronco, invece, come anche sugli arti e sulla coda, è un pochino più lungo e ondulato, forma delle creste e anche dei ciuffi molto simpatici. Il Kuvasz ha anche il sottopelo, lanoso e fine, mentre il pelo di copertura al tatto è ruvido ma non sembra infeltrito.

kuvasz

Kuvasz: carattere

Il primo aspetto che ci colpirà quando incontreremo un Kuvasz nella nostra vita di amanti dei cani sarà la sua intelligenza: sorprendente! Ed è anche furbo, come cane, ma nel senso buono della parola, perché non usa la sua furberia per fregarci se siamo i suoi padroni.

E’ infatti sempre dolce e e affettuoso con la famiglia che lo ospita, in generale ha un carattere coraggioso e molto orgoglioso, perché non dimentica affatto che è nato e deve restare un eccellente pastore. Il Kuvasz è molto ubbidiente e diligente, si addestra con facilità anche rispetto ad altre razze provenienti dalle sue terre e che più tardi vedremo.

kuvasz

Kuvasz: cuccioli

Fin da piccolo il Kuvasz non è un animale che pretende molte cure, soprattutto perché gode di una buona salute, è piuttosto rustico e molto resistente. Non è certo molto logico tenerlo in appartamento se non abbiamo un giardino, per le dimensioni, per prima cosa, ma anche per il suo umore. Si ammalerebbe di tristezza e di mancano di aria, ancora di più se cucciolo. Se invece abbiamo uno spazio verde in cui tenerlo, basta assicurargli una alimentazione adeguata e spazzolarlo regolarmente, per il resto non pretende che coccole, in dose misurata.

Da sempre, infatti, è abituato a stare anche da solo, fin da quando è stato importato dai primitivi ungheresi, in epoca molto antica. Questa è la versione più accreditata sulla sua origine ma in verità ce ne sono altre e il dubbio non è ancora stato sciolto. Ci sono alcuni esperti che ad esempio pensano che il Kuvasz sia stato introdotto nel bacino dei Carpazi, al seguito del popolo dei “Koumans”, pastori nomadi di origine turca.

Kuvasz: allevamenti

Il sito ENCI non segnala allevamenti certificati e dedicati alla razza del Kuvasz ma esiste una associazione italiana che si occupa di questa razza a cui si può chiedere come trovare un cucciolo. Il sito è www.kuvasz-italia.it e contiene molte informazioni interessanti su questa bella razza ungherese i cui difetti più ricorrenti sono ad esempio l’occhio chiaro, colori del mantello diversi dal bianco, orecchie portate male, pelo liscio e poco folto e un carattere aggressivo o timido. Peggio ancora se anche pauroso.

kuvasz

Kuvasz Ungherese

Il Kuvasz come cane ungherese si accompagna ad altri suoi conterranei tutti poco noti dalle nostre parti, almeno fino ad ora. Certo questa razza vista ora è più diffusa del “Komondor”, anche perché ha un carattere più pacato, ma parliamo sempre di numeri che sfiorano da doppia cifra, a livello di esemplari dichiarati da ENCI. Altre razze che sono nate in Ungheria sono quelle del Cane Pumi, del Cane Mudi e del Cane Puli

Se vi è piaciuto questo articolo animalesco continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi! 

Articoli correlati che potrebbero interessarti:

Pubblicato da Marta Abbà il 16 agosto 2016