Piedibus: di cosa si tratta

piedibus

Piedibus, il miglior modo per arrivare a scuole di buon umore, anche dopo mesi di vacanza, anche nei lunedì di pioggia, anche nei giorni di verifica o di interrogazione. E’ un autobus fatto di persone, di tanti alunni e qualche adulto di buona volontà che, ovunque e in qualsiasi momento, possono organizzare un Piedibus, un modo sicuro, ecologico e divertente per andare e tornare da scuola in ottima compagnia, senza inquinare e contribuire al traffico nelle strade.



Piedibus: che cosa è

Immaginiamoci un bus, uno scuolabus, anzi, ma… senza bus. Ecco il Piedibus, un mezzo che non va a benzina ma a piedi, una vera e propria carovana di bambini che vanno e tornano da scuola tutti assieme, accompagnati da alcuni adulti che assicurano sicurezza, orientamento e puntualità. Di solito sono almeno due i “grandi” del Piedibus, uno fa da autista, ed è il primo del gruppo, l’altro sta in fondo e fa da controllore. Non di biglietti, però, perché non sono necessari per salire a bordo di questo bus ecologico.

Ecologico ma che come tutti gli Scuolabus da sempre fanno, parte da un capolinea e procede di buona lena, mai ostacolato dal traffico, lungo un percorso prestabilito raccogliendo i passeggeri- alunni assonnati alle “fermate” previste.

piedibus

Sole o pioggia, nebbia o afa, il Piedibus non manca una corsa, chi ci “sale” indossa un gilet rifrangente visibile anche negli autunni più nebbiosi della Pianura Padana. E intanto si chiacchiera con gli amici, imparando anche come girare a piedi per le strade in piena sicurezza, senza farsi investire e senza perdersi.

Pedibus: perché?

Già l’idea di una piccola carovana verso le scuole, di un serpentone colorato di zaini, giacche e piccole testoline da coltivare, è entusiasmante, da sé, ma bando alla poesia e all’allegria dell’immagine, anche i più”freddi” troveranno delle ragioni per apprezzare il Piedibus.

Pragmaticamente parlando, ci sono molti vantaggi, per non parlare dell’impatto ambientale che questa iniziativa dal basso potrebbe avere se si diffondesse maggiormente. Ecco 10 motivi dei tanti per organizzare o partecipare al Piedibus.

1 È divertente, tutti insieme si forma un serpentone colorato
2 È bello, mentre si cammina e si chiacchiera ci si conosce meglio e si fa amicizia
3 È sicuro, c’è un adulto che accompagna
4 È salutare, camminare fa bene
5 È ecologico, si usano meno automobili e si inquina di meno
6 È importante, si fa qualcosa di utile per se stessi, gli altri, l’ambiente
7 È educativo, si impara a riconoscere i pericoli della strada e a comportarsi correttamente
8 È utile, riduce lo stress di mamma e papà che evitano ingorghi davanti alla scuola
9 È economico, camminare non costa nulla
10 È contagioso, fa venir voglia anche ai più pigri di andare a piedi!

piedibus

Pedibus a Milano

Dal 2008 il Comune di Milano, assieme ad alcune associazioni, ha avviato il progetto sperimentale “Andiamo a scuola a piedi con gli amici” in modo da mettere a disposizione un modello per l’attuazione dei Pedibus nelle scuole del proprio territorio.

Le strutture scolastiche che hanno quindi voglia di organizzarsi, o i genitori, possono contare sul pieno appoggio dell’amministrazione comunale e di un ottimo supporto organizzativo che facilita non poco le cose. Prima di mettere su strada un Pedibus, infatti, non tutti sanno che è importante realizzare mappature del quartiere per definire al meglio i tragitti. Possono essere uno o tanti, e a volte vanno messi in sicurezza prima di partire e camminare.

Un po’ di buona volontà e di collaborazione, però, e anche la densamente “circolata” città di Milano sta organizzando molti Pedibus, possono partire per tutto l’anno scolastico e sono un importante momento per coltivare la sensibilità dei più piccoli e dei loro genitori, sul rispetto dell’ambiente, sulla salute e sulla sicurezza stradale chiacchierando e camminando, divertendosi e andando avanti assieme. In ogni senso.

piedibus

Piedibus a Lecce

Nelle vicinanze di Lecce c’è il Piedibus Campi Salentina della scuola situata nell’omonimo paese, in piazza Giovanni XXIII. Questa iniziativa è nata nel 2011 grazie a una proposta dell’Associazione Arma Areonautica di Campi che ha poi passato il testimone ad un volonteroso gruppo di genitori.

Infatti ancora oggi il Piedibus porta a scuola tanti bambini grazie all’impegno del Comitato Genitori Campioni con ben 5 linee che collegano i principali punti della cittadina con due scuole. I percorsi sono rosso, blu, verde, giallo, arancio ma ogni mattina non è necessario vestirsi in tinta con la propria linea.

Piedibus a Como

Il Piedibus Lipomo, nell’omonima località in provincia di Como, è partito durante l’ultima settimana dell’anno scolastico 2012/2013, ed ha continuato a funzionare, molto apprezzato da grandi e piccini. Anche lo scorso anno scolastico ha “circolato” regolarmente e alla linea rossa iniziale si sono aggiunte quella gialla, e anche quella blu.

In concomitanza con l’iniziativa, è stato lanciato anche un concorso tra i bambini della scuola primaria coinvolta per inventare un logo e un avatar, un’ottima idea per aumentare il numero di passeggeri del Piedibus e la consapevolezza ambientale di tutte le famiglie.

piedibus

Piedibus a Napoli

Un Piedibus particolarmente salutista è quello avviato nelle scuole del centro di Nola, gli alunni hanno dato vita ad un progetto pilota che sta prendendo piede nel vero senso della parola. piano sperimentale che poi diventerà effettivo all’inizio del prossimo anno scolastico.

Questo ottimo esempio spuntato nel napoletano è stato coordinato dall’Agenzia Area Nolana per conto dell’amministrazione comunale e rientra nelle strategie previste dal piano parcheggi gestito dalla società pubblica. Oltre alla “classica” struttura organizzativa prevista sempre per il Piedibus, questo di Nola ha previsto anche un kit, fornito dall’Agenzia Area Nolana, per la merenda. E in perfetta linea green perché a base di frutta fresca e di stagione: camminare assieme e mangiare bene, per crescere meglio.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest

Vi potrebbero interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 31 agosto 2016