Pastore Svizzero Bianco: carattere e prezzo

pastore bianco svizzero

Pastore svizzero bianco, recentemente riconosciuto in modo ufficiale dalla FCI, è molto simile al Pastore Tedesco, ma ha passaporto elvetico e il suo colore candido. Eccezionale, luminoso, sporchevole, forse, ma immacolato: il bianco, appunto. E’ chiamato anche Berger Blanc Suisse, Weisser Schweizer Schäferhund, nome con cui è inserito nel gruppo dei cani pastori, oppure a livello internazionale White Swiss Shepherd Dog.



 

Pastore Svizzero Bianco: origini

Inizialmente, per misteriosi motivi, il nome di questa razza era “Cane da Pastore canadese bianco”, indipendente semplicemente poiché il colore bianco è escluso dallo standard del “Pastore Tedesco” ma poi nella pratica molto simile. Infatti è di recente riconoscimento ma morfologicamente esiste dai tempi in cui esistono gli altri cani pastori a lui simili. Le prime testimonianze relative a questi esemplari bianchi, arrivano dall’Alsazia Lorena: erano addirittura allevati di pura razza presso Corte Reale degli Asburgo.

Ai tempi la tinta bianca era notata ma non additata, anzi: è dagli anni sessanta che la varietà a pelo bianco è stata esclusa dalla federazione e poi reintrodotta negli anni ottanta, in Germania e poi negli USA e in Canada. Forse ecco perché era inizialmente Pastore canadese invece che Pastore svizzero bianco. Ma è lo staterello a noi confinante che ottiene la paternità di questa bella razza: nel 2002 arriva il riconoscimento a titolo provvisorio da parte della FCI, quello ufficiale solo nel 2011.

Pastore Svizzero Bianco a pelo lungo

L’aspetto del Pastore Svizzero Bianco è molto simile a quello del collega tedesco, a parte il colore, il primo sembra un po’ più allungato e meno angolato. Il fisico è e resta giustamente quello di un cane da pastore, quindi robusto, forte, potente, muscoloso. La taglia è quella media, con una altezza tra i 60 ed i 66 cm al garrese per i maschi e tra i 55 ed i 61 cm per le femmine.

pastore bianco svizzero a pelo lungo

Nel pelo totalmente bianco del Pastore Svizzero Bianco spunta il tartufo di colore scuro e gli occhi a mandorla, bruno a bruno focato. Testa e muso si inseriscono ben proporzionati nell’insieme, spuntano le orecchie, grandi e di forma triangolare, sempre portate erette. La coda del Pastore Svizzero Bianco è a forma di scimitarra ma la particolarità sta nel pelo. Sempre bianco e sempre doppio denso e ben stratificato, ma o medio lungo o lungo.

Nel caso di pelo lungo si ha un sottopelo abbondante con pelo di copertura liscio e piuttosto ruvido. Nella zona del muso, orecchie comprese, e nelle facce anteriori degli arti, il pelo è più corto mentre sul collo forma una sorta di criniera e sulle natiche delle simpatiche “culottes”. Anche la coda appare ben fornita di pelo, ma attenzione: parliamo di pelo lungo ma non esageraramente. Non tipo Lhasa Apso e Komondor. Però può esserci un po’ di ondulazione.

Pastore Svizzero Bianco a pelo corto

La struttura fisica e della testa restano identiche alla versione a pelo lungo, e anche il colore che è tassativamente solo bianco. Anche nel caso di pelo corto, o per meglio dire medio lungo, è ammessa una lieve ondulazione, poi si ha un sottopelo abbondante coperto dallo strato esterno più liscio e piuttosto ruvido.

Anche in questo caso si può notare che il muso, le orecchie e le facce anteriori degli arti sono ricoperti da pelo più corto mentre sul collo e sulla faccia posteriore degli arti il pelo è leggermente più lungo. Nessuna criniera e niente culottes di pelo, però: il Pastore svizzero bianco a pelo corto è più standard. Anche se il suo bianco è comunque motivo di attrazione per strada e nei boschi.

pastore bianco svizzero a pelo corto

Pastore svizzero bianco: carattere

Il Pastore svizzero bianco, non certo per il colore del pelo mostra un carattere diverso da quello che in genere è associato ai cani pastori. Infatti è molto docile ed affettuoso, adatto senza dubbio alle famiglie. Resta un’indole decisa, da chi sa cosa vuole: questa razza ha un forte temperamento e si mostra attento e sempre equilibrato.

E’ una buona compagnia ma anche pronto per fare il cane da guardia se richiesto,senza però mostrarsi violento o aggressivo. Anzi con i membri della famiglia, ovviamente oltre che con il padrone, è amichevole, mansueto e devoto, si fa addestrare, ascolta ed è piuttosto ubbidiente senza mai ribellarsi o avere un atteggiamento aggressivo.

Al massimo con gli estranei che non gli ispirano simpatia il Pastore svizzero bianco può rivelarsi riservato: prima è guardingo, poi attento e curioso. Quando decide che può fidarsi, alloraè a suo agio e torna al suo carattere affettuoso ed educato.

pastore bianco svizzero carattere

Pastore Svizzero Bianco: allevamento

In Italia riconosciuti dall’ENCI ci sono 28 allevamenti, di cui 6 in Piemonte, 5 in Lombardia e 4 in Emilia Romagna. Gli altri sono sparsi in Marche, Veneto, Lazio, Toscana, Umbria, Friuli Venezia Giulia, Campani, Sicilia, Calabria e Basilicata. Nord, centro e sud, il Pastore svizzero bianco è reperibile ovunque e molto apprezzato. Sempre di più, direi, visto che nel 2008 l’ENCI ha contato 87 esemplari iscritti ai libri genealogici e nel 2012 erano diventati 286.
Come razza è considerata particolarmente adatta per discipline come l’Obedience Rally e l’Obedience, è usato come cane da guardia e anche da aiutante per la Protezione civile.

Pastore svizzero lupi di Romagna

 

Allevamento Lupi di Romagna®

Lupi di Romagna® è un allevamento amatoriale di Pastore Svizzero Bianco dove l’Amore per i cani viene prima di tutto!
L’allevamento Lupi di Romagna® è un modo alternativo di “pensare il Cane“. Alternativo, controcorrente e, spesso, “non politically correct” rispetto a quanto concepito sia nel mondo dell’allevamento cinofilo tradizionale (“ufficiale”), che in quello della veterinaria degli animali d’affezione.

Prima di tutto è innamoramento, passione, amore, dedizione, pazienza, abnegazione e condivisione con tutti i cani del branco.

Poi è un (vero) “branco” (e non un “gruppo”) di “cani che fanno i Cani” (e non i “pets”), composto da circa una ventina di soggetti adulti di 4 razze pastorali diverse, di cui solo la metà sono Pastori Svizzeri Bianchi, unica razza riprodotta, un paio di volte l’anno.

Pastore svizzero bianco

I cuccioli incarnano l’ideale classico, mutuato alla Cinofilia, del καλὸς κἀγαθός (kalos kagathos; “Belli e Virtuosi“): nati e rimasti fino alla quinta settimana in casa, svezzati dal rigurgito di carne della madre e alimentati principalmente a carne cruda fresca (MAI mangime industriale!), inseriti nel branco all’esterno dopo la quinta settimana, non vengono MAI ceduti prima delle 15/16 settimane.

Ne risultano, regolarmente, esemplari dotati di estrema stabilità ed equilibrio psichico (“tetragoni psichicamente”) e di un’affidabilità comportamentale di molto superiore alla media.

In altre parole, destinati a diventare, TUTTI, perfettamente “godibili in famiglia e fruibili in società”.

Pastore Svizzero Bianco: cuccioli

Adatto tanto al lavoro quanto alla famiglia, da cucciolo il Pastore Bianco Svizzero è delizioso tanto quanto da grande, se non di più. Va educato bene ma non è una impresa difficile, anzi è simpatico dasubito e impara velocemente le regole di casa. Se ci sono bambini si affeziona subito e diventeranno eterni compagni si gioco. Ad ogni età ma soprattutto da cucciolo, il Pastore svizzero bianco è da tenere d’occhio: mangia e beve tutto.

Pastore Svizzero Bianco: prezzo

Un cucciolo di Pastore svizzero bianco candido candido e ben tenuto, costa di solito tra i 1.200 e i 1.800 Euro. Gli allevamenti sono piuttosto numerosi in Italia, ancora di più nella vicina Svizzera e ad esempio negli USA e in Canada.

Per curare bene il nostro cucciolo non c’è da impazzire, sono sufficienti delle regolari spazzolate al mantello, e una pulita per far sì che mantenga il candore. Per quanto riguarda la salute, è un cane piuttosto robusto e senza grandi patologia, se non una malattia oculare chiamata Cheratite Superficiale Cronica: è una patologia autoimmune cronica di cui soffre soprattutto la femmina di Pastore svizzero bianco e che richiede trattamenti medicinali da continuare tutta la vita.

Se vi è piaciuto questo articolo animalesco continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi!

Altri nostri articoli che potrebbero interessarti:

Pubblicato da Marta Abbà il 5 ottobre 2018