Mutua per cani e gatti

Mutua per cani e gatti

Mutua per cani e gatti, è arrivata tra applausi e polemiche, e prevede numerosi interventi riguardanti anche servizi veterinari e di cremazione, i padroni esenti da ticket avranno uno sconto 50% ma in generale costerà 120 euro all’anno. Per apprezzarla o criticarla, andiamo a conoscerla in modo più approfondito.



Mutua per cani e gatti: cosa è

Una Mutua per cani e gatti è a tutti gli effetti una Mutua per cani e gatti, a loro dedicata, ma possiamo anche chiamarla “Dottor Bau & Dottor Miao”. Si tratta, ragionando sulla falsa riga del servizio che riguarda la razza umana, di un sistema privato di assistenza per i nostri amici a quattro zampe che sempre più spesso sono nostri coinquilini.

Siamo tra i popoli che più ama e adotta cani e gatti, sarà anche per questo che la Mutua italiana assistenza sanitaria (Mias) in partnership con FareAmbiente, Movimento ecologista europeo e con la compagnia assicurativa EuropAssistance ha lanciato questa Mutua per cani e gatti.

Mutua per cani e gatti

Mutua per cani e gatti: servizi

Parte a fine febbraio (2017) all’effettiva, ed è stata presentata a inizio mese con tutte le indicazioni su come trovarla e beneficiarne da padroni di esseri a quattro zampe, scondizolanti o miagolanti.

Per aderire alla Mutua per cani e gatti è possibile procedere anche da casa, grazie al sito dedicato, oppure sempre da pc ma tramite i canali social. Anche i pet shop, i punti vendita della grande distribuzione e le Guardie Ecozoofile di FareAmbiente saranno dei riferimenti per chi vuole aderire e usufruire di questa Pet-Mutua.

Tra i vari servizi previsti, quello che maggiormente colpisce e sembra servire, è “Per Sempre”. E’ triste pensarlo, ma è piuttosto frequente che da padroni, ci si trovi a sopravvivere al proprio animale: questa opzione prevista dalla Mutua per cani e gatti si occupa anche dei casi di decesso.

Mutua per cani e gatti

Anche in caso di ricovero, Per Sempre ci da una mano in modo da sistemare cane e gatto in una struttura qualificata delle Guardie Ecozoofile di FareAmbiente. La società specializzata Petico, invece, si occupa di certificare le strutture in cui i nostri animali potranno essere cremati grazie a Mutua per cani e gatti, nello specifico grazie al servizio ‘Sacrificio necessario’.

Altre occasioni in cui questa novità della Mutua per cani e gatti potrà tornate utile a noi padroni sono quelle in cui il problema di salute riguarda noi. Con scaramanzia, scrivo, ma può capitare che per un determinato periodo ci troviamo a non poter badare al nostro cane o al nostro felino domestico. E quindi?

Se abbiamo aderito alla Mutua avremo la possibilità di farli sistemare in una struttura qualificata fino a quando non ci rimetteremo in forma. Non scordiamoci, al momento di sottoscrivere il tutto, che se siamo nella fascia di esenzione del ticket sanitario, abbiamo diritto ad un trattamento di favore: uno sconto della quota associativa anche del 50%.

Mutua per cani e gatti

Mutua per cani e gatti: commenti

C’è chi ha pensato che non se ne sentiva il bisogno, e che ci sono molte persone che necessitano di aiuti e che dovrebbero avere la priorità. C’è invece chi ha applaudito all’annuncio ed è già pronto per aderire alla prima Mutua per Cani e Gatti. Senza giudicare, vediamo qualche numero.

Oggi oltre il 55% delle famiglie italiane ha un animale domestico, ciò si traduce in una quantità di cani e gatti domestici stimata superiore ai 15 milioni. Queste cifre fanno affermare ad alcuni che gli animali sono un ammortizzatore sociale e che è ora di finirla con il considerare un lusso l’adottare un cane o un gatto.

Si tratta ormai, basta guardarsi attorno, di un valore sociale. La mutua per cani e gatti potrà avere ottime conseguenze anche nella lotta contro l’abbandono di animali andando in aiuto alle famiglie con cani e gatti che si trovano ad affrontare momenti di difficoltà economica.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+, Instagram

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 1 marzo 2017