Migliori crocchette per cani: come scegliere

migliori crocchette cani1

Migliori crocchette per cani: se già da molti sono le preferite, le crocchette, in generale, nella diatriba tra cibo secco e cibo umido, per sfamare il proprio compagno a quattro zampe, è possibile scegliere anche il meglio del meglio. Quindi le migliori crocchette per cani.



Per noi padroni, diciamolo, rispetto al cibo umido, confezionato o fatto in casa, ai da te, le crocchette risultano molto più pratiche. Oltre ad essere spesso da preferire per il loro profilo nutrizionale completo rispetto ai bocconcini in scatola che spesso hanno più grassi e meno vitamine a livello percentuale.

Le migliori crocchette per cani sono anche facili da dosare, si conservano più facilmente e più a lungo, costano molto meno e per servirle “in ciotola” non è necessario aggiungere altro, né altro liquido né un integratore alimentare. Rispetto al cibo umido, infine, le migliori crocchette per cani hanno anche il vantaggio di rafforzare e pulire i denti degli animali durante il pasto.

Se si vuole confrontare etichetta ad etichetta cibo umido e secco, va considerato che anche le migliori crocchette per cani hanno mediamente un 10-12% di umidità contro il 75% di acqua che c’è nell’umido. Per confrontare la “quantità a secco” di proteine va ricavata quella presente nel cibo umido “facendo seccare” le dosi con un breve calcolo.

migliori crocchette cani4

Se una ipotetica scatoletta contiene il 12% di proteine e ha il 75% di acqua, dividendo il 12% del 25% di cibo solido si ottiene il 48% di proteine. Si usa il valore del 25% nel denominatore per considerare solo la sostanza secca che rimane dopo avere tolto la percentuale dell’acqua del 75%.

Migliori crocchette per cani: come scegliere

I criteri per selezionare le migliori crocchette per cani è necessario tener conto di diversi fattori, i più significativi sono l’età dell’animale, la taglia, la razza. Si parte dall’età del cane e già le migliori crocchette per cani si dividono in “puppy”, “regular”, “premium” e “light”. E’ piuttosto intuibile a chi ciascuna di queste categorie si rivolge.

migliori crocchette cani5

La prima è per cuccioli, ricca di calcio, perché le migliori crocchette per cani affianchino i giovani cani nel loro sviluppo osseo. La fascia “regular” è quella dei cani adulti che fanno normale attività fisica, da valutare ovviamente di razza in razza senza pretese che un carlino e un labrador retriever si muovano allo stesso ritmo.

Ecco, per le cagnoline in gravidanza o in fase di allattamento, o per quei cani che hanno una intensa attività fisica è più adatta la categoria “premium”, al contrario per i sedentari, oltre che per i cani più in là con gli anni, ci sono le migliori crocchette per cani in versione “light”.

Per individuare le migliori crocchette per cani è necessario badare alla dimensione. I frammenti devono avere la grandezza adeguata alle fauci del nostro cane: se sono troppo grandi possono infastidirlo o costringerlo a masticare troppo facendo strane smorfie e curiose acrobazie. Altro che “migliori crocchette per cani” poi! Anche troppo piccole non va bene perché il cane potrebbe ingurgitarle rischiando di soffocarsi o di avere problemi di digestione.

migliori crocchette cani6

Migliori crocchette per cani: cosa guardare

Detto tutto questo, possiamo scegliere le migliori crocchette per cani di testa nostra, anche se è sempre meglio chiedere un consiglio, senza impegno, al nostro veterinario, che oltretutto conosce meglio lo stato di salute del cane e sa se è in particolari condizioni fisiologiche (intolleranze, ecc.) che richiedono le migliori delle migliori crocchette per cani, addirittura.

Ascoltiamo quindi il veterinario, piuttosto, ma mai la pubblicità e neppure il bel aspetto del packaging. Se proprio siete degli esteti e non resistete all’idea di voler mettere le migliori crocchette per cani nel miglior contenitore possibili, ecco quello che fa per voi. Stile pulito e chiaro, che richiama all’igiene e alla freschezza, questo porta crocchette ha anche una punta vintage che a me fa impazzire.

migliori crocchette cani7

L’unica cosa da guardare del packaging, anzi dovete guardarla proprio, è l‘etichetta. Meglio se è affiancata dal “sigillo d’oro”, sigillo che attesta che si tratta di un alimento approvato dall’americana AAFCO (Association of American Feed Control Officials). Questa rassicurazione vale anche in Europa, la garanzia per il consumatore è rispetto ai requisiti nutrizionali di base per il tipo di animale di cui si dichiara di essere adatti, come cibo.

Migliori crocchette per cani: come leggere l’etichetta

Per il resto, nell’etichetta si cercano gli ingredienti perché, se è vero che i cani sono onnivori e possono mangiare sia carne, sia cereali e ortaggi, è vero anche che le migliori crocchette per cani devono avere come ingrediente principale la carne. E non “la carne” ma diciture come “pollo” o “manzo”, ben diverse da accenni tipo “prodotto a base di carne ” o “farina di carne”.

Quando si tratta delle migliori crocchette per cani, quelle che consigliereste anche al vostro miglior amico a quattro zampe e al cane del vostro migliore amico, l’ingrediente principale non deve essere “cereali”, e men che meno “verdure o tuberi”. Non è una questione di avvelenamento, no, ma se non esistono precise ragioni per far rimpinzare l’animale di cereali, la carne deve prevalere perché è semplicemente più assimilabile dall’organismo canino.

migliori crocchette cani2

Carne, abbiamo detto, ma ci sono anche tipologie a base di pesce tra le migliori crocchette per cani. Dipende poi dal singolo animale, magari ne va matto, magari scappa dalla ciotola appena sente il “forte” odore: è una scommessa, non compratene troppo, provate se piace, meglio, perché il pesce va benissimo e fa benissimo. Se il vostro cane non lo ama, farvene una ragione e non torturatelo, non cederà.

Migliori crocchette per cani: come dosarle
Di solito, se si tratta effettivamente delle migliori crocchette per cani, sulle confezioni ci sono indicazioni sulla quantità ottimale da servire di ogni elemento nutrizionale in base al peso forma dell’animale. Seppur magari affidabile, va intesa come linea guida, perché ciascuno di noi, aiutato dal veterinario, è bene che sappia o verifichi di cosa ha bisogno veramente il cane, comportandosi di conseguenza.

migliori crocchette cani3

Dose dopo dose, si fanno fuori scatole e scatole, ma è necessario conserva accuratamente anche le migliori crocchette per cani per non farle “rovinare” dal tempo e dal contatto con l’aria. Si possono tenere sacchetto originale chiuso in un contenitore ermetico di plastica o metallo, sicuramente in un luogo fresco e buio come un armadio o una dispensa.

Se vi è piaciuto questo articolo animalesco continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi!

Articolo correlato che potrebbe interessarti:

– Quanto deve mangiare un gatto

Pulizia dentale del cane

Shampoo per cani: come sceglierlo

Pubblicato da Marta Abbà il 22 agosto 2015