Come si fa la raccolta differenziata

raccolta differenziata come si fa

Imparare come si fa la raccolta differenziata è un obbligo civico e morale, infatti la raccolta differenziata riduce i rischi per la salute dei cittadini e per l’ambiente.



La raccolta differenziata è nostra alleata! Differenziare i rifiuti significa: meno discariche, meno inceneritori, meno desertificazione e meno sfruttamento delle materie prime.

La raccolta differenziata porta a porta 
L’attuazione della raccolta differenziata può avvenire con il conferimento diretto da parte dei cittadini che provvedono a gettare i rifiuti in appositi cassonetti, oppure con la più efficiente raccolta porta a porta. Con la raccolta differenziata porta a porta ai cittadini vengono dati dei sacchetti di colore diverso per provvedere alla separazione dei rifiuti in casa. Sarà il comune o il consorzio di competenza a provvedere, in giorni prestabiliti, il ritiro dei rifiuti direttamente presso il numero civico dell’abitazione.

Come si fa la raccolta differenziata

Sono molti i dubbi che possono sorgere quando si parla di dividere i rifiuti per la differenziata. In questa pagina vi spiegheremo in dettaglio come fare la raccolta differenziata a casa parlando di plastica, carta, vetro e portando a setaccio l’elenco dei rifiuti da conferire con la raccolta.

Raccolta differenziata: la frazione organica

Sono molti i nomi che vengono attribuita alla frazione organica. C’è chi la chiama umido, chi semplicemente organico e chi compostabile, in ogni caso si tratta di questi rifiuti:

  • Avanzi di cucina sia cotti sia crudi come bucce, torsoli, noccioli, verdure, carne, lische, riso, pane, formaggi, gusci d’uovo, fondi di te, residui di caffé…
  • Carta sporca come tovaglioli, fazzoletti…
  • Foglie, fiori, rametti
  • Semi e granaglie
  • Tappi di sughero
  • Tutto ciò che è biodegradabile fatta eccezione per gli sfalci abbondanti provenienti dal giardino che vanno smaltiti a parte.
  • La frazione organica può essere “alleggerita” con l’adozione di una compostiera domestica.

Raccolta differenziata: la carta

La carta rappresenta il 30% dei rifiuti che produciamo in casa. Carta e cartone possono affrontare un’infinità di cicli di vita grazie al corretto riciclaggio. Cosa mettere nella raccolta della carta? L’elenco che segue, mentre non vanno messe nella raccolta della carta le fotografie, i bicchieri di carta e piatti, tutte le carte plastificate o carte sporche di cibo.

  • Giornali e libri
  • Quaderni e fumetti
  • Riviste di ogni tipo
  • Tetrapak (alcuni comuni lo differenziano insieme all’alluminio o alla plastica, fate attenzione)
  • Pieghevoli
  • Sacchetti di carta
  • Poster, foglietti per le istruzioni
  • Scatoli dei farmaci (ma non farmaci che sono classificati come rifiuti pericolosi)
  • Scatole di cartoncino, del dentifricio, dei biscotti…
  • Cartone piegato

Raccolta differenziata, il vetro

Nell’articolo Come differenziare il vetro vi abbiamo fatto notare gli errori più comuni da evitare; non vanno nella raccolta del vetro quei rifiuti come coperchi delle pentole, lampadine, specchi…. Vanno conferiti con il vetro, invece:

  • Bottiglie
  • Vasetti
  • Bicchieri rotti
  • Imballi in vetro

Raccolta differenziata, i metalli

I metalli sono spesso raccolti con la differenziata porta a porta, nello stesso giorno e negli stessi contenitori del vetro, tuttavia è bene verificare sul sito del proprio comune di appartenenza. Vi ricordiamo che gli elettrodomestici o altri oggetti in metallo ingombranti vanno smaltiti separatamente. Nella raccolta del metallo dovrete conferire:

  • Lattine di bibite
  • Lattine di conserve
  • Scatolette del tonno
  • Scatolette del cibo per animali
  • Tappi metallici

Raccolta differenziata, la plastica

Esistono circa 110 tipologie differenti di plastica e per fortuna la gran parte di essi possono essere riciclati interamente. Se avete oggetti di plastica (giocattoli, posate, tubetti del dentifricio…), questi vanno smaltiti a parte, i giocattoli se grossi vanno conferiti con i rifiuti ingombranti, se piccoli, insieme al tubetto del dentifricio e alle posate, dovranno essere conferiti nell’indifferenziatoCosa mettere nella raccolta differenziata della plastica? Gli imballaggi!

  • Bottiglie di plastica
  • Contenitori di qualsiasi genere: in plastica e purché puliti
  • Vasetti per alimenti (Es.: vasetti per lo yogurt)
  • Film da imballaggio
  • Flaconi di prodotti per la casa e l’igiene personale (attenzione! Flaconi e non tubetti!)
  • Buste di plastica della spesa
  • Confezioni di plastica come le retine delle arance o le vaschette dei gelati
  • Polistirolo
  • Dispenser
  • Vaschette per alimenti

Nel differenziare i rifiuti, l’organizzazione è tutto. Dedicate un angolo del balcone o un modesto spazio della casa ad accogliere i contenitori per la raccolta differenziata così da non stressarvi troppo con le fastidiose e anti-igieniche buste poste sotto al lavello della cucina!

Se vi è piaciuto questo articolo potete seguirmi su Twitter, aggiungermi su Facebook o tra le cerchie di G+, le vie dei social sono infinite! :)

Pubblicato da Anna De Simone il 16 novembre 2014