Come fare il gomasio in casa

come-fare-il-gomasio

Come fare il gomasio in casa: proprietà salutari, quali vantaggi arreca l’assunzione di questa magica polverina, le istruzioni per prepararlo in casa.

Facilmente realizzabile nelle nostre cucine, il gomasio è un condimento naturale che si ottiene dalla miscela di semi di sesamo tostati e sale. Viene regolarmente utilizzato come condimento, per sostituire il sale da cucina ed è apprezzato per le sue elevate virtù terapeutiche; è ricco di sostanze nutritive, sali minerali e vitamine

Proprietà del Gomasio fatto in casa

I vantaggi del consumo di gomasio sono da ricondurre alle proprietà dei semi di sesamo. Tra le proprietà più interessanti segnaliamo l’abbondanza di micronutrienti, in particolare i semi di sesamo sono molto ricchi di vitamine del gruppo B e sali minerali quali manganese, magnesio, calcio, ferro e zinco.

Per approfondimento vi consigliamo la lettura dell’articolo “Proprietà dei semi di sesamo

Se per la preparazione in casa del gomasio si utilizzano semi di sesamo neri, andremo a migliorare il nostro condimento con ulteriori sali minerali specifici per salvaguardare la salute del sistema immunitario, circolatorio e nervoso.

Come fare il gomasio in casa, la ricetta

Alla luce di queste considerazioni, è legittimo affermare quanto il gomasio sia un ingrediente da preferire rispetto al sale comune. Il basso apporto di sodio in esso contenuto, va sicuramente a favore della prevenzione dai danni cardiocircolatori e dall’ipertensione. A tal proposito vi illustreremo come preparare il gomasio in casa seguendo le nostre indicazioni.

Gli ingredienti

Semi di sesamo e sale marino…questo è tutto ciò che ci occorre, oltre al frullatore! Per la preparazione i giapponesi utilizzano il suribachi e il surikogi, il primo è un mortaio di terracotta, il secondo un pestello di legno tozzo. In ogni caso, va benissimo un comune frullatore. L’unica raccomandazione importante è quella di comprare semi di sesamo biologici e sale marino integrale.

Per preparare circa 50 gr. di gomasio servono 45 grammi di sesamo e 5 grammi di sale. Le proporzioni da osservare vanno da un minimo di 6 parti di sesamo a 1 di sale, a un massimo di 20 parti a 1.

Preparazione

  1. Lavate per bene i semi poi scolateli
  2. Mettete una padella antiaderente sul fuoco a fiamma media e versate i semi ancora umidi: man mano che l’acqua rimanente evapora, i semi inizieranno a tostarsi
  3. A questo punto, abbassate la fiamma e continuate la tostatura
  4. Mescolate  i semi con l’aiuto di un cucchiaio in legno avendo cura di non bruciarli: per individuare il giusto grado di tostatura, basta verificare che al contatto con le dita si sgretolano
  5. Levate dalla padella e spegnete il fuoco.
  6. Versate il sale nella padella e tostate, affinché perda tutta la propria umidità.
  7. Una volta asciugato completamente, versate il sale nel mixer poi aggiungete i semi continuando a frullare fino a frantumarli quasi del tutto, ma senza raggiungere la consistenza tipica della farina
  8. Il gomasio fatto in casa è pronto. Lasciatelo raffreddare, conservatelo in un vasetto di vetro e riponetelo in frigorifero, al massimo per una decina di giorni.

Indicazioni utili…..

Per rendere il nostro sale di semi di sesamo ancora più salutare, potete sostituire il sale marino con la stessa quantità di sale rosa dell’Himalaya. Per insaporire ulteriormente il gomasio potete anche usare delle erbe aromatiche, spezie o addirittura delle alghe…realizzerete un ottimo gomasio aromatizzato!

Come Usare il Gomasio

Ora che sapete come si  prepara il gomasio in casa, potete cimentarvi a usarlo sulle vostre tavole. A questo punto, non vi resta che sostituirlo al sale da cucina. Il vostro organismo ne beneficerà da subito dato che è privo di tutte le controindicazioni di quest’ultimo.

Potete utilizzarlo per insaporire pietanze e alimenti, conferirete loro un sapore nuovo, sempre diverso apportando al vostro organismo proprietà nutritive. Potete condire salse, verdure alla griglia, cereali, legumi, insalate, zuppe e minestre.

Ti potrebbero interessare

Pubblicato da Anna De Simone il 27 settembre 2016