Collare GPS per cani: modelli consigliati

collare Gps per cani
Collare GPS per cani, perché va bene chiamare “Fido” o “Billy” o il nome che abbiamo scelto, sperando non sia troppo imbarazzante, ma non ci si può sgolare più di tanto. E ci sono situazioni in cui il nostro amico a 4 zampe ha vagato un po’ troppo. Oppure si è distratto e non sa più come tornare. Allora, in silenzio, con un collare GPS per cani, possiamo stare sereni w capire “in che razza di posto è andato”.



Vediamo assieme qualche modello oggi sul mercato per capire l’offerta esistente e le potenzialità dello strumento in sé. E se fa al caso nostro, e a quello del nostro cane che, indossandolo, diventerà qualcosa di simile ad uno smart dog.

Collare GPS per cani: Tractive Pet Tracking

Il collare GPS per cani Pet Tracking della Tractive rintraccia l’animale, volendo anche un gatto o altro, dove e quando vogliamo una volta che lui lo indossa. E’ un dispositivo che ci permette di controllare in tempo reale la posizione sia sul browser, sia sullo smartphone attraverso app gratuita, mostrandola su una mappa interattiva. Attivando la funzione di LIVE-Tracking gli aggiornamenti sono ogni due secondi.

Questo collare GPS per cani permette anche di definire una zona sicura: è una sorta di recinto virtuale, anche se non stiamo con il naso incollato alla mappa, quando il nostro animale “evade” veniamo informati immediatamente sul nostro telefono. Un’altra funzione interessante, un po’ da detective, o da pettegoli, ma che può tornare utile, è il tracking delle ultime 24 ore.

collare Gps per cani tractive

Il collare GPS per cani ci permette di sapere il suo percorso metro per metro, dal giorno precedente.Questo interessante dispositivo per animali ha anche l’indicatore di carica ed è impermeabile al 100%, e pesa solo 35 g.

Collare GPS per cani: Kippy GPS per animali con SIM 

Piccolo, resistente e facile da agganciare: ecco il collare GPS per cani della Kippy che ha combinato per la nostra gioie di padroni ansiosi ben 3 tecnologie diverse offrendo una maggiore sicurezza a uomini e animali.

collare Gps per cani Kippy

E’ un dispositivo che vanta un raggio d’azione illimitato grazie alla tecnologia satellitare GPS. Non solo:se il nostro avventuroso cane si è andato a ficcare in un’area dove non c’è segnale GPS, l’intelligente collare GPS per cani lo frega, e ci aiuta: triangola la posizione appoggiandosi alle celle telefoniche nelle vicinanze. Ed eccolo stanato. Noi padroni green, soprattutto, possiamo ben apprezzare anche l’idea della Kippy di offrire la possibilità di passare in modalità risparmio energetico: in questo modo il GPS resta acceso solo quando il cane si muove.

Impermeabile, antiurto, con una batteria che assicura fino a 20 giorni di utilizzo senza doverlo ricaricare, il collare GPS per cani di questo tipo mostra la posizione dell’animale su smartphone, tablet o computer, le app necessarie sono gratuite su Google Play , Windows Store o App Store con la possibilità di seguire anche più animali e il loro vagare durante la giornata, personalizzando le schede con nomi e foto. Se poi ci viene in mente di raggiungere l’animale, il collare GPS per cani ci indica la direzione.

collare Gps per cani kippy

Anche in questo modello ci sono sia il recinto virtuale da programmare se si vuole concedere una libertà limitata, magari in giardino o nell’isolato, sia “lo storico” dei movimenti, inoltre Kippy garantisce il servizio di tracciamento in tutta Europa, Sudafrica, Turchia e India senza costi aggiuntivi. Possiamo tenere sotto controllo con il collare GPS per cani il nostro animale anche quando siamo in vacanza, tanto da mettere in valigia è comodo dato che misura 6 cm x 3,5 cm x 2 cm, pesa 50 g e la batteria ha lunga vita.

Collare GPS per cani: Portatile Gps Tracker TkStar 

Animali smarriti o rubati, padroni ansiosi o curiosi, questo collare GPS per cani individua e traccia obiettivi il percorso degli animali ma anche volendo di bambini, anziani e veicoli utilizzando la tecnologia GPS più avanzata e GSM dual posizionamento. La mostra comodamente su tablet, pc o smartphone.

Proprio su smartphone, poi, opzione tra le preferite al giorno d’oggi, per questo collare GPS per cani basta una semplice SIM card e una app gratuita, poi chiamando il Tracker lui mi manda un SMS con posizione del cane e link per visualizzarla su Google Maps. Non solo: al collo del nostro amico mettiamo una sorta di cimice con questo modello di collare GPS per cani perché con l’opzione monitor voice si ascoltano i suoni provenienti dalle prossimità del dispositivo direttamente sul proprio cellulare, in maniera del tutto anonima. Da spia!

 

collare Gps per cani

 

C’è anche la possibilità, su richiesta, di essere avvisati se il movimento, una volta arrestato, riprende, oppure se si evade da una zona di sicurezza pre-impostata e lo storico degli spostamenti in questo caso arriva fino ad un anno di distanza con tanto di calcolo dei K, percorsi. Magari scopriamo di avere un cane maratoneta, da guinness.

Non può mancare, come per gli altri già visti,anche per questo collare GPS per cani la funzione di risparmio della batteria: va in stand-by quando non c’è alcuna vibrazione e a quel punto garantisce una durata di 300 ore.

Collare GPS per cani Kentron TBPT

Un collare GPS per cani da 35g, per localizzare l’animale, blu, anche se l’animale è un gatto, che funziona sia con Android che con Iphone e offre un servizio di piattaforma gratuita per sempre. Per utilizzarlo è necessaria sempre l’app, sempre gratuita e poi è assicurato il monitoraggio in tempo reale grazie al supporto della Geo-Fence Function.

Ancora tramite app, è possibile consultare gli spostamenti del cane “nella storia” e decidere come e quando essere avvisati. Possiamo preferire un SMS, classico, oppure una notifica direttamente dalla app del collare GPS per cane. Il design di questo dispositivo è moderno ed elegante, inoltre si esprime in più lingue: moderno e internazionale.

Se vi è piaciuto questo articolo animalesco potete seguire Marta anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest  

Articoli correlati che potrebbero interessarti:

Pubblicato da Marta Abbà il 9 febbraio 2016