West Highland White Terrier

West Highland white terrier
West Highland White Terrier, per gli amici Westie, viene dalla Scozia ed è un cane di grande esuberanza e piccola taglia. Lo conosciamo tutti, di vista, magari a nostra insaputa, se abbiamo visto ogni tanto la tv, tra gli spot di un importante marchio di whisky e quella di una ancor di più nota azienda di alimenti per cani. Ma cosa sappiamo veramente di questo animale?



West Highland white terrier: origini

Come la maggior parte dei terrier di origine scozzese, anche il nostro West Highland white terrier deriva da Cairn Terrier ma lui è bianco. Bianco e basta, tassativamente, da albino. Infatti è stato il colonnello Malcolm a selezionarlo così e oggi fa parte del suo standard il colore definito e puro.

Il militare ha scelto personalmente il colore, lo ha voluto molto probabilmente per far aumentare la visibilità dell’animale, pensando ovviamente alle battute di caccia, in modo da evitare ad esempio incidenti spiacevoli che avrebbero potuto avere brutte conseguenze sullo stesso West Highland white terrier.

Il primo nome, in verità, è stato “Terrier di Roseneath”, poi è passato a “Terrier di Poltalloch” e finalmente a quello attuale, abbreviato con simpatia in Westie. A fine 800 c’è stato l’esordio ufficiale in una esposizione, quella di Cruft, dove ha letteralmente spopolato diventando subito un “dog trend” in tutta la Gran Bretagna. Prima gettonato per le battute di caccia, ora lo è altrettanto, se non di più, ma per le serate sul divano. A casa, come cane da appartamento di piccola taglia, da compagnia.

West Highland white terrier

West Highland white terrier: carattere

Oltre ad essere molto vivace, anche se è piccolo, binomio di contrasti che spesso ritroviamo, il West Highland white terrier è un animale molto coraggioso, tanto che tende ad ingaggiare o a farsi coinvolgere in combattimenti assurdi con animali più grossi e potenti di lui. In modo un po’ incosciente, tanto è impavido.

In generale non ha dei rapporti facili con gli altri cani, soprattutto se sempre Terrier, ma neanche con gatti e ricci e altri animali domestici, meglio sia da solo in casa. Il cane di casa. Certo, se lo si sceglie, il West Highland white terrier da grandi soddisfazioni tanto è affettuoso e allegro, socievole e amicone. Amicone di tutti, anche troppo, perché con gli estranei è molto disponibile ed aperto: non consideriamolo come cane da guardia, da allarme sì perché abbaia eccome.

Pur essendo molto legato a padrone e famiglia, il West Highland white terrier non ama essere tenuto in braccio, vuole stare libero e a terra, ma non fa scene isteriche, è ritenuto una razza equilibrata. Con i bambini, quindi, è un baby sitter giocherellone e sicuro, un po’ “focoso” ma innocuo, mentre per gli adulti, si trasforma in un resistente e intelligente cane da passeggiata.

WWest Highland white terrier

West Highland white terrier: aspetto

Al garrese misura meno di 30 cm, il West Highland white terrier, ed è per questo ritenuto un cane di piccola taglia, con un peso che passa dai 6 agli 8 Kg, dipende se è un maschio o una femmina. L’aspetto poi, è uguale, dei due: cranio bombato, mascelle robuste, occhi molto scuri e mediamente grandi, orecchie piccole, erette e “appuntite”.

Il corpo è muscoloso e compatto, le zampe non sono molto lunghe, la coda circa 12 – 14 cm, pelosa ed estremamente diritta. Non la vedrete mai portata ricurva sul dorso. Il mantello del West Highland white terrier, oltre ad essere bianco, è ispido e con pelo di circa 5 cm, liscio. Il sottopelo, bianco puro anch’esso, è corto, morbido e fitto.

West Highland white terrier: allevamento

Quando si decide di allevare un West Highland white terrier è necessario tenere d’occhio la sua alimentazione. Come pergli altri cani, le porzioni variano a seconda dell’età: i primi 2 mesi di vita vale la regola delle 3 volte al giorno, poi diventano due. Ciò a cui, in particolare per il West Highland white terrier, bisogna stare attenti sono gli eccessi di proteine.

West Highland white terrier

Infatti il cane è predisposto a malattie della pelle come eczemi, problemi epatici e irritazioni, dalla nascita, spesso, allora le proteine possono aggravare la situazione e farlo soffrire di più. In vecchiaia, questa razza tende molto ad avere problemi di artrosi alle zampe posteriori e la gastrite. Tornando all’allevamento di West Highland white terrier e alla “pappa”, quando è anziano deve mangiare poco, ma è importante che anche a età avanzata abbia sempre a disposizione acqua, acqua fresca e pulita.

West Highland white terrier: cucciolo

Il cucciolo di West Highland white terrier è più vivace che mai, vedendo quanto già lo sono gli adulti, non oso immaginare. Intersgisce con tutti e è incosciente, può essere troppo temerario nell’affrontare cani più grandi ed esperti di lui, magari come un bullo ai giardinetti. Meglio stare attenti quando lo si porta a passeggiare. Per il resto il cucciolo non ha grandi esigenze se non tanta pappa.

La femmina di West Highland white terrier ha un periodo di gestazione di circa 63 giorni, al secondo mese comincia a sentirsi stanca, a mostrarsi più pigra. Quando aspetta un cucciolo, il nostro West Highland white terrier, semmai capitasse, deve mangiare di più. Un 15% in più verso il 40º giorno di gestazione per arrivare ad un 30% in più quando manca poco alla gravidanza.

West Highland white terrier

West Highland white terrier: prezzo

Un tempo erano molto apprezzati per la caccia a volpi e conigli, e a qualsiasi animale usufruisse di tane e cunicoli della sua taglia, oggi invece si infila nelle nostre case e ne diventa un piccolo padrone socievole. Ama molto stare all’aria aperta, è un cane che costa circa 500 euro da giovane, da cucciolo, e si rivela molto portato per discipline come l’agility dog e l’obedience. Anche come baby sitter, anche se non è uno sport: è un cane paziente e sicuro, educato e aperto, accogliente. Da focolare.

Se vi è piaciuto questo articolo animalesco continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi!

Altri articoli che potrebbero interessarti:

Pubblicato da Marta Abbà il 4 febbraio 2016