Talea di melograno

talea di melograno

Talea di melograno: istruzioni su come fare la talea di melograno in acqua, con terreno o riproduzione per innesto. Dal periodo giusto ai consigli per aumentare le possibilità di attecchimento.

Talea di melograno, come fare

Prelevate un ramoscello semilegno di un anno d’età. Il rametto prelevato deve essere grande 20 – 30 cm e dovrà poi essere interrato, per metà, in un vasetto pieno di torba fertile. Prima di interrare il rametto, immergetelo in acqua e poi in polvere radicante per talee semi-legnose.

Prelevate la talea facendo un taglio netto e obliquo. Per tagliare il rametto semi-legnoso, usate delle forbici sterili e ben affilate: la porzione da 20 – 30 cm di rametto prelevata non dovrà presentare sbavature.

Scegliete una pianta madre sana e un ramo vigoroso. Dal ramo dovrete rimuovere la maggior parte delle foglie, lasciandone solo 3 o 4 nella parte apicale.

Per aumentare le possibilità di attecchimento, l’uso della polvere radicante è fortemente consigliato nella talea di melograno. Queste polveri vanno a stimolare l’emissione di nuove radici.

Immergete la base della talea in acqua e poi passatela in una polvere radicante. Interrate la talea per metà in un miscuglio di torba da mantenere umido. Posizionate la talea in un luogo ombreggiato e proseguite con la messa a dimora solo dopo che la pianta avrà mostrato segni di ripresa vegetativa.

Consigliato:
per facilitare la radicazione, impregnate la base della talea di melograno con un prodotto stimolante per talee legnose e semi-legnose come il Radicante Clonex , proposto su Amazon con spedizione gratuite al prezzo di circa 13 euro.

Talea di melograno, il periodo giusto

Quando eseguire la talea di melograno? Il periodo ideale per la moltiplicazione per talea del melograno cade tra fine agosto e inizio settembre o in primavera: tra aprile e maggio al nord e tra fine marzo e inizio aprile nel Meridione d’Italia.

L’ideale consiste nel prelevare la talea in inverno, nel mese di gennaio, quando la pianta di melograno è in pieno riposo vegetativo per poi provare a innescarne la radicazione a marzo, con l’aumento delle temperature.

Per la propagazione del melograno si può eseguire anche l’innesto o la margotta. La margotta si esegue nel periodo estivo, tra giugno e luglio.

Propagazione del melograno per pollone radicato

Se la pianta di melograno non è un innesto, è possibile ottenere un gran numero di piantine dalla pianta madre con estrema facilità. Ecco le istruzioni da seguire per moltiplicare il melograno nel periodo estivo.

  • Prelevate dei polloni che crescono ai piedi dell’albero di melograno. I polloni devono essere prelevati con un po’ di radice.
  • Immergete i polloni in acqua e subito dopo in polvere radicante.
  • Trasferite i polloni in dei vasetti con del terriccio fertile.
  • Innaffiate e quando la pianta avrà ripreso a vegetare potete procedere con la messa a dimora in piena terra.

Moltiplicazione per talea

La moltiplicazione della camelia per talea non è stata la prima propagazione di questo genere che abbiamo trattato. Di seguito vi consigliamo alcune guide su come fare talee delle più comuni piante da giardino.

Moltiplicare il melograno per talea è semplice, tuttavia, alcuni vivaisti preferiscono l’innesto per ottenere, in breve, piante vigorose e medio-grandi. La tecnica di innesto per la propagazione del melograno è quella a spacco.

Pubblicato da Anna De Simone il 13 gennaio 2016