Scarti centrifuga, cosa farne?

Scarti centrifuga

Chi ha la fortuna di avere una buona centrifuga conosce bene il valore di un succo appena fatto: vitamine e sali minerali a pronto assorbimento!

I succhi di frutta e verdura ricavati dalle centrifughe prendono il nome di centrifugati… L’unico neo è che le centrifughe meno potenti non riescono a dividere bene la componente liquida da quella solida e così tendono a produrre molti “scarti” umidi.

In un certo senso… il centrifugato è un modo anti-economico per nutrirsi di frutta e verdura, insieme alle fibre vanno via anche buone percentuali della componente liquida.
Per non cadere nella trappola degli sprechi alimentari e non gettare via i nostri soldi al vento, è possibile utilizzare gli scarti della centrifuga per preparare vellutate, creme, condimenti e ottimi dolci.

Per dare qualche idea, gli scarti della centrifuga possono essere riutilizzati per preparare biscotti, plumcake, torte, muffin, ghiaccioli, sorbetti e addirittura marmellate.
Quando si parla di scarti delle verdure, questi possono essere frullati ulteriormente per dare vita a vellutate, creme (ottime da mescolare con formaggi) o condimenti ad hoc. Inoltre, gli scarti delle verdure centrifugate possono essere impiegati per arricchire polpette, lasagne o per preparare frittati e sformati. Chi ama il brodo, può usare gli scarti delle verdure centrifugate per fare un dado.

Chi possiede un essiccatore elettrico può anche preparare dei croccanti snack tipo cracker; la stessa procedura può essere eseguita con il forno anche se il risultato è meno croccante.

L’ultima spiaggia che vi aiuta a utilizzare gli scarti della centrifuga è il compostaggio. Gli scarti delle centrifuga, sia da frutta che da verdura, possono essere trasformati in ottimo fertilizzate per le piante dell’orto e del balcone.

Ricetta per scarti della centrifuga a base di frutta

Questo dolcino può prendere le sembianze di biscotti o di una ciambella. La preparazione è estremamente semplice. Ecco gli ingredienti:

  • 300 g. di Farina
  • 150 g. di Zucchero
  • 130 g. di Olio di colza (o olio di girasole)
  • 150 g. di scarti di centrifuga
  • 100 ml di Acqua
  • 3 Uova
  • 1 bustina di lievito vanigliato

La preparazione:

  1. In una terrina abbastanza capiente, montate le uova con lo zucchero.
  2. Aggiungete, gradualmente e mescolando, prima tutti gli ingredienti liquidi (olio e acqua) e poi tutti gli ingredienti solidi (farina setacciata e lievito).
  3. Mescolate fino a ottenere un composto omogeneo da infornare a 180 °C per 20 – 25 minuti.

Altre idee e ricette per riutilizzare gli scarti della centrifuga

Con gli scarti di carota potete dare vita a deliziose Camille seguendo la ricetta originale. Con gli scarti di mirtilli, fragole o frutti rossi, potete preparare gustosi muffin (o cruffin!) ripieni. E’ inoltre possibile preparare ghiaccioli e gelati fatti in casa. Per approfondire vi rimando all’articolo Come riutilizzare gli scarti della centrifuga.

Tutte le informazioni su centrifugati, frullati e estratti di succo:

Pubblicato da Anna De Simone