Scarpe per cani: consigli

Scarpe per cani

Scarpe per cani, non per forza un vezzo dei loro padroni che vogliono a tutti i costi sfilare per vie eleganti con un cane altrettanto eleganti. A volte sono proprio necessarie per proteggere il piede dal freddo, dalla neve, dalla pioggia, oppure da un terreno impervio. E’ bene distinguere quindi di volta in volta quando le scarpe per cani sono una necessità nostra o loro.



Scarpe per cani da neve

In caso di neve non tutti i cani riescono a passeggiare con disinvoltura senza avvertire dolore. Anche se a volte neri e gommosi, i polpastrelli dei nostri amici a quattro zampe sono estremamente delicati e sensibili al freddo.  Figuriamoci se vengono a contatto con la neve e il ghiaccio.

Un paio di scarpe per cani quindi, in queste circostanze serve eccome, per non correre il rischio che le sue zampe, piccole o grandi che siano, si feriscano fin anche a sanguinare. Isolando il suo corpo dal suolo gelato, lo aiutano anche a non raffreddarsi troppo, evitando raffreddori e malattie invernali.

Tra le scarpe per cani da neve ce ne sono anche di realizzate in neoprene, ottime perché resistenti e comode, antiscivolo quindi che assicurano massima aderenza. Va controllato che la chiusura sia agevole e che assicuri una perfetta aderenza alla zampina.

Scarpe per cani

Scarpe per cani protettive

Ci sono scarpe da utilizzare in varie occasioni e non nello specifico in caso di neve. Proteggono meno dal freddo ma sono più pratiche ed aderenti, non ostacolano per nulla i movimenti dell’animale e allo stesso tempo garantiscono la protezione dal rischio di ferite.

Questa tipologia di scarpe per cani è adatta quando passeggiamo soprattutto sul marciapiede o sulla strada, dove possiamo purtroppo imbatterci in vetri e pezzi metallici in schegge o in oggetti che possono conficcarsi nei polpastrelli del nostro compagno di passeggio. Per proteggere invece le zampe dalla pioggia, meglio puntare su un modello “waterproof” acquistabile anche su Amazon.

Scarpe per cani

Scarpe per cani da caccia

Un cane da caccia deve poter correre e rincorrere la preda ovunque. Gli servono quindi delle scarpe per cani in materiale traspirante, in modo che assorbano l’umidità ma siano allo stesso tempo ergonomiche e pratiche. Guai se lo rendono goffo o lento. E’ necessario più che mai che il design delle scarpe per cani da caccia assicuri una perfetta aderenza alla zampa, meglio inoltre se le cuciture sono esterne per evitare danni alle zampette più delicate.

Scarpe per cani fai da te

Quando le scarpe per cani devono solo essere antiscivolo o antifreddo, possono essere confezionate a uncinetto o a maglia, o con ago e filo. Dedichiamoci allora al fai da te creandone un bel paio con i colori che ben si intonano con il pelo.

Ci vuole pazienza ma neanche troppa, è come confezionare un paio di babbucce per neonato, anche il “design” è simile ma attenzione: è necessario prendere l’impronta del nostro amico a quattro zampe. Prendiamo delle solette morbide o delle suole di vecchie ciabatte e ritagliamo su di esse la forma della zampa che abbiamo prima ricalcato e tagliato su un foglio di carta. Otterremo un ovale che diventerà la suola delle nostre 4 scarpe per cani fai da te da confezionare con i ferri, dopo aver scelto fili ed eventuali ricami.

Scarpe per cani

Scarpe per cani: consigli

Che siano per pioggia, per neve, per vezzo, ci sono delle caratteristiche che è importante valutare quando acquistiamo delle scarpe per cani. Innanzitutto appuriamo che il nostro non sia di quelli intolleranti a qualsiasi accessorio che non sia il collare per passeggiate, per evitare che le scarpe per cani restino nell’armadio.

E’ essenziale inoltre scegliere quelle della taglia giusta, proprio come con le persone, senza pensare che “più o meno andranno bene”. Per la casa, antiscivolo, se il nostro cane non tiene le curve, ci sono delle scarpe per cani antiscivolo a 6 euro irresistibili, utilizzabili anche per proteggere da freddo, neve, ghiaccio, sale.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+, Instagram

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 1 aprile 2017