Pulci dei cani: rimedi naturali

pulci cane5

Pulci dei cani, bella stagione o no, loro sono in agguato e ogni volta che portiamo i nostri amici a quattro zampe a fare un giretto possono diventare una minaccia. Inutile però crearsi l’incubo, meglio stare attenti e soprattutto imparare come difendersi con rimedi naturali. Esatto: non ci sono solo farmaci o rimedi chimici, ci sono anche mosse fai da te per scacciare o prevenire le pulci dei cani.



Le pulci dei cani non sono nulla di drammatico, ma vanno eliminate appena riconosciute perché possono diventarlo se le si lascia spadroneggiare. Importante, oltre a imparare i rimedi naturali per cacciare le pulci dei cani, anche apprendere come pulire la cuccia del cane.

Oltre alla cuccia, consiglio di dare una occhiata, e una pulita, anche ai suoi oggetti e ai suoi ambienti: la coperta dove dorme, l’auto, il garage, il cortile, i giocattoli. Aspirapolvere e poi lavaggio con acqua e aceto: una volta ogni tanto, è importante.

Le pulci dei cani: come agiscono

Le pulci dei cani appena diventano adulte depongono le uova che, quando si schiudono, danno vita alle larve. A loro volta le larve delle pulci dei cani crescono, diventano adulte e così via, a ciclo. Un ciclo molto dannoso per il nostro animale se si attaccano a lui perché si nutrono del suo sangue – è il caso di dirlo- senza pietà. Così nasce il pericolo di trasmissione di malattie, malattie di vario tipo, tra cui anche quelle letali. Per l’uomo non ci dovrebbero essere rischi di contagio, ma meglio tenerle lontane da noi e dai nostri cani.

pulci cane1

Le pulci dei cani: e guerra sia

Ogni esemplare di pulci dei cani depone circa 20 uova per volta, la cosa a cui si mira è l’eliminazione degli adulti in modo da bloccare il ciclo di vita che abbiamo descritto. Prima di acquistare e proporre al nostro animale i classici farmaci antipulci chimici, possiamo sperimentare alcuni rimedi naturali.

Sono molto efficaci, è sempre meglio consultare un veterinario per capire le condizioni del nostro amico peloso prima di procedere, per eventuali controindicazioni, intolleranze o urgenze. Anche se poi, di effetti collaterali, ne potrebbero avere molti di più i farmaci con alla base sostanze chimiche che ciò che deriva da mescolanze naturali, come vedremo.

Si tratta soprattutto di composti ottenuti con oli essenziali, ad esempio, o liquidi usati anche in cucina, che sanno diventare, spesso per il cattivo odore, insetticidi/pesticidi naturali in grado di uccidere o allontanare le pulci dei cani.

pulci cane2

Le pulci dei cani: rimedi naturali liquidi

Nei vari rimedi naturali per le pulci dei cani l’idea alla base è quella di utilizzare sostanze irritanti ed acide che allontanino le pulci.
Un classico esempio è l’aceto bianco, diluito con poca acqua, da spruzzare direttamente sul pelo o da “spalmare” con un panno.

Sempre da applicare con un panno per una carezza anti pulci dei cani c’è il rimedio naturale fai da te con limone e bicarbonato. Si prende il succo di 4 limoni e lo si diluisce con mezzo litro d’acqua unendoci poi due cucchiai di bicarbonato di sodio. Con un panno imbevuto di questo liquido il manto va passato ogni due giorni circa, per tenere lontane le pulci dei cani.

E’ sempre un rimedio naturale liquido contro le pulci dei cani la bevanda fatta con 1 cucchiaino di aceto bianco distillato, o aceto di sidro di mele se preferite, da diluire con 1 litro di acqua. Per un cane di 18 kg le dosi sono queste e, magari non avrà un ottimo sapore, ma questa miscela rende il pelo veramente stupendo.

pulci cane4

Un’alternativa, se si fa fatica a far ingurgitare l’intruglio al nostro amico, è lo spray, sempre a base di aceto, che non piace a quanto pare alle pulci dei cani. Se ne prende una tazza, con un litro di acqua fredda. Si può aggiungere, e io lo consiglio, qualche goccia di olio di lavanda o di cedro. Io preferisco il cedro, ma non sono una di quelle pulci dei cani, bisogna capire quale fa più schifo a loro.  Lo spray va applicato sul pelo stando attenti ad evitare occhi, naso e orecchie e concentrandosi sul collo, dietro le orecchie e sulla zona del mento.

Pulci dei cani: rimedi naturali tra gli accessori

Si può preparare, contro le pulci dei cani, anche un vero e proprio gadget che le scaccia. Si tratta di un accessorio da immergere in un liquido antipulci fatto con una pentola di acqua bollente dove sono a mollo fette di limone. Prima vanno fatta macerare tutta la notte, poi si prende l’oggetto che deve diventare antipulci e lo si mette in pentola per poi consegnarlo al cane perché ne cacci i parassiti e lo protegga dai futuri.

pulci cane3

Simile al gadget antipulci c’è il sacchetto, fatto con stoffa molto traspirante, da imbottire a piacimento. a piacimento nostro, per disgustare loro, le pulci dei cani.  Si suggeriscono sostanze che hanno un odore gradevole, ad esempio un mix di trucioli di cedro, 2 cucchiaini di germogli di lavanda essiccati e buccia di limone. Cucito il tutto, si ottiene un sacchettino come quello da biancheria con la lavanda ma molto più puzzolente, da mettere nel letto del cane o vicino.

Anche i collari come rimedi naturali contro le pulci dei cani funzionano: basta prendere un foulard in cotone e “benedirlo” con 10 gocce di eucalipto e 10 gocce di lavanda. Anche in questo caso, contro le pulci dei cani, abbiamo una ampia scelta di odori, con oli essenziali di menta, citronella e cedro, tutte valide alternative. Basta che poi abbiamo quell’odore finale molto intenso, così intenso da stordire le pulci. Che se ne vadano per sempre.

Con gli stessi oli se vedete che funzionano, si può anche passare il pelo con un panno, stando attenti al volto, oppure aggiungerli al suo solito shampoo. Un altro olio utile contro le pulci dei cani, ma che è maggiormente venduto come antirughe – possiamo prenderlo e farne doppio uso – l’olio di Neem. Questo sì che ha un odore forte e persistente, infatti funziona: caccia le pulci dei cani, le rughe ancora non so.

Se vi è piaciuto questo articolo animalesco continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi! 

Articoli correlati che potrebbero interessarti:

Pubblicato da Marta Abbà il 9 settembre 2015