Premietti per cani fatti in casa

Premietti per cani

Premietti per cani, utili per educarli e addestrarli e anche per mantenere “buoni rapporti” perché questi animali non vanno solo sgridati e puniti ma anche premiati. E’ importante quindi dare una conferma quando ubbidiscono, quando non combinano guai. Funziona molto di più dello sbraitare contro, anche perché i premietti per cani sono per loro un linguaggio chiaro, le nostre urla umane molto meno.  Ci sono dei premietti per cani che sono più utili di altri perché, oltre ad essere una ricompensa per i nostri amici a 4 zampe, sono anche un aiuto per la loro salute.



Premietti per cani fatti in casa

In commercio ci sono molte varietà di premi per cani, snack e bocconcini ma possiamo anche realizzarne a casa. Spesso lo si fa per essere sicuri che gli ingredienti siano di qualità, ma anche per risparmiare e per decidere di volta in volta con cosa premiarli senza che si annoino con lo stesso gusto tutti i giorni.

Se i premietti per cani sono fatti in casa, ricordiamoci che non tutto il cibo per noi commestibile va bene anche per loro. Possiamo utilizzare però tranquillamente pezzetti di wurstel, di mela o di formaggio stagionato facendo attenzione che la crosta non sia trattata per non”avvelenare” il nostro amico con conservanti e coloranti.  Di solito si alternano premietti per cani fai da te e acquistati, i primi sono più comodi e sani, in casa, gli altri sono più utilizzabili quando si è a passeggio.

Da evitare quando prepariamo i bocconcini per i cani in casa, sostanze come cioccolato e caffeina, e tutte quelle troppo secche.

Premietti per cani

Premietti per cani cuccioli

Sono un perfetto rinforzo positivo a cui alternare coccole e carezze, senza esagerare per non restare obbligati a dover dare sempre dei premietti per cani per ottenere che ubbidiscano. Da cuccioli i cani sono ricettivi e fanno delle loro associazioni logiche che non è sempre semplice rimuovere dalla loro testa. Meglio affidarsi anche ai consigli di un addestratore esperto che ci indica quando dare premietti e in corrispondenza di quali azioni da parte dell’animale.

E’ infatti importante non impostare l’addestramento solo sui bocconcini ma su un più articolato rapporto di fiducia e di affiatamento basato sul rinforzo positivo anche sotto altre formule, non sono “gastronomico”. Oltretutto, esagerando con i premi per cani si rischia, soprattutto nei cuccioli, di compromettere la loro salute causando loro problemi di obesità già in giovane età.

Premietti per cani naturali

Per scegliere dei premi che siano salutare oltre che gustosi, vi invitiamo a consultare l’articolo snack per cani dove scoprire anche le speciali varianti per cani allergici o intolleranti, oppure diabetici.

Premietti per cani

Premietti per cani: addestramento

Ci sono esperti che preferiscono usare bocconcini come rinforzo positivo per l’addestramento, altri per l’educazione che sono due fasi differenti anche se altrettanto delicate. Il rischio nell’utilizzarli durante l’educazione è quello di trovarsi un rapporto uomo – cane troppo basato sul premio in snack che su quello affettivo, ma dipende molto anche dal carattere del cane e dal nostro.

E’ però importante, al di là della fase in cui ci troviamo, non usare mai il bocconcino come “esca” per far comportare bene il cane, ma sempre come premio dopo che ha fatto quello che gli era richiesto fare. E’ una ricompensa e così deve essere intesa.

Per l’addestramento del nostro cagnolino, possiamo procurarci anche su Amazon una confezione big di snack per cani 100% naturali contenenti salmone(80%), merluzzo(10%), minerali, amido, glicerina con una umidità del 18%.

Premietti per cani

Premietti per cani allergici

Per i cani con intolleranze e allergie alimentari facciamo attenzione scegliere dei premi che non li penalizzino a livello di salute e che siano magari adatti per curare l’igiene orale del cane. In commercio possiamo trovare ad esempio dei biscotti ricchi di vitamine e sali minerali e senza ingredienti che possano dare problemi anche ai cani allergici.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 29 novembre 2017