Perro de Agua Espanol: allevamento e prezzi

perro de agua espanol

Perro de Agua Espanol, dalla Spagna, ovviamente, un compagno a quattro zampe di origini molto antiche e da sempre appartenente al gruppo dei cani da riporto, cani da cerca, cani da acqua. E’ senza ombra di dubbio un animale rustico dal fisico proporzionato e longilineo, non pesa molto rispetto ad altri suoi simili e ha delle forme armoniose. Atletico e muscoloso, piace molto ma non è solo bello da guardare, ha anche vista, udito e fiuto molto sviluppati.



Cane de Agua Spagnolo

Da secoli questa razza ha vissuto e tuttora vive soprattutto in Andalusia, solitamente usato come cane da pastore e spesso apostrofato con il nome di “cane turco“. Un altro ruolo “storico” di questo cane è quello di ricercatore di selvaggina, in acqua, ovviamente, e questo anche grazie al suo pelo, molto particolare. Sì, il mantello del Perro de Agua Espanol è adatto e resistente – poi vedremo perché – alle variazioni di umidità e di secchezza.

perro de agua espanol

Perro de Agua Espanol: carattere

Il dire che il Perro de Agua Espanol è rustico corrisponde a verità letterale, non si tratta di un appellativo pro form: questo cane si adatta a tutte le situazioni e tutte le condizioni. Non può quindi che avere un carattere obbediente e fedele. Ma vi dirò di più, è anche allegro ed equilibrato, dedito al lavoro e coraggioso, volenteroso. Instaura un buon rapporto con le persone e arriva a farsi capire bene e a comprendere ciò che stiamo pensando.

perro de agua espanol

Perro de Agua Espanol: caratteristiche

Un Perro de Agua Espanol può pesare circa 20 Kg, non molto considerando che l’altezza al garrese per un esemplare maschio va dai 44 ai 50 cm. Molta scena la fa il pelo ma in verità è un cane più snello di quanto non sembri, il tronco è robusto e slanciato, la groppa leggermente inclinata e il petto largo. Gli arti sono molto muscolosi, solidi e ben in appiombo assicurando a questo Perro una andatura sempre spedita e sicura, soprattutto se si tratta di trotto.

Il profilo è rettilineo e lo stop molto marcato, entrambi spiccano sul muso elegante e robusto con un tartufo con narici ben aperte. Quest’ultimo non è sempre nero, può essere anche di altri colori ma sempre più scuro del mantello. Anche la tinta degli occhi deve accordarsi con quella del pelo, spesso sono color nocciola, sempre sono in posizione leggermente obliqua e molto espressivi. Per finire, le orecchie: triangolari e cadenti, seppur attaccate ad altezza media.

perro de agua espanol

Perro de agua espanol: allevamento

Secondo ENCI in Italia non ci sono allevamenti dedicati a questa razza, così viene riportato sul sito ufficiale dell’Ente a cui faccio riferimento, ma cercando on line o chiedendo al veterinario di fiducia, può essere che si trovino strutture che solitamente trattano cani simili e che in qualche occasione ospitano anche questo magnifico Perro de Agua Espanol.

Un esemplare di questa razza ha sempre un pelo arricciato e di tessitura lanosa, va quindi ben curato per evitare che risulti in totale disordine e sporcizia. Possiamo tosarlo ma in modo omogeneo e non per questioni estetiche, solo perché in media il pelo è lungo 12 – 15 cm e anche i cuccioli lo sfoggiano ricciuta quasi dalla nascita.

Il colore non influisce sulla toelettatura, fortunatamente, ma possiamo trovare esemplari di Perro de Agua Espanol monocolori in bianco, nero e marrone nelle varie sfumature. Oppure anche di due colori, così accoppiati: bianco e nero, bianco e marrone. I tricolori non sono ammessi e neanche bicoli neri e focati o nocciola e focati, difficile capirne il criterio, per i non esperti, ma così lo standard ha decretato.

perro de agua espanol

Perro de agua espanol: prezzo

Per conoscere il prezzo di un cane di questa razza è necessario trovare un allevamento che lo ospiti, conviene forse andare in vacanza di Andalusia, dove è tanto popolare e amato, per indagare sulle quotazioni. I suoi difetti più ricorrenti sono il pelo liscio o ondulato, l’albinismo, un carattere non equilibrato, timido o aggressivo.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest 

Articoli correlati che possono interessarvi:

 

Pubblicato da Marta Abbà il 12 settembre 2016