Irish Water Spaniel: carattere e allevamenti

irish water spaniel

Irish Water Spaniel, un cane da “prendere” per la coda se lo si vuole riconoscere senza timore di sbagliare. Sì, perché questa razza ovviamente proveniente dalla verde Irlanda, appartiene al gruppo dei cani da acqua ma tra essi, come anche tra tutti gli appartenenti agli altri gruppi, è l’unica ad avere una coda a “uncino” che è difficile descrivere. Meglio guardarla nelle foto e ascoltare la storia di questo Irish Water Spaniel.



Irish Water Spaniel: origini

Non è chiaro da dove arrivi, geneticamente parlando, questa razza. Nasce in Irlanda, è chiamata anche Irischer Wasserspaniel, ma ci sono solo ipotesi vaghe sulle sue origini. Quella meno vaga tra le vaghe racconta che l’Irish Water Spaniel deriva dai cani Persiani arrivati nell’isola verde del nord Europa passando per la Spagna. Una cosa è certa, da sempre, dal 1600 almeno, questi cani erano utilizzati primariamente per cacciare la selvaggina.

A dare qualche indizio ragionevole sui “precedenti” del Irish Water Spaniel è sempre la coda di topo che si è ritrovato quando è stato man mano selezionato negli anni. Il fatto che sia una caratteristica unica, fa pensare che la moderna razza abbia un antenato indigeno irlandese. Altre tracce nella storia di questo cane sono i grandissimi successi collezionati in numerose esposizioni che si tenevano nella seconda metà del 19° secolo. Poi, finalmente una data certa: nel 1890 è stato fondato

l’Irish Water Spaniel Club da un gruppo di appassionati. Si tratta di una associazione ufficiale, però, non di fan amatoriali, e da oltre un secolo si impegna per promuovere gli interessi della razza.

irish water spaniel

Irish Water Spaniel: cuccioli

I cuccioli sono anch’essi caratterizzati da questa coda che da subito e per tutta la loro vita li etichetterà  come appartenenti alla razza degli Irish Water Spaniel. La si definisce sia “whip tail” (coda a frusta) sia “rat tail” (coda di ratto), non c’è una definizione ufficiale anche perché non c’è al mondo altra razza canina che anche solo si avvicini ad avere questa forma “attaccata” al posteriore. E’ corta e liscia, forte alla radice, dove è coperta da peli riccioluti, poi man mano si assottiglia progressivamente fino a ridursi a una punta finale.

Abbiamo accennato al pelo, colgo l’occasione per descrivere come poi continua il mantello sul resto del corpo dell’Irish Water Spaniel. Sono tutti riccioli fitti e spessi tranne che sulla gola dove si trova una zona con pelo liscio, a forma di “V”che va immaginata partire dalla parte posteriore della mandibola fino allo sterno.

Al contrario, attorno agli arti anteriori questa razza mostra frange abbondanti, i posteriori devono avere invece un pelo raso sulla faccia anteriore, nell’altra sono frangiati fino ai piedi. Per quanto riguarda i colori ammessi dallo standard dell’Irish Water Spaniel, uno solo ne compare: il bruno scuro, detto “di pulce”.

irish water spaniel

Irish Water Spaniel: aspetto

Per il resto, del corpo, coda a parte, con l’Irish Water Spaniel siamo alla presenza di un cane elegante con un fisico sempre ben in appiombo e che può vantare una costituzione forte. Non è molto slanciato, anzi, non si può affermare che si eleva con le zampe, è compatto e tozzo. A partire dal tronco tutto d’un pezzo e non filiforme.

Per quanto riguarda le dimensioni, il Irish Water Spaniel è un cane che può essere definito di taglia media. E’ nella media della taglia media con una altezza al garrese che per i maschi va dai 53 ai 59 cm, per le femmine poco meno: dai 51 ai 56 cm.

Abbiamo tanto parlato della coda, ma la testa? Meno caratteristica ma è ricoperta di pelo più lungo sul cranio e più corto sul muso quindi resta comunque una peculiarità. Oltretutto il tartufo non è classicamente nero come spesso accade, è sì scuro ma varia la propria colorazione in rapporto con quella del mantello. Il collo è robusto e ben coerente con la struttura tozza del tronco, gli occhi sono abbastanza piccoli ma spiccano perché dall’espressione vivace e intelligente. Il loro colore va dall’ambra scuro al nocciola scuro.

Dalla testa, con una attaccatura bassa, spuntano le orecchie e sono molto lunghe, pendenti e a contatto con le guance. Come forma possono essere definite arrotondate, ma non si può dire di preciso perché sono coperte di lunghi peli ricciuti.

irish water spaniel

Irish Water Spaniel: carattere

Come abbiamo saputo indagando sulle origini di questo cane, si sta parlando di animali dediti alla caccia da secoli e secoli, per cui il carattere è insindacabilmente segnato da questa esperienza storica e di tradizione. Ciò non toglie che l‘Irish Water Spaniel sia ad oggi considerato anche un buon cane di famiglia che si sa comportare. Non solo, con i bambini ha la fama di bravo intrattenitore: ci gioca con piacere e con allegria, senza farci preoccupare perché non da segni di aggressività o nervosismo.

Se in famiglia è un cane molto gradevole e socievole, non possiamo dire la stessa cosa se lo vediamo alle prese con qualcuno che non conosce. In quelle occasioni fa il riservato, ma non aggressivo. Sta sulle sue aspettando di valutare se è il caso di fare amicizia. E di scodinzolare.

irish water spaniel

Irish Water Spaniel: allevamenti

In Italia non ci sono molti allevamenti che si occupano dell’Irish Water Spaniel, ma qualcuno c’è.  Tra questi ho notato L’isola che non c’è a Campiglione (MS). Per vedere la sua attività e la sua storia si può consultare il sito ufficiale (www.lisolachenoncekennel.com) anche per programmare una eventuale visita o solo per avere maggiori informazioni.

Irish Water Spaniel: prezzo

Per quanto riguarda il prezzo dei cuccioli di Irish Water Spaniel, si può solo dare una cifra indicativa ma non significativa, dato che gli esemplari che girano in Italia sono molto pochi. Sul sito di Enci ne compaiono pochi unità  a censimento. Un cucciolo può costare circa 800 euro, ma per avere certezze e spiegazioni, meglio contattare l’allevamento. Oppure approfittarne per una gita nella bella e verde Irlanda dove certamente la razza è più diffusa.

Se vi è piaciuto questo articolo animalesco continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi!

Articoli correlati che possono interessarti:

Pubblicato da Marta Abbà il 24 maggio 2016