Olio di iperico, a cosa serve

olio di iperico usi

Olio di iperico, a cosa serve: proprietà, benefici e usi su pelle, capelli e come antirughe. Controindicazioni e ricetta per farlo in casa.

Secondo gli esperti, questo olio svolgerebbe un’azione cicatrizzante, antisettica, emolliente, lenitiva, disinfiammante e… antirughe! Vediamo in dettaglio le opinioni degli esperti e cosa suggeriscono le ricerche.

Olio di iperico o olio di San Giovanni

L’olio di iperico, meglio noto come olio di San Giovanni, è un olio naturale molto usato nella cosmesi naturale per la cura della pelle e dei capelli. Stando gli esperti, questo olio annovera proprietà cicatrizzanti, antisettiche, emollienti e antinfiammatorie.

L’olio di iperico si ottiene dalla macerazione dei fiori di Hypericum perforatum; la loro raccolta inizia dal 24 giugno, così come vuole la tradizione (festività San Giovanni, da qui la dicitura olio di San Giovanni). La sua preparazione non richiede pratiche particolari, infatti di seguito vi illustreremo la ricetta per ottenere dell’olio di iperico fatto in casa. In sintesi, vi basta mettere i fiori a macerare nell’olio per un intero ciclo lunare.

Iperico, controindicazioni

L’iperico o pianta di San Giovanni, non è popolare solo in ambito della cosmesi naturale. Gli infusi di questa pianta sono raccomandati in caso di ansia mattutina ma non sono privi di controindicazioni. Per esempio, la sua assunzione è sconsigliata alle donne che assumono contraccettivi in quando potrebbe ridurre i livelli di estrogeni e accelerare il metabolismo dell’estradiolo (un estrogeno prodotto dalle ovaie).  Una assunzione eccessiva di preparati a base di iperico potrebbero causare bocca secca, mal di testa, confusione, vertigini, dolori addominali e nausea.

Tra le altre controindicazioni dell’iperico per uso interno (quindi NON associata all’olio di iperico per uso cosmetico) vi sono particolari condizioni fisiopatologiche. Per esempio, sembrerebbe che alcuni preparati a base di iperico renderebbero meno efficaci i farmaci per l’HIV, farmaci usati per il controllo del colesterolo, farmaci anticoagulanti e sedativi (compresi ansiolitici).

Per quanto riguarda l’olio di iperico, l’unica controindicazione sembrerebbe essere un aumento della fotosensibilità, quindi meglio non usarlo in prossimità dell’abbronzatura in quanto potrebbe aumentare il rischio di scottature solari.

Per tutte le proprietà dell’iperico per uso interno, vi rimando alla pagina “iperico, coltivazione e proprietà“. In questa pagina ci soffermeremo su quelli che sono gli usi dell’olio di iperico su pelle capelli.

Olio di iperico, proprietà 

Se l’olio potrebbe essere fotosensibilizzante prima dell’esposizione solare, potrebbe tornare utile come dopo-doccia, in caso di un eccessiva esposizione solare.

Cicatrizzante naturale

Per le sue proprietà terapeutiche, l’olio di iperico viene molto apprezzato nella cosmesi naturale; trova largo impiego anche nella cura di scottature e ustioni grazie alla sua azione cicatrizzante, disinfettante e lenolio di ipericoitiva. In questi casi sarà sufficiente applicare l’olio direttamente sulla pelle.

 

Se la pelle dovesse presentare delle bolle d’acqua, l’olio sarebbe in grado di impedire la necrosi della pelle sollevata, e di arrestare il processo di essudazione evitando così che le bolle diventino sempre più grandi.

Svolge un’azione efficace non solo nei casi di ustioni o eritema solare, ma anche nei casi di piaghe da decubito, smagliature e cicatrici.

Olio di iperico come antirughe

L’olio di iperico è in grado di stimolare la riproduzione cellulare e la rigenerazione dei tessuti, questa azione è resa possibile grazie alla presenza dell’ipericina, un principio attivo di notevole interesse farmacologico.

Punture d’insetti

Grazie alla sua azione lenitiva, l’olio di iperico si rivela efficace in caso di punture di insetti e zanzare; dona rapido sollievo eliminando anche il più lieve prurito.

Cura della pelle

Grazie alla sua azione emolliente, l’olio si rivela un ottimo rimedio naturale per chi soffre di pelle secca e per chi ha problemi di psoriasi; tra i prodotti naturali anti-età, l’olio di iperico figura tra i più potenti del settore: è un antirughe straordinario!

NOTA BENE: al momento del trattamento evitare l’esposizione al sole essendo un prodotto fotosensibilizzante!

Olio di iperico fatto in casa, la ricetta

Ecco le istruzioni per produrre olio di iperico in casa, dal raccolto alla macerazione in olio extravergine di oliva. Dopo aver raccolto i fiori, la raccolta avviene dal 21 al 24 giugno, potete preparare l’olio di iperico con questa ricetta.

  1. Mettete a macerare 50 grammi di fiori in 180 ml di olio extravergine di oliva in un vasetto con chiusura ermetica, assicurandosi che i fiori siano completamente coperti dall’olio
  2. Posizionate il vasetto in un posto soleggiato e lasciate macerare al sole per 1 mese: dopo qualche giorno, l’olio assumerà il caratteristico colore rosso o arancio
  3. Durante i 30 giorni di macerazione, capovolgete il composto ogni tanto per ottimizzare l’estrazione dei principi attivi contenuti nel fiore.
  4. Trascorso il mese l’olio, filtrate l’olio aiutandovi con una garza o una stoffa sottile.
  5. Trasferite il prodotto in un altro contenitore scuro a chiusura ermetica e conservatelo a riparo dal sole

Il principio attivo responsabile delle sue proprietà, è l’ipericina, una sostanza in grado di accelerare il processo di rigenerazione dei tessuti. L’infuso di olio di iperico, anche noto come Olio di San Giovanni, è popolare per idratare, nutrire e tonificare la pelle.

Olio di iperico, dove trovarlo

Se vi state chiedendo dove comprarlo, sappiate che potete sfruttare la compravendita online, affidarvi all’autoproduzione o rivolgervi presso un’erboristeria ben fornita.

Su Amazon, un flacone da 100 ml di olio infuso di iperico, da usare puro o con l’aggiunta di oli essenziali, si compra al prezzo di 8,99 euro con spese di spedizione gratuite. Per tutte le informazioni vi rimando a  questa pagina Amazon.

Potrebbe interessarvi approfondire anche l’uso dell’olio di salmone, per cani ma non solo

Pubblicato da Anna De Simone il 15 novembre 2017