Ansia mattutina: rimedi naturali

Ansia mattutina

Ansia mattutina, quando il mattino non ha l’oro in bocca. Capita spesso a chi è già ansioso di carattere ma questa ansia mattutina è una sensazione particolare che può disturbare l’animo anche di chi durante il resto della giornata ha un atteggiamento sereno e quasi zen.



Questa ansia arriva appena aperti gli occhi, ci coglie alla sprovvista e non ci da nemmeno il tempo di capire che ore sono, che giorno è e se oggi pioverà. Si mostra come una sensazione di inquietudine, di insicurezza e a volte anche di stanchezza profonda.

Chi è sotto attacco di un’ansia mattutina può cadere in balia del pessimismo e alla lunga, giorno dopo giorno, soffrire di depressione, per questo l’ansia mattutina non è da sottovalutare.

Ansia mattutina

Ansia mattutina: cause

Spesso le cause vanno cercate guardandosi dentro. Inutile dare la colpa al capo antipatico o al compagno brontolone, al figlio capriccioso o al vicino di casa che fa rumore all’alba. L’ansia mattutina viene da dentro.

Può essere il risultato di un insieme di situazioni, a volte incomprensibili, che si incastrano nella nostra testa, magari senza che ce ne rendiamo conto, e che ci fanno salire l’ansia e venire il cuore in gola.

Ci sentiamo come intrappolati, già dalle prime ore della giornata, in un vortice di ansia che non sapremmo magari nemmeno descrivere a parole ma che non ci lascia ragionare.  L’ansia mattutina può anche essere provocata da disturbi del sonno, da una dieta scorretta e dall’elevato utilizzo di caffeina, durante la giornata può avere evidenti effetti negativi se trascurata.

Ansia mattutina: rimedi naturali 

Ci sono molti rimedi naturali per curare gli stati di ansia mattutina non patologici. Lo yoga, la respirazione yoga, la meditazione e le tisane rilassanti. E anche in farmacia troviamo prodotti omeopatici acquistabili anche on line come queste gocce di iperico a 12 euro.

Ansia mattutina

Ansia mattutina: come sconfiggerla

Ci sono strategie molto semplici che possiamo applicare per sconfiggere questa sgradevole sensazione che ci rovina il mattino e l’intera giornata. Una di queste è l’esercizio fisico. Semplice ma molto efficace. Molti consigliano di stiracchiarsi come gatti, allungandosi e dedicando qualche minuto al sentire il corpo come si riattiva. In questo modo ci si alza dal letto con un animo molto più sereno, ci si libera dall’ansia e si prosegue carichi e più sereni.

Anche una cattiva organizzazione, nella vita lavorativa e non, può alla lunga causare ansia mattutina ed è quindi bene cercare di fare liste e programmi chiari e precisi, in modo che ogni giornata non sembri una avventura piena di incognite e di impegni non fissati che possono coglierci di sorpresa.

La terza strategia contro l’ansia del mattino è il pensiero positivo. Nulla di etereo e zen ma la consapevolezza che nel presente ci sono molte cose positive su cui poter contare. Il fatto è che spesso ce ne dimentichiamo concentrandoci sui problemi. Ci può essere di aiuto stendere una lista delle cose belle della giornata. In un diario, su un Social, su un Bullet Journal.

Ansia mattutina: sintomi

Chi soffre di ansia al mattino sa bene cosa significa: svegliarsi con il cuore in gola, a volte sudato e ansimante. Avvertire emozioni negative come timore eccessivo, apprensione e preoccupazione, anche dolori al petto e respiro corto.

Tra i sintomi classici dell’ansia mattutina ci sono colite, cefalea, crampi allo stomaco, dolore cervicale, senso di sbandamento. Il sintomo prevalente è però la stanchezza profonda di metà mattina, causata dall’elevato consumo energetico prodotto dalla stessa ansia.

Ansia mattutina e nausea

Un altro sintomo dell’ansia può essere la nausea. Capita di soffrirne soprattutto a chi già soffre di nausea quando è particolarmente nervoso e a chi sfoga sullo stomaco emozioni e tensioni.

Ansia mattutina

Ansia mattutina e diarrea

La diarrea non è un sintomo frequente dell’ansia mattutina e di solito si manifesta in casi davvero estremi e in persone già portate ad avere dei problemi di intestino. Sintomi più classici sono la stanchezza, il nervosismo, l’irritabilità e la fretta costante.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Instagram

Ti potrebbe interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 25 ottobre 2017