Nova Scotia Duck Tolling Retriever

nova scotia duck tolling retriever

Nova Scotia Duck Tolling Retriever, dal Canada, una razza di retriever tra le meno note ma non per questo non bella o poco simpatica. Anzi, è un vero peccato poterla trovare con difficoltà in Italia. Questo cane appartiene al gruppo di quelli da riporto, da cerca e da acqua e come il suo nome suggerisce, è originario della Nuova Scozia.



La selezione del Nova Scotia Duck Tolling Retriever è iniziata nei primi decenni del XIX secolo, con l’intento di avere un animale da riporto efficiente e agile. Obiettivo raggiunto: questa razza è veloce e molto sveglio, sul lavoro si mostra determinata, muovendosi rapida, con la testa alta e la coda in moto, che sventola le frange abbondanti.

Nova Scotia Duck Tolling Retriever: caratteristiche

Le immagini parlano meglio di descrizioni particolareggiate, possiamo iniziare a dare qualche numero sul Nova Scotia Duck Tolling Retriever: i maschi al garrese misurano 48-51cm e pesano 20-23 kg, le femmine poco meno ma non esiste una differenza accentuata. Il tronco è robusto ma non troppo, il dorso corto e dritto, molto muscoloso soprattutto nella zona lombare.

La testa del Nova Scotia Duck Tolling Retriever è decisamente in armonia con il corpo, il cranio sembra un po’ bombato ma non troppo e le guance sono piatte, la canna nasale marcata e il musello ha un profilo disegnato. Il colore del tartufo varia con quello del mantello, ma spesso è nero e comunque le narici sono bene aperte, gli occhi possono essere ambra o marrone, ben separati, a forma di mandorla e abbastanza grandi. Ciò che colpisce, però, è l‘espressione amichevole.

Il Nova Scotia Duck Tolling Retriever ci guarda con la sua aria viva e intelligente, impossibile non fidarsi e non affidarsi a questo cane. Proseguendo con la morfologia di questo retriever, ha le orecchie di forma triangolare, grandezza media e attaccate alte: buffe con il pelo frangiato, nella parte posteriore, corto invece sulle estremità che sono un po’ arrotondate. La coda ha frange abbondanti ed è larga alla base ma si restringe.

Nova Scotia Duck Tolling Retriever: caratteristiche

Come quasi tutti i cani da riporto, anche il Nova Scotia Duck Tolling Retriever ha anche il sottopelo denso e per giunta doppio e impermeabile ondulato sul dorso ma dritto nelle altre parti del corpo. Il pelo di copertura è lungo e soffice, a volte arricciato nella gola ma mai ruvido e sgradevole da accarezzare. Per quanto riguarda i colori, si passa dal rosso all’arancio passando per tutte le varie sfumature, può capitare che le frange e la parte inferiore della coda siano più chiare e ciò crea un effetto molto particolare, senza dubbio gradevole alla vista.

Sulla coda o sui piedi del Nova Scotia Duck Tolling Retriever compare di solito una macchia bianca, oppure anche sul petto ed è tollerata dallo standard, non è considerata un difetto.

Nova Scotia Duck Tolling Retriever: carattere

Il Nova Scotia Duck Tolling Retriever è un cane intelligente e molto attivo, recepisce tutto, è attento a ciò che accade intorno a lui e in famiglia si trova bene. Può apparire a volte un po’ mogio, ma in verità basta che entri in azione per riprendere la sua verve. Adora l’acqua ed è un buon nuotatore, resiste sia in acqua sia su terra, è ubbidiente.

Nova Scotia Duck Tolling Retriever: carattere

Nova Scotia Duck Tolling Retriever: allevamenti

Pur essendo una razza rara, in Italia ci sono ben tre allevamenti che se ne curano, tutti però nel Nord. Due sono in Emilia Romagna, nella provincia di Modena, l’altro è in provincia di Bergamo, in Lombardia. Non ci sono molti esemplari al momento ma nulla impedisce a questa razza di iniziare ad essere più nota. Ha un buon carattere ed esteticamente fa la sua bella figura.

Nova Scotia Duck Tolling Retriever: allevamenti

Nova Scotia Duck Tolling Retriever: prezzo

Interpellare i tre allevamenti che l’ENCI indica come certificati per questa razza è la via più facile per conoscere il prezzo del Nova Scotia Duck Tolling Retriever. Di solito i retriever non hanno prezzi molto elevati, ma essendo questa una razza rara, ci possono essere delle variazioni.

Se vi è piaciuto questo articolo animalesco continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi!

Articoli correlati che possono interessarti:

Pubblicato da Marta Abbà il 3 luglio 2018