Irish Soft Coated Wheaten Terrier: carattere e prezzo

irish soft coated wheaten terrier

Irish Soft Coated Wheaten Terrier, chiaramente dall’Irlanda questo terrier è tra i meno diffusi nella nostra penisola ma merita di essere raccontato e di essere conosciuto. In Italia una cinquantina di esemplari ad oggi ci sono, registrati all’ENCI, ma è negli Stati Uniti d’America che ha preso piede questo cane. Molti ritengono che sia il capostipite o quasi di molti altri terrier noti ad oggi più di lui, forse ingiustamente, e mi riferisco ad esempio al “Kerry Blu”.



Irish Soft Coated Wheaten Terrier: caratteristiche

Non è affatto piccolo come cane, al garrese misura dai 46 ai 50 cm se maschio, se femmina è leggermente più basso ma non di molto, in entrambi i casi risulta ben proporzionato e armonioso nell’insieme. Basta vederlo per capire che è un cane forte e potente ma allo stesso tempo agile, ha una muscolatura quasi perfetta e gode di buona salute.

Il tronco dell‘Irish Soft Coated Wheaten Terrier è piuttosto compatto, un collo possente regge la testa che è lunga e di dimensioni proporzionata al resto del corpo. Il muso mostra uno stop ben marcato, è lungo e termina con il tartufo nero, gli occhi sono color bruno nocciola, molto espressivi e intelligenti anche se non troppo grandi né sporgenti, le orecchie non sporgono dal cranio e hanno dimensioni moderate. Terminiamo con la coda: non spessa, non grossa, va affinandosi ed è portata gaiamente, completando la figura di un cane già dall’aspetto aitante.

irish soft coated wheaten terrier

Irish Soft Coated Wheaten Terrier: carattere

Nasce come cane da caccia, come terrier, ma oggi il Irish Soft Coated Wheaten Terrier è quasi sempre inteso come animale da compagnia e non gli dispiace affatto. Questo ci fa capire subito che abbiamo a che fare con un quadrupede dall’ottima indole, pacifica e tollerante. In famiglia si sa comportare sia con i parenti sia con gli ospiti, anche in presenza di bambini.

E’ un eccellente compagno di giochi e passeggiate, ma anche di film in poltrona: affettuoso, fedele, gentile e allegro, quasi impossibile irritarlo e renderlo dispettoso o triste. E’ molto sensibile, però, e se non gli diamo attenzione può risentirne, idem se non giochiamo con lui spesso.

irish soft coated wheaten terrier

Irish Soft Coated Wheaten Terrier: allevamenti

In Italia ci sono cinque allevamenti di Irish Soft Coated Wheaten Terrier riconosciuti dall’ENCI e indicati sul suo sito, di cui due in Piemonte, uno a Torino e uno vicino ad Asti. Gli altri sono sparsi nelle Marche, in provincia di Pesaro Urbino, in Emilia Romagna, nel piacentino, e a Gorizia, in Friuli Venezia Giulia.

Facendo un passo indietro, nel tempo, troviamo questa razza utilizzata per la caccia, per la pastorizia e anche per la guardia, ha origini molto antiche e su dice che le sue radici siano precisamente da cercare nella Contea di Munster. Il riconoscimento ufficiale dell’Irish Soft Coated Wheaten Terrier come razza è però cosa recente: nel 1937 è avvenuta in Irlanda e 6 anni dopo in Inghilterra.

Irish Soft Coated Wheaten Terrier: toelettatura

Finora non abbiamo ancora parlato del mantello di questo terrier, fine e setoso, mai duro o sgradevole da accarezzare. Può essere di qualsiasi colore compreso tra le tinte grano chiaro e quelle del rosso dorato e va curato bene. Ciò non significa che non si possa tenere in giardino, anzi, ma tenendo conto che è necessaria una buona, costante e amorevole toelettatura. Di fatto, però, è l’unico accorgimento che la razza richiede, per il resto non ci reca impegni o preoccupazioni essendo anche tendenzialmente di salute robusta.

irish soft coated wheaten terrier

Irish Soft Coated Wheaten Terrier: prezzo

Il prezzo di un cucciolo di Irish Soft Coated Wheaten Terrier è difficile da stimare e consiglio di rivolgersi a uno dei 5 allevamenti riconosciuti da ENCI per avere una corretta cifra. E’ importante anche conoscere, di questa razza, i difetti più ricorrenti, come ad esempio un pelo non curato, gli occhi chiari, orecchie mal portate, una andatura scorretta, oppure la timidezza.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 7 settembre 2016