Incentivi auto elettriche 2019

incentivi auto elettriche 2019

Incentivi auto elettriche 2019: in cosa consistono e quali sono le auto incentivabili. Iter burocratico e “punizioni” per le auto che inquinano di più.

Parliamo di ecobonus, in particolare, vi daremo tutte le informazioni per accedere agli incentivi auto elettriche 2019. L’emendamento in questione ha inserito un meccanismo di bonus-malus per favorire l’acquisto di auto rispettose dell’ambiente e scoraggiare il pubblico ad acquistare auto più inquinanti. Il principio degli incentivi auto 2019 non verte esclusivamente sull’alimentazione, coinvolge anche le emissioni di CO2. Vediamo tutti i dettagli.

Incentivi auto elettriche 2019

Gli incentivi auto elettriche arrivano fino a 6.000 euro. Non solo auto elettriche, gli incentivi possono sostenere l’acquisto anche di auto ibride e alimentate da gas naturale. L’incentivo di 6.000 euro arriva in caso di rottamazione di una vecchia auto, altrimenti l’ecobonus si “limita” a 4.000 euro.

Per poter accedere agli incentivi auto elettriche ci sono due requisiti da rispettare:

  • Emissioni di biossido di carbonio non superiori a 20 g/km
  • Prezzo dell’auto non superiore a 61.000 euro

In caso di rottamazione della vecchia auto, l’incentivo all’acquisto è compreso tra il 13% e 25%.

Quali sono le auto elettriche che rientrano negli incentivi?

Ecco l’elenco delle auto elettriche che si possono acquistare sfruttando gli incentivi dell’ecobonus 2019.

Nell’elenco delle auto elettriche incentivabili abbiamo segnalato anche il costo “a partire da”. Il costo indicato fa riferimento al costo di listino al quale è stato sottratto l’ammontare di 6.000 euro previste dall’incentivo con rottamazione. Se non si rottama la vecchia auto, al costo indicato, dovrete aggiungere 2.000 euro. Altra precisazione sul costo indicato: questo non prevede eventuali bonus e incentivi extra previsti dal concessionario. Sulla scia degli incentivi, molte case automobilistiche offrono sconti extra per gli acquirenti.

  1. Bmw i3
    Prezzo da 34.000 euro
  2. Citroen E-Mehari
    Prezzo da 21.300 euro
  3. Citroen C-Zero
    Prezzo da 24.800 euro
  4. Hyundai Kona EV
    Prezzo: da 31.500 euro
  5. Hyundai Ioniq EV
    Prezzo: 31.750 euro
  6. Kia Soul ECO Electric
    Prezzo da 31.000 euro
  7. Mitsubishi iMiev
    Prezzo da: 23.900
  8. Nissan Leaf
    Prezzo da 28.700 euro
  9. Nissan e-nv 200 Van
    Prezzo da 33.800 euro
  10. Nissan e-nv 200 Bus
    Prezzo da: 35.278 euro
  11. Nissan Evalia 7 posti
    Prezzo: 39.500 euro
  12. Peugeot iOn
    Prezzo da 22.300 euro
  13. Peugeot Partner Tepee
    Prezzo da: 27.000 euro
  14. Renault Zoe
    Prezzo da: 19.800
  15. Renault Kangoo elettrica
    Prezzo da 22.800 euro
  16. Smart for two elettrica
    Prezzo da 18.200 euro
  17. Smart forfour elettrica
    Prezzo da 18.800 euro
  18. Smart elettrica cabrio
    Prezzo da 21.500 euro
  19. Tesla Model 3 Long Range Dual Motor
    Prezzo da 56.600 euro
  20. Volkswagen Up elettrica (e-up)
    Prezzo da  21.000 euro
  21. Volkswagen Golf elettrica (e-golf)
    Prezzo da: 34.100 euro

Al fine di promuovere il rinnovo del parco auto attualmente in circolazione, la nuova manovra da un lato offre incentivi auto elettriche e dall’altro, lancia dei malus, cioè delle sovrattasse dall’importo che talvolta può raggiungere i 3.000 euro. Sì, avete capito bene, le auto che inquinano costano di più.

Gli incentivi auto sono entrati in vigore lo scorso 1° gennaio e saranno in vigore fino al 31 dicembre 2021. Grazie agli incentivi, se state pianificando di comprare un’auto elettrica, avrete a disposizione l’intero triennio per decidere quale modello scegliere!

L’ammontare complessivo dei fondi destinati a incentivare l’acquisto di auto elettriche è di 300 milioni di euro.

Sovrattassa per auto inquinanti

Per le auto inquinanti, la manovra prevede una sovrattassa. La penale parte da 150 euro per le auto diesel e benzina inquinanti fino a un massimo di 3.000 euro di sovrattassa per le auto che inquinano di più. Come si stima la sovrattassa? Anche in questo caso contano le emissioni nocive. L’imposta sarà progressiva all’aumentare delle emissioni sulla base del seguente schema:

  • 110-120 g/km: 150 €
  • 120-130 g/km: 300 €
  • 130-140 g/km: 400 €
  • 140-150 g/km: 500 €
  • 150-160 g/km: 1.000 €
  • 160-175 g/km: 1.500 €
  • 175-190 g/km: 2.000 €
  • 190-250 g/km: 2.500 €
  • >250 g/km: 3.000 €

Sì, chi vuole comprare una Fiat Panda o una Fiat 500 (le auto più vendute d’Italia) dovrà dare un’occhiata alla motorizzazione. Tra i modelli di fiat Panda, solo quello con motore 0.9 Twin Air riuscirebbe a “tirarsi fuori” dall’applicazione di una sovrattassa. E per quanto riguarda le auto ibride?

Incentivi auto ibride 2019

Le auto ibride tradizionali vedono emissioni nocive superiori ai 70 g/km quindi non rientrano negli incentivi per le auto ecologiche, tuttavia, le auto ibride di nuova generazione vedono emissioni nocive inferiori alla soglia di 70 g/km.

Gli incentivi per l’acquisto delle auto ibride ammontano a 2.500 euro. Le auto ibride che possono accedere agli incentivi sono:

  • Bmw 225 xe
  • Bmw 530e
  • Hyundai Ioniq Hybrid plug-in
  • Kia Niro plug-in hybrid
  • Kia Optima plug-in hybrid
  • Mini countryman Cooper ibrida
  • Mitsubishi Outlander PHEV
  • Toyota Prius

Nella foto in alto, la Toyota Prius.

Pubblicato da Anna De Simone il 3 Febbraio 2019