Guzmania: pianta e sua cura

guzmania

Guzmania, splendida pianta da appartamento che dalle zone tropicali arriva nelle nostre città per aggiungere un tocco di colore ed eleganza agli ambienti che ogni giorno frequentiamo. Esistono molte varietà di questa pianta tra cui è possibile scegliere colori e dimensioni che meglio si adattano alle stanze e ai gusti nostri e altrui. Non ha vita lunga, ma, per quel che dura, la Guzmania, fa la sua figura.



Guzmania: pianta

Appartenente alla famiglia delle Bromeliaceae, di Guzmania ne esistono almeno un centinaio di specie, tutte devono il nome ad un naturalista spagnolo vissuto nel XVIII secolo: Anastasio Guzman. Se il nome arriva dalla penisola iderica, il genere erbaceo e sempre verde ha invece origine nelle Antille e in generale in aree dell’America Centrale e Meridionale.

Abita quindi climi piuttosto umidi e con temperature di certo non fredde, ha foglie lineari, coriacee al tatto e lucide alla vista. In quasi tutte le specie di Guzmania le troviamo disposte in modo da formare una rosetta che al centro mostra una cavità centrale, detta “vaso”, perfetto per trattenere acqua.

guzmania

Guzmania: fiore

Quando parliamo di fiore, nel caso della Guzmania, dobbiamo distinguere il fiore “vero” dalla brattea che, seppur colorata, e bella, non è propriamente il fiore. Il primo, l’ufficiale, nel caso di questa pianta è bianco oppure giallo, e ha vita breve, al contrario le brattee floreali che lo proteggono, durano anche un paio di mesi restando sempre in forma e con colori accesi.

Per quanto riguarda le dimensioni, esse possono variare di molto da specie a specie, si va dai 20 cm ai 2 cm, quindi è necessario capire quale Guzmania è adatta all’uso che vogliamo farne. In generale, al di là dei gusti, sono tutte adatte sia alla vita in appartamento sia in serra, per stimolare la produzione di fiori nuovi il trucco è tagliare la rosetta dopo la fioritura, quando le foglie cominceranno a cambiare colore e ad appassire.

guzmania

Guzmania: proprietà

Anche se figurano come esemplari tropicali importati in appartamento, non richiedono troppe cure queste piante, il fatto che non abbiano una vita molto lunga non dipende da questo, è nel loro DNA. Infatti, alla fine della fioritura, la Guzmania si “affloscia” e dopo poco muore ma produce dei piccoli germogli molto spesso. Li possiamo notare alla sua base, che coraggiosamente si sviluppano e si trasformano fino a raggiungere le dimensioni della loro “madre”.

I tasti dolenti per la Guzmania, sono gli Afidi e il fenomeno dell’imbrunimento delle foglie. Il secondo è spesso una conseguenza di un errato innaffiamento con conseguente marciume radicale mentre gli afidi rappresentano un attacco esterno. Questi parassiti arrivano e attaccano sia le foglie, sia i fiori, succhiano la linfa rendendo la pianta appiccicosa ma si possono cacciare mettendo in atto un trattamento di lavaggio con insetticidi specifici.

guzmania

Guzmania: coltivazione

Per far sentire a proprio agio la Guzmania è necessario non costringerla mai a sopportare temperatura inferiori ai 15 o 16°C, quindi è chiaro che sul balcone in inverno non ci deve stare. Per quanto riguarda in generale la posizione in cui sistemarla, è importante che riceva molto luce, soprattutto perché in tal modo questa pianta mantiene vive le tinte che madre natura le ha regalato e mi riferisco soprattutto a quelle delle brattee.

Questa è una pianta che non va annaffiata troppo, anche se tropicale, ma quotidianamente o quasi dobbiamo ricordarci di spruzzarne il fogliame con acqua, perché non senta nostalgia del clima umido caratteristico delle sue parti.

Guzmania Lingulata

Una delle specie più richieste di Guzmania è la Lingulata che sfoggia fiori bianchi molto evidenti grazie anche al contrasto con le brattee da cui spuntano, color rosso vivo, oppure anche scarlatte o arancioni. A reggere i fiori ci sono steli anche di 30 cm mentre la pianta tutta può misurare fino a 45 cm. Le sue foglie sono sulla pagina superiore verdi, rossastre invece su quella inferiore.

guzmania lingulata

Guzmania Rosa

Oltre alla popolare e molto diffusa Lingulata, ci sono molte altre specie che meritano la nostra attenzione e che risultano facili da trovare in vivai e coltivazioni. E molti sono rosa, come fiori o come sfumature di fogliame. La Guzmania sanguinea d esempio ha un tocco di rosa sulle foglie con sfondo verde soffuso, produce poi fiori tubulosi, bianchi o gialli, lunghi fino a 7 cm.

La G. Conifera ha dimensioni considerevoli come rosetta, anche alta un metro, e fiorisce con calma a fine estate, con brattee rosso dalla punta arancione. Altre due specie di Guzmania che ci tengo a citare sono ma Musaica e la Zanhi. La prima ha foglie verde chiaro striate di rosso scuro, particolari perché formano delle composizioni artistiche che sembrano studiate a tavolino, completate poi in fase di fioritura da brattee rosa-rosso e fiori gialli oro.

La Guzmania Zanhii ha delle strane foglie strette e verde oliva che formano una rosetta alta anche 60 cm, l’infiorescenza che spunta al centro è composta da fiori bianchi o gialli e brattee rossastre. Rispunta il rosa, sulle foglie della varietà “Omer Morobe”.

guzmania

Guzmania: prezzo e dove comprarla

Promettendo di non intristirci per la breve vita a cui è destinata questa pianta, e di curarla spruzzandola ogni giorno in modo che se la goda anche dalle nostre parti, possiamo acquistarne un esemplare a solo 12 Euro on line. Ci arriva in un vaso di 12 cm di diametro che dovremo subito sistemare alla luce e in una stanza dove la temperatura si mantiene tra i 15° e i 30°.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest e…  altrove dovete scovarmi voi! 

Articoli correlati che possono interessarvi:

Pubblicato da Marta Abbà il 27 settembre 2016