Gengive che sanguinano, rimedi

gengive che sanguinano

Gengive che sanguinano: cause, rimedi e tutte le informazioni su come curare la gengivite. 

Contrariamente a quanto si pensa, quando si parla di igiene orale non si fa riferimento solo ai denti e all’uso dello spazzolino. L’igiene orale è qualcosa che riguarda l’intera cavità della bocca, compresa lingua, palati e gengive.

Con il termine gengivite, facciamo riferimento a una generica infiammazione dell’area che circoscrive i denti, la gengiva. La principale causa del sanguinamento gengivale è data da una scorretta igiene orale, in particolare dalla formazione della placca.

Gengive che sanguinano, cause

Prima di vedere quali sono i rimedi e i trattamenti efficaci per il sanguinamento gengivale, analizziamo rapidamente le cause di questo disagio.

Il motivo più comune è legato a una scarsa o inefficace igiene orale: anche se lavate i denti tutti i giorni e più volte al giorno, non è detto che lo fate nel modo corretto! Quando lavate i denti è necessario spazzolare ogni zona della bocca, anche la parte posteriore dei denti! E’ consigliato l’uso di uno spazzolino elettrico ma, ancora di più, è raccomandato l’uso del filo interdentale.

Il filo interdentale è efficace nella prevenzione e nel trattamento di placca e tartaro che sono la principale causa del sanguinamento gengivale. Il filo interdentale è una vera manna dal cielo per la salute dei denti: previene placca, tartaro, carie, alito cattivo e denti gialli.  Per tutte le istruzioni sul corretto utilizzo, leggete la nostra guida Come usare il filo interdentale, nella pagina è presente anche un video dimostrativo molto utile per tutti, anche per chi già fa uso del filo interdentale.

Altre cause che possono incidere sulla salute delle gengive sono legate a carenze alimentari, in particolare di calcio e vitamine. Anche disturbi alimentari come anoressia e bulimia sono correlati alla gengivite così come malattie più gravi quali leucemia, disfunzioni epatiche, disfunzioni renali… Le gengive che sanguinano possono essere il sintomo di un quadro più complesso e spaventoso, quindi, in presenza di altri campanellini d’allarme, non esitate a parlarne con il vostro medico di fiducia.

Gengive che sanguinano, rimedi

La sedia di uno studio dentistico può essere un luogo spaventoso, tuttavia, per garantire una buona salute delle gengive e avere denti bianchi, è consigliato sottoporsi a una seduta di pulizia dei denti una volta ogni sei mesi. In questo paragrafo vedremo quali sono i rimedi naturali per curare le gengive troppo sensibili e sanguinanti.

Attenzione, le gengive sensibili potrebbero indicare la presenza di tartaro o carie dentali. In questo contesto potete trovare rimedi naturali e soluzioni negli articoli intitolati

Gengive che sanguinano, rimedi naturali:

  • – Gargarismi con acqua salata
    Il trattamento è semplice, sciogliete un cucchiaino di sale in un bicchiere d’acqua tiepida. Usate questa soluzione per sciacquare la bocca per circa 1 – 2 minuti. Ripetete questo procedimento dopo il classico lavaggio dei denti.
  • – Bustine di tè
    Le bustine usate per preparare un infuso di tè, possono essere riciclate per il trattamento delle gengive che sanguinano. Quando la bustina è ancora calda (ma non bollente), applicatela sulla zona interessata e fate durare l’impacco per circa 4 – 5 minuti. Si tratta di un antico rimedio della nonna ma con basi certe: le bustine di tè contengono acido tannico, perfetto per alleviare i disturbi gengivali.
  • – Olio essenziale di chiodi di garofano
    L’olio essenziale di olio di garofano va usato diluito in olio extravergine d’oliva. Come fare? Aggiungete 10 gocce di olio essenziale di garofano in un cucchiaio di olio d’oliva, bagnate un cotton fioc da tamponare sulle gengive da trattare. In alternativa potete masticare dei chiodi di garofano essiccati.
  • – Combattere il tartaro
    Il tartaro danneggia gravemente le gengive. Per avere gengive sane e forti, seguite le indicazioni date nell’articolo guida Come eliminare il tartaro.

 

Pubblicato da Anna De Simone il 22 febbraio 2016