Come eliminare il tartaro

come eliminare tartaro

Come eliminare il tartaro: rimedi naturali, prevenzione e tutte le istruzioni per eliminare il tartaro dai denti.

Lavare i denti tutti i giorni, l’uso adeguato del filo interdentale, igiene orale e regolari controlli dentistici sono i punti cruciali per garantirsi una buona salute dentale.

E’ la negligenza a rendervi vittime di problemi come il tartaro e la carie dentale. Troppo spesso capita che laviamo i denti regolarmente ma li spazzoliamo in modo scorretto: le setole dello spazzolino devono raggiungere ogni compartimento dei nostri denti, anche la dentatura interna.

Il tartaro tende a crearsi soprattutto sul retro degli incisivi perché quando laviamo i denti tendiamo a spazzolare soprattutto la parte anteriore dei denti, molari e premolari, dimenticandoci che anche la superficie interna dei denti deve essere spazzolata!

Che cos’è il tartaro?

Il tartaro ha una consistenza dura ed è maleodorante! Si tratta di materiale calcificato dal colore giallastro-brunastro che si forma sulla superficie dei denti. Il tartaro è composto da depositi minerali della saliva, da detriti batterici e placca, questo miscuglio di sostanze appare poroso, duro e difficile da eliminare se ignorato per molto tempo.

Il tartaro, se non opportunamente trattato, può causare alito cattivo, ingiallimento dei denti e problemi gengivali. In casi estremi, la porosità del tartaro può portare severe conseguenze prima sui denti e poi sulla salute delle ossa.

Come eliminare il tartaro

Non è facile eliminare il tartaro senza l’aiuto di un professionista di settore. I dentisti, spesso, per rimuovere il tartaro si avvalgono di diversi strumenti atti a scalfire via questa “crosta dura e maleodorante“. In rari casi, soprattutto se l’igiene orale è stata trascurata per molto tempo, il processo di rimozione del tartaro può essere doloroso: il tartaro può accumularsi fino a penetrare sulla superficie delle gengive. In questo paragrafo vedremo alcuni rimedi fai da te e info su come eliminare il tartaro.

Corretto uso del filo interdentale

Se il tartaro non giace sui vostri denti ormai da anni, avete buone possibilità di riuscire a rimuoverlo con l’ausilio del filo interdentale. Non sarà facile e soprattutto non sarà piacevole: il tartaro verrà via in pezzi calcificati, duri e dal cattivo odore. Man mano che usate il filo interdentale sciacquate la bocca con collutorio diluito in acqua. Per rimuovere il tartaro con il filo interdentale dovrete passare il filo dietro la superficie di ogni dente esercitando una certa forza. Tutte le istruzioni sull’uso del filo interdentale e consigli sulla scelta del miglior filo interdentale da usare sono disponibili nel mio articolo guida Come usare il filo interdentale. Nell’articolo non manca un video esemplificativo.

Dentifricio Tartar-Control 

L’impiego di un dentifricio antitartaro è assolutamente consigliato. I dentifrici antitartaro sono arricchiti con una serie di ingredienti come zinco citrato, fluoro attivo e altri sali minerali. In commercio sono molte le proposte e non mancano le offerte! Non credete di dover spendere più di 5 euro! Al supermercato un dentifricio per combattere il tartaro della nota casa Colgate si compra per 4 euro o poco più di 3 euro per Mentadent, online, gli stessi prodotti si trovano per poco più di un euro! Su Amazon, il Dentifricio Anti Tartaro Mentadent si compra con 1,35 euro e per avere la spedizione gratuita vi basterà combinare l’acquisto con altri prodotti “Plus” utili per l’igiene quotidiana (filo interdentale, shampoo, Tampax, assorbenti…). Se non amate la spesa online, allora affidatevi a ciò che trovate tra gli scaffali del supermercato: i dentifrici antitartaro sono facili da trovare.

Alimentazione

Dopo un’ora dal pasto, masticate attentamente fratta e verdura come mele, carote o melone, questi alimenti vi aiuteranno a pulire i denti in modo naturale migliorando la salute delle gengive. Altri alimenti che fanno bene alla salute dei denti sono indicati nell’articolo intitolato Carie dentale, rimedi naturali.

Spazzolino 

Potrebbe esservi utile l’impiego di uno spazzolino elettrico, oppure, come in premessa, quando spazzolate i denti state attenti a raggiungere anche la superficie posteriore dei denti.

Pulizia dei denti

Fissate un appuntamento con il dentista! La pulizia dei denti è un’operazione da eseguire due volte all’anno, a intervallo di sei mesi.

Se vi è piaciuto questo articolo su come eliminare il tartaro potete seguirmi su Twitter, aggiungermi su Facebook, tra le cerchie di G+ o vedere i miei scatti su Instagram, le vie dei social sono infinite! :)

Pubblicato da Anna De Simone il 18 febbraio 2016