Dandie Dinmont Terrier: club e allevamenti

Dandie Dinmont Terrier

Dandie Dinmont Terrier, un piccolo cane dall’aspetto molto allegro e intelligente, in arrivo dalla Gran Bretagna e con un caratteristico corpo da donnola. Il suo mantello non è certo particolarmente soffice da accarezzare ma è perfetto per la vita che questo cane di solito conduce. Una vita all’aria aperta, in cui il pelo è bene che sia “comodo” e resistente all’acqua.



Dandie Dinmont Terrier: caratteristiche

Alto massimo 25 cm al garrese, questo cane inglese pesa dagli 8 agli 11 Kg di media ed è importante che non diventi troppo pesante: ne potrebbe soffrire risentendo di dolori agli arti e difficoltà di movimento, soprattutto in vecchiaia. Il Dandie Dinmont Terrier ha un tronco leggero ma forte, con costole ben cerchiate e rotonde e arti corti e muscolosi, cosce ben sviluppate che gli regalano una andatura decisa, fluente e sciolta.

Se la coda di questo cane è corta e spessa, la testa dall’altra parte del corpo a donnola appare larga e con dei muscoli mascellari sviluppati. Oltre al classico pelo che la ricopre, mostra anche un ciuffo curioso, il tartufo è molto ampio e nero, impossibile non notarlo. Dal cranio, pendenti e distanti tra loro, spuntano le orecchie per poi aderire alle guance in modo composto, gli occhi sono tondi e mai prominenti, di solito di un intenso color nocciola.

A proposito di colori, quelli del mantello ammessi dallo standard sono due: pepe o senape. Ho accennato prima al fatto che il pelo del Dandie Dinmont Terrier non è molto soffice. Questo non è del tutto vero: il mantello è doppio, quello più aderente alla pelle è morbido, è quello esterno a mostrarsi duro e, accarezzandolo, crespo.

Dandie Dinmont Terrier

Dandie Dinmont Terrier: carattere

La caccia non è che un ricordo per il Dandie Dinmont Terrier che oggi è considerato a tutti gli effetti un cane da compagnia. Il carattere è adatto a questa nuova mansione perché stiamo parlando di un animale molto giocherellone e allegro, con dimensioni ridotte che lo rendono ben gestibile anche in casa e da persone anziane o pigre.

Rispetto al passato, quando era un gran cacciatore, con il cuore grintoso, oggi questo Dandie Dinmont Terrier è più pacato, ha imparato le buone maniere e con il padrone è perfino affettuoso e docile. Resta un cane indipendente e, soprattutto, da portare spesso a passeggiare, non solo per farlo sentire vivo, libero e avventuroso, ma anche per evitare che diventi obeso.

Dandie Dinmont Terrier

Dandie Dinmont Terrier: club

Oltre ad essere membro, con tante altre razze, del gruppo dei Terrier, il Dandie Dinmont Terrier appartiene anche al suo primo Club dedicato, fondato nel 1875, poco dopo sono stati vennero iscritti i primi due esemplari nel registro del Kennel Club di Londra e la razza ha preso piede. In verità non è molto diffusa, neppure in patria, nonostante abbia un nome che dovrebbe portargli un po’ di notorietà.

Dandie Dinmont Terrier è infatti tratto dagli scritti di Walter Scott, autore di “Ivanhoe”, il protagonista di un suo racconto a sua insaputa ha regalato il nome a questo Terrier che risulta così l’unico finora sulla faccia della Terra a non chiamarsi come la propria regione di origine.

Dandie Dinmont Terrier

Le origini di questo cane scozzese sono da cercare negli incroci realizzati dai cacciatori locali che volevano un animale coraggioso, tenace e allo stesso tempo discreto. I lavori di selezione sono cominciati già nei primi anni del XVII secolo, nelle fattorie dell’area, coinvolgendo anche esemplari del “cane della foresta di Rothbury”, progenitore dell’attuale “Bedlington”. C’è chi pensa che anche il “Bassotto tedesco” sia nel sangue del nostro Dandie Dinmont Terrier ma a riguardo non esistono documenti.

Dandie Dinmont Terrier: allevamenti

In Italia l’ENCI riporta nel proprio sito solo un allevamento specializzato per il Dandie Dinmont Terrier ed è nel viterbese, si chiama Sunjoy’s. Potrebbero esserci altre strutture che tengono esemplari di questa razza, assieme ad altri Terrier, ma non è certo facile trovare un cane di questi in Italia.

Dandie Dinmont Terrier

Dandie Dinmont Terrier: prezzo

Se è arduo trovare un esemplare di Dandie Dinmont Terrier, ancora più difficile stimarne il prezzo, resta quindi un cane da conoscere ma da non intestardirsi a cercare quando ce ne sono molti altri ben più semplici da avere. Per non parlare dei tanti animali che nei canili aspettano un padrone e sono tanto sensibili e dignitosi quando questo terrier.

Se vi è piaciuto questo articolo continuate a seguirmi anche su TwitterFacebookGoogle+Pinterest

Vi potrebbero interessare anche:

Pubblicato da Marta Abbà il 29 ottobre 2016