Come usare gli oli essenziali

come usare oli essenziali

Come usare gli oli essenziali. Come si utilizzano gli oli essenziali? Ecco consigli pratici per sfruttare a pieno i benefici degli oli essenziali più comuni.

L’uso degli oli essenziali sta diventando molto popolare negli ultimi tempi. Sarà perché iniziano ad arrivare, timidamente, le prime conferme delle teorie su cui si basa l’aromaterapia, sarà che sempre molta più gente è a caccia di rimedi naturali… gli oli essenziali sono ormai alla ribalta!

L’uso degli oli essenziali può tornare utile nella pratica quotidiana, per pulire la casa, per prendersi cura di pelle e capelli o per migliorare la nostra salute e la qualità della vita.

In aromaterapia si prescrivono gli oli essenziali anche per uso interno, ma su questo fronte vi raccomandiamo di consultarvi con un buon erborista ma anche con il medico di fiducia per assicurarsi che non vi siano interazioni con farmaci, alimenti o reazioni allergiche.

Come usare gli oli essenziali, 7 modi

#1. Per contrastare il mal di testa

Un rimedio naturale contro l’emicrania consiste nell’aggiungere 8 gocce di olio essenziale di lavanda e 4 gocce di olio essenziale di menta piperita a un bicchierino (50 ml) di Olio di mandorle dolci. Frizionate le tempie con un massaggio circolare usando questo composto. Chi soffre di mal di testa cronico può farlo 2 o 3 volte al giorno.

#2. Per pulire bottiglie e borracce

Se andate in bicicletta o in gita impiegando la vostra classica borraccia, potreste avere la necessità di lavarla con olio essenziale di limone. L’essenza di limone annovera proprietà antisettiche e antivirali, è ottimo a contrastare gli odori ed è perfetto per pulire le borracce. Aggiungete 1 o 2 gocce di questa essenza direttamente nella borraccia, riempirla d’acqua e agitare bene. Se impiegate un olio essenziale puro e sicuro, non sarà neanche necessario risciacquare dopo l’uso.

#3. Per fare un deodorante stick

Un deodorante anti-odore, naturale, fresco e in grado di rispettare la pelle può essere preparato a partire da ingredienti naturali ricchi di oli essenziali. Le istruzioni sono contenute nell’articolo deodorante stick fai da te per uomo o donna. La differenza di genere è dettata dalla scelta degli oli essenziali da usare che hanno una fragranza più o meno accentuata in base all’impiego del deodorante.

#4. Massaggi rilassanti per allontanare stress e tensioni nervose

Per un massaggio anti-stress si può preparare un unguento unendo 6 gocce del preziosissimo olio essenziale di Nardo in un cucchiaio di olio di mandorle dolci per effettuare un leggero massaggio all’interno delle braccia per risalire fino al petto. Il massaggio andrebbe effettuato due volte al giorno, al mattino e alla sera. Se l’olio essenziale di nardo risulta troppo costoso per i vostri gusti, potete sostituirlo con olio essenziale di Melissa.

#5. Massaggi tonificanti

Un unguento per massaggi tonificanti si prepara con olio essenziale di Pino Silvestre. Questo olio essenziale ha spiccate proprietà tonificanti, per un forte effetto anticellulite, si può diluire al 2% in olio di avocado.

#6. Massaggi anticellulite

L’olio essenziale di carota annovera spiccate proprietà drenanti tanto da essere consigliato nella preparazione di unguenti per massaggi anti-cellulite: aiuta il sistema linfatico a drenare via le tossine e, al contempo, stimola la circolazione. Per la preparazione di un unguento anti-cellulite basterà aggiungere 5 gocce di questo olio essenziale in un cucchiaio di olio di germe di grano, un altro ottimo olio vettore per chi è a caccia di rimedi naturali contro la cellulite.

#7. Per la cura dei capelli

Il migliore olio essenziale da usare per curare i capelli in modo naturale è l’olio essenziale di cedro. Consigliato per rinforzare i capelli, stimolarne la crescita, combattere la forfora… molto utile sia per capelli grassi, sia per capelli secchi. Riesce a idratare la cute e funziona meglio se combinato con olio portante: olio di jojoba per capelli.

utilizzo oli essenziali

Come usare gli oli essenziali, controindicazioni

Ogni olio essenziale presenta specifiche controindicazioni. In genere, le controindicazioni sono prevalentemente per uso interno. L’unica controindicazione per uso esterno sta nelle diluizioni.

Gli oli essenziali non vanno mai usati puri sulla pelle perché possono dare vita a irritazioni anche gravi. L’olio essenziale va diluito in olio vettore a concentrazioni che raggiungono un massimo del 3%. Per gli oli essenziali forti come quello di timo, chiodi di garofano o cannella, la concentrazione scende addirittura tra lo 0,5 e l’1%.  Gli oli essenziali considerati “forti” sono ricchi di fenoli o aldeidi dermocaustici, cioè principi attivi che possono causare forti irritazioni cutanee.

Pubblicato da Anna De Simone il 28 febbraio 2016