Come scegliere il barbecue

Come scegliere il barbecue

Come scegliere il barbecue: quanti tipi di barbecue esistono e quale modello comprare. Ecco una panoramica generale sui tipi di barbecue disponibili e consigli alla scelta.

Il barbecue è un elemento imprescindibile in giardino: nelle giornate soleggiate d’inverno riscalda con la sua brace e nelle belle stagioni può regalare pranzi all’aperto davvero saporiti! Allora cosa aspetti? Non ti resta che capire quale barbecue comprare.

Tipi di barbecue

E’ facile dire barbecue ma in realtà con questo termine si possono indicare dispositivi molto diversi tra loro. Diversi sia in termini di alimentazione che per struttura. Generalizzando, abbiamo:

  • Barbecue in muratura
  • Barbecue in sospensione
  • Barbecue pieghevoli
  • Barbecue portatili
  • Barbecue a legna (che in realtà sono veri e propri forni in materiale refrattario dotati di griglie)

Per quanto riguarda il tipo di alimentazione, vi sono:

  • Barbecue elettrici
  • Barbecue a gas
  • Barbecue a carbonella / legna

Alcuni barbecue portano accessori molto utili e quasi indispensabili per la cottura. Tra le “plus” da valutare vi sono:

  • Coperchi
  • Paravento
  • Raccoglicenere
  • Cestello accendifuoco (si può comprare a parte per 10 – 20 euro)

Vediamo subito alcuni consigli che possono aiutarti a capire quale barbecue comprare in base alle tue esigenze.

Come scegliere il barbecue a carbonella

Le carbonelle consentono una cottura unica regalando un sapore caratteristico alle portate, si trovano modelli per ogni tasca dai più economici ai più popolari Weber. Consentono diverse modalità di cottura (cottura diretta e indiretta), i modelli barbecue Weber, così come quelli più accessoriati, dispongono di un coperchio molto utile nella cottura degli alimenti. Per capire quale barbecue a carbonella scegliere ti consiglio di leggere i miei articoli dedicati alla cottura con il bbq e alla sua accensione. Perché è vero che i bbq a carbonella sono molto performanti, ma è anche vero che si gestiscono più difficilmente di un barbecue elettrico o a gas.

Leggendo queste due guide capirai che:

  1. Meglio scegliere un barbecue con coperchio
  2. Meglio scegliere un barbecue con termometro integrato così da monitorare la temperatura
  3. Dovrai comunque acquistare un termometro a sonda se vuoi cuocere tagli di carne molto doppi
  4. Meglio acquistare un cestello accendifuoco
  5. Dovrai comprare carbonelle di buona qualità
  6. Per accenderlo occorrono almeno 30 minuti, quindi è meno pratico dei bbq a gas o elettrici
  7. Necessita di più manutenzione per la pulizia del braciere a carbone

Se stai pensando a un barbecue in muratura o a un barbecue a legna, puoi leggere le guide dedicate al forno a legna:

Come scegliere il barbecue a gas

La cottura a carbone dona ai cibi un sapore deciso, tipico della griglia ma il gas è indubbiamente più pratico del carbone. E’ indicato per chi vuole un barbecue in terrazza, sul balcone del condominio (dove i fumi sono visti di cattivo occhio) e soprattutto regala tempi di attesa più brevi.

Insomma, un barbecue a gas è sicuramente più pratico di uno a carbone. La pulizia della griglia è facilitata, non emette fumo, è facile da usare e spesso, i modelli più completi, sono correlati di barre aromatizzanti e comodi ripiani appoggia vivande. In questo contesto, ci sono diverse valutazioni da fare sul tipo di materiale. Abbiamo, infatti:

  • Barbecue a gas con pietra lavica (la pietra non si scalda in modo uniforme, è difficile da gestire nella cottura e da pulire… in ogni caso si può usare anche nel bbq a carbonella)
  • Barbecue a gas con diffusori in acciaio (dispongono di diffusori di calore in acciaio con barre aromatizzanti così da aromatizzare di più le pietanze)
  • Tipo di alimentazione (butano, propano, gas liquido…)
  • Zone del gas
  • Presenza di coperchio con termometro
  • Barbecue a gas che si possono alimentare anche a cabrone

La pietra lavica può essere sostituita con una ceramica antifiamma che offre buone prestazioni con una distribuzione del calore uniforme.

Come scegliere un barbecue elettrico

Da non sottovalutare i bbq elettrici, davvero facili da gestire e semplificano tutto: ti basta una presa elettrica e il gioco è fatto! Anche in questo caso non si ha la produzione di fumo.

Vi sono barbecue elettrico con la classica griglia e/o con la plancha, cioè una piastra di ghisa molto comoda e che distribuisce il calore in modo uniforme. Sfrutta solo il metodo di cottura diretto anche se nei nuovi modelli sono previste griglie rialzate che possono allontanare il cibo dalla fonte di calore. I bbq elettrici sono perfetti per chi ha poco spazio e vuole puntare alla praticità.

Pubblicato da Anna De Simone il 8 agosto 2018