Come conservare i fichi

come conservare i fichi

Come conservare i fichi: dall’essiccazione dei fichi alla conservazione nei barattoli. Consigli per conservare i fichi per lunghi periodi.


I fichi, frutto tipico dell’estate, sono molto delicati e tendono a deteriorarsi con rapidità. Vi siete mai chiesti perché i fichi sono più difficili da trovare nei supermarket? Proprio per la loro delicatezza. Per la grande catena di distribuzione i fichi sono più difficili da trasportare e commercializzare.

E’ per questo motivo che in commercio sono più facilmente reperibili fichi secchi o in marmellata, generalmente fichi secchi e confetture di fichi provengono dall’estero.

Chi ha la fortuna di disporre di un fico in giardino, si ritroverà con un’abbondanza di fichi durante il raccolto. Già, la pianta di fichi è molto produttiva e può essere difficile, per una sola famiglia, consumare l’intero raccolto! E’ in questo contesto che può essere utile conoscere forme di conservazione a lungo termine dei fichi.

Come scegliere i fichi freschi

Dato che i fichi freschi sono facilmente deperibili, è consigliabile acquistarli o raccoglierli solo uno o due giorni prima di consumarli.

Al momento dell’acquisto, scegliete quelli che sono paffuti e teneri, senza ammaccature, con un profumo leggermente dolce: assicuratevi che non abbiano un odore acre, significa che sono già andati a male.

Fichi freschi, metodo di conservazione

I fichi maturi non vanno lavati fino al momento di consumarli inoltre vanno tenuti coperti in frigorifero, mentre i fichi acerbi vanno tenuti a temperatura ambiente.

Dato la loro veloce deperibilità, in caso di grosse scorte possiamo preparare delle buonissime marmellate di fichi o cimentarci nella preparazione dei fichi secchi.

Come conservare i fichi, marmellate

Poiché il fico è un frutto molto dolce, non è necessario aggiungere troppo zucchero. Potete preparare una splendida marmellata di fichi senza zucchero così da gustarli al naturale anche nei mesi invernali.

Vediamo subito la ricetta della marmellata di fichi senza zucchero o con l’aggiunta di zucchero di canna.

Ingredienti

  • 1 kilo di fichi freschi
  • 500 ml di acqua
  • 1 limone non trattato

Per una confettura più dolce, aggiungete 200 gr di zucchero di canna.

Preparazione della confettura di fichi fatta in casa

  1. Prendete i fichi freschi ben maturi, togliete la buccia e fateli a pezzetti.
  2. In una pentola in acciaio versate l’acqua e lo zucchero man mano, dovrete sciogliere tutto lo zucchero, fino a che arrivi ad ebollizione.
  3. Una volta ottenuto lo sciroppo, aggiungete i pezzetti di fico e il succo del limone poi mescolate il tutto a fiamma lenta per circa mezz’ora, avendo cura di togliere la schiuma bianca che probabilmente si creerà in superficie. E’ normale che si formi quella schiuma.
  4. Dovrete mescolare fino a quando non otterrete la densità di marmellata che preferite.
  5. A questo punto, trasferite il composto ancora caldo in barattoli sterilizzati, lasciate raffreddare e chiudete ermeticamente solo quando la confettura si sarà intiepidita.

Marmellata di fichi, mandorle e rum

Ecco una ricetta della marmellata di fichi all’aroma di rum.

  • 600 grammi di fichi sbucciati e tagliati come descritto in precedenza
  • 150 grammi di zucchero
  • 50 ml di rum
  • 1/2 arancia
  • 50 grammi di mandorle spellate e tostate

Il procedimento è pressoché identico: dopo 20 minuti di cottura della confettura, unite le mandorle tritate e tostate e aggiungete anche il rum.

Per una migliore conservazione, i vasetti vanno tenuti al buio e in un luogo fresco e pulito.

Come fare i fichi secchi

Per questa operazione bisogna far essiccare al sole i fichi freschi ben maturi per una settimana oppure, in caso di umidità, più di 10 giorni.

I fichi dovranno perdere una buona percentuale di acqua. Questa procedura rende i fichi ancora più dolci e calorici rispetto a quelli freschi.

I fichi secchi che trovate in commercio sono stati trattati con sostanze chimiche per disinfestare i frutti da possibili parassiti. In ambito domestico è sconsigliato qualsiasi trattamento. Limitatevi a ispezionare l’interno dei fichi quotidianamente e a coprirli con una retina a maglie strettissime così da evitare che insetti possano poggiarci sopra o depositare uova.

Per quanto riguarda l’essiccazione in casa potete fare in questo modo: fateli semplicemente seccare su un vassoio rivestito di carta forno e coprite il tutto con una retina per tenere lontani gli insetti. Possono essere essiccati sia interi che tagliati a metà nel senso della lunghezza.

A seconda del caldo e del sole i fichi sono pronti in 3-7 giorni, dovrete però provvedere ogni giorno a ritirarli al tramonto per non far assorbire l’umidità della notte. Una volta essiccati i fichi,  dovrete passarli in forno preriscaldato a 100 °C per circa 10 minuti così da farli dorare… Attenzione a non esagerare altrimenti i fichi secchi diventeranno duri.

A questo punto potrete provvedere alla conservazione nei barattoli sterilizzati.

Per informazioni più dettagliate per l’essiccazione dei fichi interi o per essiccare i fichi in essiccatori elettrici vi invitiamo a consultare la nostra guida: come essiccare i fichi.

Pubblicato da Anna De Simone il 16 agosto 2017